Il motore di ricerca di Semantic Scholar di AI2 ora comprende l'intera gamma di articoli scientifici

L'Allen Institute for Artificial Intelligence di Seattle afferma che il suo motore di ricerca accademico, Semantic Scholar, è ora al passo con i tempi – grazie a un potenziamento della potenza di Microsoft che ha contribuito ad espandere la sua portata in ogni campo della scienza.
Nel giro di pochi mesi, il database di Semantic Scholar è passato dall'indicizzazione di 40 milioni di articoli di ricerca in informatica e biomedicina a oltre 175 milioni di articoli.
Il database comprende non solo le scienze fisiche secolari, ma anche scienze politiche e sociologia, arte e filosofia.
"Questo ci ha permesso di fare le ricerche che abbiamo fatto nel rendere l'IA uno strumento per superare il sovraccarico di informazioni nella scienza [e trasformarlo in] uno strumento che ora è utilizzabile, essenzialmente da tutti gli studiosi di tutto il mondo", Doug Raymond, generale manager di Semantic Scholar, ha dichiarato a GeekWire.
Raymond ha affermato che l'Allen Institute for Artificial Intelligence, o AI2, ha anche collaborato con Impactstory e Unpaywall per migliorare la copertura delle pubblicazioni ad accesso aperto.
Tali collaborazioni hanno consentito all'AI2 di analizzare come le pubblicazioni ad accesso aperto stanno cambiando il modo in cui i risultati scientifici sono distribuiti.
Semantic Scholar persegue il suo piano di espansione gradualmente dal primo dell'anno, ma sulla base delle statistiche sull'utilizzo, i fan del motore di ricerca hanno già notato la differenza.
"Il nostro punteggio massimo nel 2018 è stato di poco più di 2 milioni di utenti attivi mensili", ha detto Raymond.
"Ora siamo a oltre 6 milioni.
A causa in parte della nostra espansione in altre aree della scienza – e anche a causa, credo, delle nuove funzionalità che siamo in grado di supportare con la nostra ricerca sull'intelligenza artificiale – stiamo assistendo a una crescita costante nell'uso durante tutto l'anno, che è un la convalida del nostro obiettivo di fornire qualcosa a beneficio del progresso della scienza in generale.
”Raymond ha affermato che le basi per l'espansione sono state poste alla fine dell'anno scorso, con Microsoft come partner chiave.
"Questa è una fruizione di alcuni dei nostri lavori, a partire dal Microsoft Academic Graph e dal gruppo di ricerca Microsoft che ha sviluppato il Microsoft Academic Graph, per espandere il nostro campo di applicazione in alta qualità", ha affermato.
“Questo è uno dei motivi per cui non lo avremmo fatto un anno o due anni fa.
Volevamo assicurarci che l'esperienza fosse buona o migliore di quella dei domini inizialmente coperti.
"AI2 doveva assicurarsi che i modelli di computer che aveva addestrato per classificare le carte sull'informatica e la biomedicina per i contenuti più pertinenti per un la ricerca data funzionerebbe anche per più di una dozzina di altri campi di ricerca.
L'istituto ha inoltre collaborato con più di una dozzina di editori accademici per estendere la portata del motore di ricerca ad angoli precedentemente chiusi.
Oltre a cercare documenti di ricerca pertinenti, Semantic Scholar ora fornisce collegamenti a notizie, articoli di blog e video che sono stati suscitati da tali documenti, il che è particolarmente utile per mettere il testo originariamente scritto per un pubblico accademico in termini più facilmente comprensibili.
Raymond ha detto che l'annuncio di oggi segna il culmine della lunga campagna di AI2.
"Ora abbiamo raggiunto il livello in cui pensiamo che la nostra esperienza sia di alta qualità in tutti i settori", ha detto.
Lo studioso semantico può essere utilizzato come strumento per condurre ricerche originali e per trovare ricerche precedentemente pubblicate.
Ecco alcuni esempi: uno studio ha stabilito che potrebbero essere necessari 118 anni affinché le scienziate informatiche raggiungano la parità con le controparti maschili nella pubblicazione di articoli di informatica.
Un altro studio ha riportato prove di distorsioni di genere negli studi clinici, sulla base di un'analisi dei dati di oltre 43.000 articoli pubblicati e 13.000 registrazioni di studi clinici.
Ancora un altro studio ha scoperto che la Cina ha già superato gli Stati Uniti nel volume grezzo della ricerca sull'IA pubblicato ed è sulla buona strada per delimitare gli Stati Uniti.
Nella ricerca di alta qualità dell'IA entro il 2025.
Più recentemente, Semantic Scholar ha aiutato AI2 monitorare l'ascesa della ricerca ad accesso aperto.
Raymond ha affermato che il numero totale di articoli di ricerca ad accesso aperto sta aumentando ad un tasso medio annuo del 9,9% negli ultimi 10 anni, al punto che ora rappresentano il 29% di tutti gli articoli pubblicati.
L'analisi di AI2 mostra anche disparità nell'adozione della pubblicazione ad accesso aperto, a seconda della disciplina accademica: Raymond ha affermato che il 45% dei lavori di ricerca su argomenti biologici è disponibile tramite accesso aperto, rispetto a circa il 15% dei lavori incentrati sulle discipline umanistiche.
Il motore di ricerca può anche essere utilizzato come trampolino di lancio per nuove applicazioni e servizi online.
Un primo esempio è Supp.AI, uno strumento di ricerca che aiuta i medici e i consumatori a scoprire come farmaci e integratori alimentari potrebbero interagire.
"Tutte le università, tutti gli scienziati oggi dovrebbero guardare ai molti modi in cui l'IA e il deep learning possono far progredire la ricerca e il progresso scientifico", ha dichiarato il CEO di AI2 Oren Etzioni in un comunicato stampa.
Come gli altri strumenti software sviluppati presso AI2, Semantic Scholar è gratuito per il pubblico, in linea con la filosofia della scienza aperta che ha guidato il compianto fondatore e filantropo di Microsoft Paul Allen quando ha creato l'istituto nel 2013.
“Non abbiamo mai addebitati e non intendiamo mai rendere i nostri servizi basati su abbonamento o addebitare costi per loro ", ha affermato Raymond.
"Pensiamo a Semantic Scholar come uno strumento gratuito per qualsiasi università o studioso da utilizzare.

Siamo senza fini di lucro e la nostra missione è rendere la scienza più accessibile.
"

Commenti

commenti