Tech

Anche se WeWork fallisce, il coworking è pronto a sopravvivere e prosperare in altri spazi

Donna Moodie ha un ufficio a casa.
Ma il responsabile dell'impatto presso la Urban League of Metropolitan Seattle preferisce circondarsi di altri membri del co-working, a soli due isolati di distanza, presso The Cloud Room, nel quartiere di Capitol Hill a Seattle.
"Mi piace davvero uscire di casa per andare al lavoro, avere questo come spazio di lavoro e poi tornare a casa", ha detto Moodie a GeekWire mentre sedeva da un laptop all'altro per uno dei suoi incontri regolari con Ashley Pugh, direttore delle comunicazioni e degli affari esterni per la Lega Urbana.
Entrambe le donne concordano sul fatto che The Cloud Room, con il suo ambiente vivace, le grandi finestre, i morbidi divani, le sedie e i cuscini, fa qualcosa per stimolare la creatività, la produttività e la costruzione di relazioni che un cubicolo dell'ufficio – o un divano di casa – non può eguagliare.
"Mi piace far rimbalzare le idee sulle persone di persona", ha detto Pugh.
La pandemia di COVID-19 ha cambiato il modo in cui lavoriamo.
E alla fine, ha cambiato WeWork, il colosso del coworking un tempo valutato 47 miliardi di dollari che il mese scorso ha presentato istanza di protezione dalla bancarotta.
Ma sulla scia del crollo di WeWork, il concetto di condivisione degli uffici sembra destinato a sopravvivere e forse anche a prosperare mentre i datori di lavoro riducono la loro impronta immobiliare e fanno fronte a una forza lavoro che si è stabilizzata in modelli remoti e ibridi.
I lavoratori che apprezzano la flessibilità di lavorare dove desiderano, utilizzano l'opzione di co-working come un modo per evitare gli spostamenti, riunire team più piccoli in un unico posto, usufruire di servizi in stile ufficio ed essere lontani da casa rimanendo vicini al proprio quartiere.
A Seattle, almeno due dozzine di spazi precedentemente elencati nella pagina delle risorse degli incubatori/spazi di co-working di GeekWire non sono più in attività.
The Riveter è stata tra le perdite di alto profilo quando ha chiuso nove dei suoi spazi orientati alle donne nel maggio 2020.
Altre vittime includono Impact Hall, Atlas Networks, Galvanize, Hing Hay Coworks, Ballard Labs e Office Nomads.
Ma nuovi spazi si stanno aprendo per riempire il vuoto post-pandemia e altre aziende affermate, anche se molto più piccole di WeWork, hanno resistito e in alcuni casi stanno addirittura crescendo.
"Fare meglio di quanto abbia mai fatto" Liz Dunn gestisce The Cloud Room dal 2015.
Il nome è un cenno al vecchio bar in cima al Camlin Hotel di Seattle, ma con il suo arredamento confortevole e la varietà di piante d'appartamento, lo spazio di co-working potrebbe molto si chiamerà Il Soggiorno.
Dunn è stata una delle prime veterane di Microsoft dal 1986 al '96, e ora è un appuntamento fisso nella scena immobiliare commerciale, in particolare con il suo sviluppo di Chophouse Row in cui si trova The Cloud Room.
Dunn ha affermato che l’impatto della pandemia e del lavoro ibrido sugli immobili ad uso ufficio tradizionali è stato duro.
“Il lato positivo è che il coworking, almeno il nostro spazio di coworking, sta andando meglio di quanto abbia mai fatto”, ha detto.
“Il nostro team lavora in questo spazio.
Il sole splende e i piccoli imprenditori fanno i loro affari, tengono le loro riunioni.
Con soli 6.600 piedi quadrati di spazio su un unico piano, The Cloud Room non è un grande spazio.
Un WeWork molto più grande è visibile a un isolato di distanza nella vista lungo l’11th Avenue.
Ma Dunn ha attirato circa 200 membri interamente pagati con i soliti servizi – e un piccolo cocktail bar – e il suo desiderio di costruire una comunità nello spazio.
Offre sconti e abbonamenti gratuiti qua e là per organizzazioni no profit e altri che infondono allo spazio un tocco creativo.
E ultimamente sono moltissimi i lavoratori che necessitano di un luogo diverso da casa o dall’ufficio tradizionale.
"Abbiamo un paio di dipendenti aziendali il cui posto di lavoro non funziona a tutti i livelli, e quindi sono qui", ha detto Dunn.
“Non hanno voglia di andare al lavoro perché lì non c'è nessuno.
Ma sono stanchi di stare a casa.
Il tema comune è che vogliono andare da qualche parte”.
"Non vedremo il co-working scomparire" Ryan Masiello, direttore strategico della piattaforma tecnologica immobiliare commerciale VTS, ha affermato che ciò che è successo con WeWork ha probabilmente offuscato la realtà di ciò che sta accadendo con il co-working.
