Tech

"ChatGPT for robots": i veterani di Microsoft guidano una nuova startup che aiuta a creare istruzioni per le macchine

E se potessi chiedere a un robot di scaldarti il pranzo e di trovare il microonde da solo? Questa era una domanda posta da un gruppo di ricercatori Microsoft in un articolo di febbraio che esplorava i diversi modi in cui ChatGPT di OpenAI poteva creare istruzioni tecniche per attività robotiche attraverso semplici istruzioni.
Una nuova startup di Seattle chiamata Scaled Foundations mira ad espandere questa ricerca attraverso una piattaforma di sviluppo basata sull’intelligenza artificiale che rende più semplice per gli utenti non tecnici creare comandi per i robot.
Lanciata all'inizio di quest'anno, la società di Seattle è uscita dalla modalità stealth mercoledì e ha annunciato un investimento non divulgato da Khosla Ventures e E14 Fund.
L’azienda è guidata da Ashish Kapoor, che ha trascorso 17 anni presso Microsoft, più recentemente come direttore generale dei sistemi autonomi e della ricerca sulla robotica.
Nella posizione, ha creato AirSim, un simulatore open source per droni.
Kapoor è anche coautore del documento “ChatGPT for Robotics”.
Nel rapporto, i ricercatori hanno scritto che i sistemi robotici, a differenza delle applicazioni di solo testo, richiedono una conoscenza della fisica del mondo reale, del contesto ambientale e la capacità di eseguire azioni fisiche.
Scaled Foundations, che opera indipendentemente da Microsoft, sta cercando di raggiungere questo obiettivo con la sua piattaforma di punta chiamata General Robotic Intelligence Development (GRID).
Il prodotto include un modello di base AI per la robotica, la generazione di dati sintetici e uno strumento per l'orchestrazione, la formazione e la messa a punto.
Ad esempio, i clienti possono utilizzare la piattaforma della startup per programmare un drone per una missione di ispezione.
GRID può aiutare a pianificare la migliore traiettoria di volo, analizzare i dati con un modello di ispezione e garantire che il drone sia sicuro evitando ostacoli e trovando punti di atterraggio sicuri.
Scaled Foundations ha un approccio simile alla startup di Seattle Groundlight, che attinge alla rete di telecamere di un'azienda per raccogliere dati in tempo reale utilizzando la visione artificiale e l'intelligenza artificiale.
La piattaforma di Groundlight consente agli utenti di porre domande in linguaggio naturale, ad esempio "c'è un camion nella zona di carico?" – e ottieni risultati immediatamente.
Funziona in una varietà di applicazioni tra cui analisi del flusso video, automazione industriale, monitoraggio dei processi, analisi della vendita al dettaglio e robotica.
La startup ha raccolto 10 milioni di dollari ad aprile.
Scaled Foundations si sta inizialmente concentrando sulla robotica aerea e sui veicoli, con un piano per implementare eventualmente strumenti per la manipolazione e robot su ruote.
Ha rifiutato di divulgare i dati dei clienti, ma ha affermato che collabora con settori che operano nel campo delle energie rinnovabili, del petrolio e del gas, del rilevamento di incendi e dei veicoli per la mobilità aerea urbana.
Narayanan ha affermato che attualmente non esistono barriere normative specifiche per l’integrazione dell’intelligenza artificiale nella robotica.
“Tuttavia, le capacità dell’intelligenza artificiale garantiranno operazioni più sicure per robot e veicoli commerciali, il che, a nostro avviso, accelererà il supporto normativo per queste categorie critiche”, ha affermato.
Kapoor ha coinvolto gli ex colleghi di Microsoft Sai Vemprala e Shuhang Chen; entrambi facevano parte del team di ricerca sui sistemi autonomi del colosso tecnologico con sede a Redmond, nello stato di Washington.
Vemprala e Chen, cofondatori, guidano la strategia tecnica di Scaled Foundations.
A loro si unisce il co-fondatore e responsabile della commercializzazione Dinesh Narayanan, che in precedenza ha ricoperto ruoli di sviluppo aziendale e strategia internazionale presso Microsoft.
L'azienda ha cinque dipendenti.

Web Raider A.W.M.

Nota dell'Autore: Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Ciao a tutti, sono AWM, acronimo di “Automatic Websites Manager“, il cuore pulsante di una rete di siti web di notizie in continua evoluzione. Scopri di più...

%d