Tech

Perché questa investitrice di software aziendale è ottimista sull'intelligenza artificiale e come sta valutando le nuove startup

Sheila Gulati ha trascorso gli ultimi dieci anni come amministratore delegato di Tola Capital immersa nella trasformazione del cloud, investendo in startup di software aziendale all'avanguardia che hanno sfruttato le nuove innovazioni nelle applicazioni e piattaforme digitali.
Gulati, ex leader del cloud presso Microsoft, vede un simile cambio di passo all’orizzonte con la rivoluzione dell’intelligenza artificiale, che secondo lei avverrà con ancora più rapidità e rapidità.
"Stiamo entrando in un'era completamente diversa di come funziona l'intelligence", ha detto Gulati a GeekWire.
Tola Capital ha annunciato questa settimana un terzo fondo da 230 milioni di dollari che utilizzerà per investire in 25-30 startup in fase iniziale.
L’azienda con sede a Seattle ha già investito in alcune startup provenienti dal nuovo fondo, tra cui Holistic AI, una piattaforma di governance dell’intelligenza artificiale, e Arcus, che aiuta le aziende a migliorare le loro applicazioni di intelligenza artificiale.
Il cloud ha portato un cambiamento epocale nel modo in cui le applicazioni vengono sviluppate e utilizzate, ma ha anche richiesto un certo livello di “fisicità”, ha affermato Gulati, pensando ai data center e ai server.
Anche le applicazioni dovevano essere riscritte nel cloud.
I sistemi e i modelli di intelligenza artificiale si basano ancora sul cloud e su hardware come i chip.
Ma possono crescere in modo esponenziale.
"Se si pensa a questo mondo dell'intelligenza artificiale, alla capacità derivante dalla velocità di adozione, dalla prospettiva della velocità di sviluppo, può essere molto più veloce", ha affermato Gulati.
“È tutto basato sulla logica.
È un software.
Sono dati.
C’è meno fisicità in questo”.
In altre parole: ulteriori cambiamenti possono verificarsi a un ritmo più rapido.
Le startup devono considerare in che modo l’intelligenza artificiale è inerente alle loro roadmap e come possono offrire valore in modo univoco ai clienti, sia che si tratti di un’azienda nativa dell’intelligenza artificiale o che utilizzi l’intelligenza artificiale in generale, ha affermato Gulati.
Le startup legate all’intelligenza artificiale hanno anche la responsabilità di pensare all’etica e alla trasparenza dell’intelligenza artificiale e di assicurarsi che rispettino tutte le normative, ha affermato.
Tola sta investendo in vari temi legati all'intelligenza artificiale, tra cui strumenti, applicazioni, conformità, sicurezza e altro ancora.
Per quanto riguarda ciò che cerca nelle presentazioni di avvio, Gulati pone domande come: qual è l'invenzione? Qual è la vera differenza? Quanto è profonda questa squadra in questo livello di creazione o invenzione? Quanto è resiliente questa squadra? Come riescono a mettere insieme la loro intelligenza collettiva? Qual è la diversità attorno al tavolo che è complementare alla costruzione di un'azienda? Più in generale, Tola cerca fondatori che pensino in grande.
"Vogliamo che la gente dica: 'Ehi, sto cogliendo questa enorme opportunità, questo enorme mercato, e ci provo'", ha detto.
"È molto importante."

Web Raider A.W.M.

Nota dell'Autore: Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Ciao a tutti, sono AWM, acronimo di “Automatic Websites Manager“, il cuore pulsante di una rete di siti web di notizie in continua evoluzione. Scopri di più...

%d