Jeff Bezos annuncia una squadra all-star per il lander lunare di Blue Origin's Blue Moon

WASHINGTON, DC – Jeff Bezos, miliardario di Amazon, afferma che la sua impresa spaziale Blue Origin sta guidando un team di grandi compagnie spaziali – tra cui Lockheed Martin, Northrop Grumman e Draper – per costruire un sistema di atterraggio per portare gli astronauti della NASA sulla luna già nel 2024.
"Questa è una squadra nazionale per una priorità nazionale", ha dichiarato Bezos qui al Congresso Astronautico Internazionale, dove ha ricevuto il primo premio Excellence in Industry della Federazione Astronomica Internazionale per conto di Blue Origin.
Blue Origin sarebbe stato il principale appaltatore del progetto lander, con il suo lander Blue Moon al centro del sistema.
Bezos disse che Northrop Grumman, che aveva costruito il lander lunare per il programma Apollo mezzo secolo fa, sarebbe stato responsabile del veicolo di trasferimento orbitale che avrebbe portato gli astronauti da una piattaforma Gateway orbitante attorno alla luna a un'orbita lunare inferiore.
È tempo di tornare sulla Luna, questa volta per restare.
@LockheedMartin @northropgrumman @DraperLab @blueorigin #gradatimferociter pic.twitter.com/SMEUdriJhh – Jeff Bezos (@JeffBezos) 22 ottobre 2019 Lockheed Martin, il principale appaltatore per la capsula spaziale Orion della NASA, costruirà il modulo dell'equipaggio della risalita che vorrebbe costruire sedersi in cima al lander Blue Moon e riportare gli astronauti dalla superficie lunare.
La compagnia avrebbe anche guidato le operazioni di volo con equipaggio e l'addestramento.
Draper, che ha lavorato sull'avionica per Apollo, avrebbe lavorato sul sistema di guida alla discesa e sull'avionica di volo.
I dirigenti di Blue Origin hanno dichiarato che il sistema è stato proposto per l'uso della NASA secondo i termini della sollecitazione NextSTEP-2 dell'Appendice H dell'agenzia spaziale.
La NASA dovrebbe selezionare almeno un paio di sistemi di sbarco per ulteriori sviluppi a gennaio.
I sistemi che alla fine saranno selezionati servirebbero da elementi chiave nel programma Artemis della NASA per inviare "la prima donna e il prossimo" sulla superficie lunare in appena cinque anni.
A maggio, Bezos ha svelato un modello del lander Blue Moon e ha rivelato che la sua compagnia spaziale privata stava lavorando su un motore BE-7 alimentato a idrogeno per fornire propulsione.
Durante il congresso di questa settimana, il modello è stato allestito nello stesso centro congressi dove Bezos ha fatto la grande rivelazione.
L'amministratore delegato di Blue Origin, Bob Smith, ha dichiarato in un comunicato stampa che lui ei suoi colleghi di Blue Origin sono stati "umiliati e ispirati a guidare questo team profondamente impegnato che farà sbarcare gli astronauti della NASA sulla luna." "Combinare l'eredità dei nostri partner con il nostro progresso lavorando sul lander lunare Blue Moon e sul suo motore BE-7, il nostro team non vede l'ora di lavorare con la NASA a supporto del programma Artemis ", ha affermato Smith.
Lockheed Martin ha lavorato sul suo concetto di lander lunare per l'uso della NASA, ma ha deciso di unire le forze con Blue Origin per la proposta dell'Appendice H – in parte perché la linea temporale per un atterraggio del 2024 è così stretta.
"Apprezziamo l'approccio ponderato di Blue Origin allo sviluppo di sistemi di volo a classificazione umana e siamo entusiasti di far parte di una squadra nazionale con questo mix di innovazione ed esperienza", ha affermato Rick Ambrose, vice presidente esecutivo di Lockheed Martin Space.
"Non vediamo l'ora di riportare in sicurezza e in modo sostenibile la nostra nazione sulla superficie della luna entro il 2024".
Come Lockheed Martin, Northrop Grumman è già coinvolta in altri aspetti del programma Artemis, tra cui i solidi lanciarazzi per il lancio spaziale della NASA.
System rocket, il sistema di fuga degli astronauti per la capsula di Orion e il modulo di abitazione per l'avamposto Gateway.
"Siamo orgogliosi di far parte del team nazionale Blue Origin per supportare il programma Artemis della NASA e l'obiettivo ambizioso di tornare sulla luna entro il 2024", ha dichiarato Blake Larson, vicepresidente aziendale e presidente di Innovation Systems presso Northrop Grumman in un dichiarazione.
Bezos ha fatto il suo annuncio Blue Moon al termine di una chiacchierata con il presidente entrante IAF Pascale Ehrenfreunde, che presiede il consiglio di amministrazione dell'agenzia aerospaziale DLR tedesca.
Ecco altri punti salienti della chat: il premio IAF è stato assegnato a Blue Origin per il lavoro dell'azienda Kent, con sede a Kent, sul veicolo spaziale suborbitale riutilizzabile New Shepard, che sta effettuando voli di prova senza equipaggio in Texas.
Bezos ha riprodotto un video di "grandi successi" sui voli di New Shepard e ha propagandato il motore a razzo BE-3 dell'imbarcazione.
"Vogliamo che il motore BE-3 sia il motore più usato e più volato al mondo", ha detto.
I voli con equipaggio dovrebbero iniziare l'anno prossimo.
Bezos ha anche mostrato un video time-lapse di un cono di 7 metri di larghezza (23 piedi di larghezza) per il razzo New Glenn di classe orbitale Blue Origin fabbricato in una fabbrica della Florida.
Il video mostrava un corriere robotico, non diverso da quelli utilizzati nella più nota impresa commerciale di Bezos, che trasportava la struttura attraverso un vasto piano industriale.
"New Glenn volerà nel 2021", ha detto Bezos.
Bezos ha ribadito la sua opinione spesso espressa secondo cui la riduzione dei costi di accesso allo spazio dovrebbe scatenare uno scoppio di creatività imprenditoriale, analogo all'aumento di iniziative basate su Internet come Amazon e Facebook.
"Voglio vivere a lungo in modo da poterlo vedere", ha detto il miliardario 55enne.

Commenti

commenti