La NASA conferma l'ultimo programma Boeing per i test finali del taxi spaziale Starliner

La NASA ha confermato oggi che Boeing è programmato per condurre il prossimo test di alto profilo della sua capsula spaziale CST-100 Starliner tra poco più di tre settimane.
I dati target per il test di interruzione del pad di Starliner sono fissati per il 4 novembre alla White Sands Missile Range nel New Mexico, ha detto la NASA.
Ciò è in linea con il piano che John Mulholland, dirigente della Boeing, ha presentato all'inizio di questa settimana al simposio spaziale del New Mexico.
Se il test del mese prossimo avrà esito positivo, Boeing punterà il 17 dicembre per il lancio di uno Starliner senza equipaggio alla Stazione Spaziale Internazionale dalla Stazione dell'Aeronautica di Cape Canaveral in Florida, in cima a un razzo United Launch Alliance Atlas 5.
E se quel volo di prova avrà successo a sua volta, Boeing dovrebbe inviare un equipaggio di caccia spaziali su un volo dimostrativo alla stazione spaziale all'inizio del 2020.
Questo è all'incirca lo stesso orario a cui SpaceX sta lavorando per il primo volo con equipaggio del suo Crew Dragon taxi spaziale.
SpaceX e Boeing stanno sviluppando le astronavi in base a contratti da miliardi di dollari con la NASA.
Boeing Starliner e SpaceX's Crew Dragon sono progettati per ospitare fino a sette astronauti per viaggi da e verso la stazione spaziale, ripristinando una capacità di lancio con equipaggio statunitense che è stata persa nel 2011 quando la NASA ha ritirato la flotta di navetta spaziale.
La NASA sta attualmente pagando all'agenzia spaziale russa oltre 80 milioni di dollari al posto per i viaggi sul veicolo spaziale russo Soyuz.
Il test di interruzione del pad del Boeing prevede che un veicolo spaziale Starliner non avvitato spari i suoi motori di interruzione del lancio per saltare fuori da un pad di prova, salire a circa un miglio in aria e fare un atterraggio a circa un miglio di distanza con l'aiuto di paracadute e airbag.
Un simile scenario entrerebbe in gioco durante una vera missione se un'emergenza sulla piattaforma di lancio richiedesse all'equipaggio e alla sua capsula di lanciarsi in salvo.
Aggiornamento SpaceX: il capo della NASA e Elon Musk danno "la migliore ipotesi" per il grande volo di Dragon Più di un anno fa, Boeing subì una battuta d'arresto significativa quando un test del sistema di interruzione del lancio fallì a causa di una perdita indesiderata di propellente.
Il problema ha comportato mesi di ritardo, ma i motori di interruzione del lancio hanno superato un test simile a maggio.
L'equipaggio per il volo dimostrativo Starliner del prossimo anno è composto dagli astronauti della NASA Mike Fincke e Nicole Mann, oltre al pilota collaudatore Boeing Chris Ferguson.
Ferguson arrivò a Boeing dal corpo di astronauti della NASA, dove prestò servizio come comandante del volo finale della flotta della navetta nel luglio 2011.
Durante quella missione, lui e i suoi compagni di squadra lasciarono una piccola bandiera americana destinata a essere recuperata e restituita sulla Terra dal prossimo l'equipaggio sarà lanciato dal suolo americano.
Ora Ferguson spera di far parte del team per il recupero.
"Un po 'come una versione adulta di' cattura la bandiera", ha detto a Reuters ad agosto.

Commenti

commenti