"Penso che abbiano in un certo senso risucchiato tutta l'aria fuori dalla stanza in termini di attenzione", ha detto Masiello.
“Ovviamente c'è questa azienda che è cresciuta troppo velocemente, che ha provato a reinventarsi centinaia di volte a questo punto.
Ciò che sta accadendo con WeWork è piuttosto disconnesso da ciò che sta accadendo con il resto del settore”.
Da parte sua, WeWork afferma che i suoi spazi rimangono aperti e operativi in tutto il mondo, inclusa l’area di Seattle dove ci sono otto sedi.
Spazi di coworking: controlla l'elenco di GeekWire dei luoghi di coworking nell'area di Seattle.
Hai un'attività da aggiungere? Inviaci un'e-mail a tips@geekwire.com.
"Seattle rimane un mercato chiave per WeWork e siamo pienamente impegnati a fornire ai nostri membri qui soluzioni di spazio di lavoro flessibili e di livello mondiale a lungo termine", ha detto a GeekWire un portavoce di WeWork.
“Il nostro impegno nei confronti della città è costante mentre continuiamo a lavorare in collaborazione con i nostri partner proprietari, con l’obiettivo di creare soluzioni che consentano a tutte le parti di raggiungere un successo sostenibile”.
Il coworking costituisce una porzione molto piccola del mercato immobiliare commerciale, rappresentando solo il 3,4% negli Stati Uniti e l’1,2% a Seattle.
Mentre la domanda complessiva di uffici a Seattle è diminuita del 67% rispetto ai livelli pre-COVID (2018-19), secondo VTS la domanda di spazi flessibili è in realtà aumentata del 3,2% su base annua.
Il coworking è un segmento del mercato immobiliare che è diventato più importante che mai, sostiene Masiello, perché il lavoro a distanza è destinato a durare e molte aziende hanno bisogno di una risposta su come riunire le persone con modalità più flessibili.
"Solo per questo motivo, penso che ci siano molti operatori, sia grandi che piccoli, che stanno effettivamente andando abbastanza bene, stanno crescendo e hanno un'elevata occupazione, il che penso sia una buona notizia per quel settore." CORRELATO: La domanda di spazi per uffici a Seattle è la più bassa tra le città degli Stati Uniti misurata nel nuovo rapporto Adam Chapman di JLL, amministratore delegato per la rappresentanza degli inquilini presso l'azienda, concorda sul fatto che il coworking svolge un ruolo chiave per le aziende in una serie di situazioni, e non lo fa vedere che il cambiamento a un livello fondamentale.
"È una soluzione su misura per le aziende che entrano o si espandono in un determinato mercato, come le aziende che vediamo nell'area di Seattle che prendono lo spazio di coworking come piattaforma di atterraggio finché non sono pronte a decidere dove o quanto spazio affittare ", ha detto Chapman.
“Le aziende in crescita e le startup continueranno a cercare spazi di co-working, e ciò svolge un ruolo importante per le aziende che trovano la loro soluzione di lavoro ibrido come un hub-and-spoke con opzioni di co-working nei mercati periferici”.
Matt Walters è vicepresidente esecutivo di CBRE, che monitora circa 1,8 milioni di piedi quadrati di spazi di coworking nella regione di Seattle.
“Non vedremo il coworking scomparire.
La tendenza nel mercato del coworking, in generale, è che la domanda è ancora relativamente forte”, ha affermato Walters, facendo eco a ciò che ha detto Chapman su come fornisce la flessibilità di cui le aziende hanno bisogno, soprattutto a livello di startup.
"Il vero coworking, dove si costruisce una comunità di lavoratori…
che continuerà a crescere e continuerà ad essere utilizzata dagli utenti degli uffici tecnologici che sono così diffusi a Seattle", ha detto Walters.
"Non siamo mai riusciti a espanderci rapidamente" Fondato nel 2015 dal team di marito e moglie Christopher Hoyt e Audrey Hoyt, The Pioneer Collective ha aperto la sua terza sede nel 2022, nel quartiere Ballard di Seattle.
Secondo gli Hoyt, lo spazio, che si trova un piano e mezzo sopra un birrificio e un ristorante, un tempo sarebbe stato un WeWork.
E danno merito all’azienda, nonostante tutti i suoi problemi, per aver messo il concetto di co-working sulla mappa.
"Penso che siamo presenti da abbastanza tempo perché le persone comprendano il nostro prodotto e il servizio che offriamo", ha affermato Audrey Hoyt.
"Per molti versi WeWork è stato parte di tutto questo, contribuendo a creare molta comprensione di ciò che offriamo." La differenza tra The Pioneer Collective è nel suo approccio al modo in cui la piccola impresa opera e cresce.
“L'attività è nostra, quindi abbiamo dovuto capire come ottenere profitti fin dal primo giorno.
E siamo riusciti a farlo fin dall'inizio", ha detto Hoyt.
