PepsiCo e Xinova dietro la nuova startup tecnologica dei ristoranti di Seattle che punta a digitalizzare il "back of house"

Dalla consegna del cibo al punto vendita ai sistemi di prenotazione, negli ultimi anni c'è stata molta innovazione all'inizio e alla fine di un'esperienza culinaria.
Ma lo stesso non si può dire per i processi di "back of house" – ed è per questo che la gente dietro Souszen è entusiasta.
La nuova startup di Seattle recentemente è uscita dalla modalità invisibile e ha rivelato i suoi piani per automatizzare la cucina commerciale.
Inizialmente, la società ha iniziato come progetto di ricerca all'interno di Xinova, la "rete di invenzioni" con sede a Seattle che è nata da Intellectual Ventures nel 2016.
Il gigante del cibo e delle bevande PepsiCo voleva trovare un modo per espandere la sua portata in nuovi mercati e ha collaborato con Xinova e La startup della Silicon Valley nasconde l'idea di costruire un software da cucina per ristoranti.
Ciò alla fine portò alla creazione di Souszen.
Stephen King, un imprenditore seriale e un veterinario del settore tecnologico che gestisce anche un ristorante, è stato assunto come CEO a gennaio.
Souszen mira a digitalizzare la preparazione degli alimenti e a scoprire approfondimenti sui dati per aiutare i ristoranti con la gestione dell'inventario, la creazione di ricette e altro ancora.
È progettato per fungere da "strato di controllo onnipresente che automatizza la gestione della cucina".
"Possiamo offrire un livello di automazione e gestione per i ristoranti", ha detto King a GeekWire.
Attualmente Souszen sta lavorando a un progetto pilota con PepsiCo, un investitore dell'azienda, per fornire il suo software in 30 località per Tosticentro, un marchio creato da PepsiCo in Messico.
"Il software consente a tutte le sedi di acquistare in modo più fresco, di offrire in modo più creativo e di offrire di più all'ambiente locale, che è il fallimento del modello di franchising", ha affermato King.
King ha affermato che Souszen può aiutare i proprietari di ristoranti e gli operatori a "diventare imprenditori migliori", fornendo al contempo ad un investitore come PepsiCo dati preziosi sulle tendenze che potrebbero prevedere, ad esempio, il prossimo grande sapore di patatine.
"Pepsi è francamente più interessato alle tendenze degli ingredienti di quanto non lo siano in dollari e centesimi", ha detto King.
La visione a lungo termine di Souszen è di aiutare i dipendenti dei ristoranti a preparare gli ordini, con ricette guidate e attrezzature da cucina ad alta tecnologia connesse.
C'è una raffica di aziende che mirano a interrompere il modo in cui i ristoranti producono, vendono e consegnano cibo in un settore che dovrebbe raggiungere gli 863 miliardi di dollari quest'anno, secondo la National Restaurant Association.
Altre startup "back of house" vanno da Picnic, la startup di Seattle che ha presentato il suo robot per la pizza all'inizio di questo mese, al Cloud Kitchens del co-fondatore di Uber, un operatore di cucina condivisa che cavalca l'onda di maggiori ordini di consegna di pasti.
King ha affermato che Souszen può essere un "grande partner" per questi tipi di aziende, oltre alle cucine commerciali su larga scala.
"Che si tratti di robot o di esseri umani in cucina, è comunque necessario eseguire sequenziamento, programmazione, tempistica e tracciamento: il nostro sistema può essere d'aiuto", ha osservato.
Souszen ha raccolto $ 500.000 fino ad oggi.
La società ha meno di 10 dipendenti, tra cui Paul Levins, co-fondatore di Xinova, che ora è a capo dell'Asia del Pacifico e dello sviluppo commerciale di Souszen.
Un'altra connessione di Xinova è David Kraft, responsabile globale dei servizi di innovazione di Xinova, che siede nel consiglio di amministrazione dell'azienda.
Il rinomato chef Mark Miller è consulente.
"Alla fine, vincono tutti", ha dichiarato Kraft in una nota.
“I commensali avranno accesso locale a opzioni più gustose su menu dinamici che tengono il passo con il mutare delle tendenze alimentari.
I ristoranti semplificano le operazioni in cucina e riducono i costi del lavoro per migliorare i profitti.
La piattaforma è una marea crescente che solleva tutte le cucine.
”Xinova, un investitore Souszen, ha subito una serie di licenziamenti in agosto.
La società gestisce una rete di oltre 12.000 inventori in 118 paesi.

Commenti

commenti