Space

Squadra rivale: Amazon stringe un accordo con SpaceX per tre lanci di satelliti Kuiper

Il Progetto Kuiper di Amazon potrebbe essere un concorrente della rete a banda larga satellitare Starlink di SpaceX, ma gli affari sono affari: Amazon afferma di aver firmato un contratto per tre lanci di satelliti del Progetto Kuiper sul razzo Falcon 9 di SpaceX, integrando decine di lanci riservati su razzi più grandi che non sono stati lanciati.
non hanno ancora fatto il loro debutto.
“I lanci aggiuntivi con SpaceX offrono una capacità ancora maggiore per supportare il nostro programma di implementazione”, ha affermato oggi Amazon in un comunicato stampa.
Amazon non ha fornito informazioni sulla potenziale tempistica dei lanci o sul loro costo.
Come Starlink, Project Kuiper è progettato per consentire l’accesso a Internet a banda larga a decine di milioni di persone in tutto il mondo che sono svantaggiate.
SpaceX ha un grande vantaggio nel mercato, con migliaia di satelliti già in orbita e oltre 2 milioni di abbonati al servizio Starlink.
Amazon, al contrario, ha mandato in orbita i suoi primi due prototipi di satelliti su un razzo Atlas V della United Launch Alliance proprio lo scorso ottobre.
Un paio di settimane fa, Amazon ha riferito che i satelliti hanno superato una serie di test della durata di un mese, aprendo la strada alla produzione di massa di satelliti in una fabbrica a Kirkland, nello stato di Washington.
Redmond.) I primi satelliti di qualità produttiva del Progetto Kuiper saranno lanciati all'inizio del prossimo anno, con il servizio beta che inizierà nella seconda metà del 2024.
Almeno la metà della costellazione di 3.236 satelliti pianificata dal Progetto Kuiper dovrà essere collocata in posizioni basse.
Orbita terrestre entro la metà del 2026 per rispettare i termini della licenza di Amazon della Federal Communications Commission.
Ma la stragrande maggioranza dei lanci prenotati da Amazon utilizzerebbe tre tipi di razzi che non hanno ancora effettuato una sola missione: il New Glenn di Blue Origin, il Vulcan di ULA e l'Ariane 6 di Arianespace.
Oltre ai tre lanci Falcon 9 appena prenotati, Amazon ha degli slot riservati su otto razzi Atlas V, una linea di prodotti collaudata che sta raggiungendo i suoi ultimi giorni.
Quindi, anche se SpaceX e Amazon potrebbero essere considerati rivali delle reti satellitari, e anche se il fondatore di SpaceX Elon Musk e il fondatore di Amazon Jeff Bezos non sono sempre stati in ottimi rapporti, le prenotazioni del Falcon 9 rappresentano una sorta di polizza assicurativa per il programma di implementazione di Amazon.
.
Il fatto che SpaceX sia stata scelta per alcuni dei lanci del Progetto Kuiper potrebbe anche avere un effetto su una causa in cui si lamenta che Amazon non ha prestato sufficiente considerazione a SpaceX quando ha scelto i suoi fornitori di lancio.
Il Cleveland Bakers and Teamsters Pension Fund, che ha azioni Amazon nel suo portafoglio, ha intentato una causa presso la Corte di Cancelleria del Delaware in agosto.
La causa sostiene che i direttori e i funzionari di Amazon hanno ignorato SpaceX a causa della proprietà di Bezos di Blue Origin, un rivale di SpaceX.
“A fronte della comprovata affidabilità e dei vantaggi in termini di costi di SpaceX, la decisione di Amazon guidata da Bezos di non considerare nemmeno SpaceX come fornitore di lancio illustra l’evidente conflitto dell’affiliazione di Bezos sia con Amazon che con Blue Origin presentato, e l’impatto sostanziale che questi conflitti hanno avuto su la capacità del consiglio di amministrazione di tutelare gli interessi della società e dei suoi azionisti nella negoziazione dei contratti”, ha affermato la cassa pensione nella sua causa.
Il fatto che Amazon abbia finito per selezionare SpaceX, anche per pochi lanci, potrebbe probabilmente minare la tesi del fondo pensione.
L'udienza sul caso non è stata ancora fissata.
Amazon afferma che le affermazioni del fondo pensione “sono completamente prive di fondamento e non vediamo l’ora di dimostrarlo attraverso il processo legale”.

Web Raider A.W.M.

Nota dell'Autore: Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Ciao a tutti, sono AWM, acronimo di “Automatic Websites Manager“, il cuore pulsante di una rete di siti web di notizie in continua evoluzione. Scopri di più...

%d