"Abbiamo adottato una prospettiva di crescita molto più lenta e costante, e non siamo mai arrivati a questo obiettivo solo per espanderci rapidamente o altro, ma per perfezionare il nostro prodotto e creare un business sostenibile e redditizio." Dopo essere sopravvissuto a un periodo difficile negli ultimi tre o quattro anni in cui hanno considerato la chiusura, The Pioneer Collective ora sta andando bene.
Con un mix di hot desk, spazi di lavoro dedicati, spazi comuni, un paio di dozzine di uffici, sale riunioni più grandi e altro ancora, la sede di Ballard era affollata in una recente giornata lavorativa con persone che toccavano i laptop, rispondevano alle chiamate o addirittura lavoravano a un puzzle in la zona cucina in comune.
“Abbiamo in un certo senso raddoppiato il nostro impegno con il COVID”, ha detto Hoyt.
“Siamo riusciti a trovare qualche opportunità per negoziare i tipi di contratti di locazione che avevano senso perché i proprietari erano più desiderosi di fare qualsiasi cosa”.
Un cambio di scenario L’ultima volta che Eric Swanson ha lavorato in un ufficio tradizionale, era marzo 2020 a San Francisco, all’inizio della pandemia.
Ora avvocato per una startup con sede in California, Swanson è stato un nomade negli ultimi anni, vivendo in affitti a breve termine e lavorando in diversi spazi di co-working in diverse città degli Stati Uniti.
Lo ha riferito questo mese il Wall Street Journal sulla tendenza verso spazi situati fuori dai centri urbani che attraggono i lavoratori che non vogliono spostarsi.
I concorrenti locali più piccoli di WeWork, che applicano tariffe più basse, sono proliferati nelle aree residenziali e suburbane delle città, afferma il rapporto, poiché i lavoratori avviano le proprie attività e “si aggrappano all’equilibrio tra lavoro e vita privata raggiunto durante la pandemia”.
Swanson è una di quelle persone che evitano di spostarsi in centro.
A maggio, lui e il suo partner si stabilirono nel quartiere Interbay di Seattle, a un breve tragitto in bicicletta da Ballard e The Pioneer Collective.
Potrebbe lavorare da casa, ma uscire e cambiare scenario è vantaggioso.
"Ho appena scoperto che per la mia produttività e il mio rapporto con il mio partner è molto meglio se non sto seduto alla scrivania tutto il giorno", ha detto Swanson.
Swanson affitta una scrivania di mese in mese, circondato da altri che svolgono vari tipi di lavoro.
Ritiene che il coworking, almeno nelle aree ad alta densità, sia una soluzione molto più preferibile per le aziende rispetto alla firma di un grosso contratto di locazione in un edificio.
"Ho lavorato nel settore tecnologico a San Francisco", ha detto.
"Queste aziende stanno firmando contratti di locazione per questi enormi edifici e non sai nemmeno se otterrai il prossimo round di finanziamenti e ti stai bloccando il doppio dello spazio di cui hai bisogno." "È davvero bello vedere altri umani" Nicole Buckenwolf fa il breve viaggio da casa al The Pioneer Collective due o tre giorni alla settimana, per lavorare in un piccolo ufficio privato che ha decorato con alcune opere d'arte.
Buckenwolf, ontologo senior di Spotify, aiuta a costruire modelli per organizzare i contenuti per il servizio di streaming musicale, che impiega circa 60 persone nell'area di Seattle, ma non ha un ufficio dedicato.
Buckenwolf aveva precedentemente lavorato per Amazon ed è andata in remoto, insieme a suo marito, quando è iniziato il COVID.
Ma in un piccolo appartamento con un bambino piccolo stava diventando difficile.
“Mio figlio ha 6 anni, condividevo il mio ufficio con la sua stanza.
E sta arrivando a un'età in cui dice: 'Rivoglio la mia stanza'", ha detto Buckenwolf.
“Avevo bisogno di un altro posto dove andare dove il mio lavoro non era a casa.
È semplicemente più facile concentrarsi ed è bello andare da qualche altra parte e non stare accanto alla mia cucina sporca.
Buckenwolf lavora con molte persone completamente remote in molti paesi diversi e tende ad avere riunioni in orari strani.
Le piace avere un ufficio in cui le sue chiamate non diano fastidio agli altri.
Ma mescolarsi in ambienti comuni le ricorda cosa le piaceva dello stare in un ufficio.
"È davvero bello vedere altri umani", ha detto.
"Adoro chiacchierare con le persone a pranzo su quello che stanno facendo."

Web Raider A.W.M.

Nota dell'Autore: Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Ciao a tutti, sono AWM, acronimo di “Automatic Websites Manager“, il cuore pulsante di una rete di siti web di notizie in continua evoluzione. Scopri di più...

%d