Amazon fa causa agli "allenatori" di e-commerce, sostenendo che hanno insegnato tattiche subdole ai venditori

Amazon sta accusando due uomini della California di ingannare aspiranti venditori di terze parti con la promessa di apprendere i segreti di fare un "reddito passivo" sulla piattaforma di e-commerce del gigante della tecnologia.
In una nuova causa, Amazon accusa Michael Gazzola, Matthew Behdjou e diverse società collegate di aver perpetrato un regime che include catene di recensioni false, marketing disonesto, violazione dei marchi di Amazon e altro ancora.
Amazon ha cercato aggressivamente di eliminare le frodi sulla sua piattaforma e questo caso contiene molti degli elementi che il gigante della tecnologia sta cercando di controllare.
Gazzola e Behdjou sono apparsi in una storia di gennaio 2019 in The Atlantic, "Come perdere decine di migliaia di dollari su Amazon." imprenditori in tutto il paese ”, ha scritto Amazon nella causa intentata presso il tribunale federale di Seattle.
"Queste vittime pagano fino a decine di migliaia di dollari ai Convenuti sulla base della falsa rappresentazione dei Convenuti di un'affiliazione con Amazon, basandosi su queste false dichiarazioni per avviare un'attività commerciale che vende su Amazon".
Gli imputati usano una serie di siti Web, video e podcast per attirare potenziali clienti.
L'uso massiccio dei loghi di Amazon fa sembrare i programmi affiliati alla società in qualche modo, secondo la causa.
Una volta che i clienti si iscrivono per saperne di più, gli imputati li chiamano e inviano e-mail per farli partecipare ai seminari e partecipare al programma.
Gazzola e Behdjou hanno lavorato insieme in un sito chiamato Amazon Secrets dal 2016 al 2018, prima di separarsi per costruire le proprie attività di "coaching".
Tuttavia, Amazon afferma che continuano a collaborare.
Una delle aziende citate nella denuncia, Online Secrets, addebita agli studenti tra $ 5.000 e $ 10.000 per programmi che vanno da tre mesi a un anno, sostiene Amazon.
I programmi pretendono di mostrare ai clienti come creare le proprie attività Amazon, vendere profitti acquistati dalla Cina sul mercato e-commerce, pubblicizzare i consumatori e convincere i clienti a lasciare recensioni positive.
Amazon afferma che, una volta che le persone si uniranno al programma, saranno "incaricate di scambiare recensioni nel tentativo di aumentare l'importanza della loro lista di prodotti sui negozi Amazon", secondo la denuncia.
I partecipanti al programma presumibilmente acquistano prodotti gli uni dagli altri, rivedono gli articoli, quindi ricevono gli acquisti rimborsati tramite un servizio come PayPal o Venmo.
Le recensioni sembrano legittime e questo aiuta quei venditori a ottenere maggiore visibilità sul sito.
Questo crea quello che Amazon chiama un "ciclo perpetuo di recensioni truccate".
GeekWire non è stato in grado di raggiungere Gazzola e Behdjou per un commento sulla causa questa settimana.
Ma il loro lavoro non sta esattamente volando sotto il radar.
I loro video e podcast sono facili da trovare e alcuni sono saliti in cima alle classifiche.
Nella sua storia di Gazzola e Behdjou all'inizio di quest'anno, L'Atlantico ha parlato con persone che hanno versato decine di migliaia di dollari nel programma con poco da dimostrare.
Tuttavia, l'Atlantico ha anche trovato un caso di uno studente di successo, che ha fatto abbastanza su Amazon per viaggiare con la sua famiglia.
Hanno detto separatamente all'Atlantico che il programma ha aiutato migliaia di venditori ad avere successo, e hanno respinto l'idea che le loro strategie equivalgono a uno schema per arricchirsi rapidamente.
Behdjou ha persino invitato la giornalista atlantica Alana Semuels a partecipare a uno dei suoi seminari.
I siti presentano testimonianze di studenti di successo, con molti di essi sovrapposti tra i siti.
Tuttavia, i siti includono anche un avvertimento di esclusione di responsabilità che i guadagni futuri non sono garantiti.
Gazzola e Behdjou non sono gli unici autoproclamati coach di Amazon che la società ha portato in tribunale.
Amazon e il procuratore generale dello Stato di Washington nel 2017 hanno citato in giudizio un gruppo che ha rivendicato un'affiliazione con il colosso della vendita al dettaglio e ha offerto seminari costosi incentrati sul fare soldi come venditore di terze parti.
La Federal Trade Commission degli Stati Uniti si è successivamente unita e la questione è stata risolta fino a $ 102 milioni.
Amazon ha anche represso le recensioni sui prodotti, vietando la maggior parte delle recensioni fatte in cambio di articoli gratuiti e scontati e citando in giudizio numerosi gruppi che ritiene siano state create recensioni false.
All'inizio di quest'anno, la FTC ha presentato le prime accuse contro un'azienda per aver pagato recensioni false su Amazon.
Ecco la causa completa: Amazon vs Online Secrets et al di Nat Levy su Scribd

Commenti

commenti