Rocket Lab proverà il recupero in elicottero del booster – e il CEO si mangerà il cappello

Prendendo una pagina dal playbook di SpaceX, il CEO di Rocket Lab afferma che la compagnia cercherà di recuperare il booster del primo stadio del suo razzo Electron per risparmiare tempo e denaro.
"Electron sta per essere riutilizzabile", ha annunciato oggi il CEO Peter Beck alla conferenza annuale SmallSat a Logan, Utah.
Ma Rocket Lab prenderà una strada diversa per la riusabilità del razzo: piuttosto che avere il booster che spara i suoi motori per un atterraggio retrò in piedi, il nucleo del razzo sarà costruito per resistere alle forze infuocate del rientro atmosferico e aprire un paracadute per rallentare se stesso.
Quindi sarebbe stato strappato dal cielo da un elicottero che volava fuori da una nave di stanza nel Pacifico vicino al complesso di lancio della Nuova Zelanda di Rocket Lab.
Beck ha spiegato che fare riusabilità nel modo SpaceX non funzionerebbe per il modello di business "più piccolo è meglio" di Rocket Lab.
"Questo richiede un piccolo veicolo di lancio e lo trasforma in un veicolo di lancio medio", ha detto.
Il piano per il recupero e il riutilizzo dei booster è un'inversione di tendenza per Rocket Lab, che si è concentrato sulla produzione a basso costo del suo razzo Electron attualmente non riutilizzabile, a base di composito di carbonio e dei motori a razzo Rutherford stampati in 3D.
Riferendosi a un idioma secolare per comportamenti improbabili, Beck ha ricordato che un tempo aveva promesso che si sarebbe mangiato il cappello se fosse andato sulla strada della riusabilità.
"Purtroppo mi trovo nella posizione di mangiare il mio cappello", ha detto oggi.
La grande sfida è trovare un modo per sbarazzarsi dei 3,5 gigajoule di energia che vengono generati durante il rientro, che Beck ha notato che è energia sufficiente per alimentare 57.000 case per un istante.
Gli ingegneri di Rocket Lab ora credono che possa essere fatto, sulla base di letture registrate durante i primi sette lanci della società ed elaborate usando la modellazione per la fluidodinamica computazionale.
Beck ha affermato che la soluzione coinvolgerà "un sacco di TPS", ovvero materiali ad alta temperatura adatti per un sistema di protezione termica – e deceleratori aerodinamici.
Tuttavia, non ha approfondito queste misure.
Rocket Lab ha affermato che la prima fase della sua campagna di riusabilità comporterebbe aggiornamenti al razzo Electron che consentiranno il recupero del booster di primo stadio dal Pacifico.
Il booster verrebbe quindi rispedito al complesso di lancio per essere rinnovato.
"L'obiettivo 1 è solo quello di superare il muro", ha detto Beck, riferendosi al rientro.
La seconda fase comporterebbe il posizionamento di un elicottero su una nave di recupero a valle della piattaforma di lancio.
Durante la sua discesa post-lancio, il booster avrebbe aperto un paracadute con una lunga linea di piombo.
L'elicottero si incontra con il booster, usa un braccio appositamente progettato per agganciarsi alla linea e riportare il booster sulla nave.
Il booster sarebbe quindi riportato a terra per essere rinnovato e riutilizzato.
Beck ha detto che l'operazione potrebbe eventualmente portare il prezzo di un lancio di Electron al di sotto del suo attuale livello di $ 5 milioni.
Ma ha detto che "la ragione fondamentale è quella di aumentare la frequenza di lancio".
Se un booster potesse essere recuperato con successo e riutilizzato almeno una volta con una spesa minima, ciò equivarrebbe a raddoppiare il tasso di produzione del razzo, Beck ha detto.
Rocket Lab ha affermato che i tentativi di recupero della prima fase inizieranno nel prossimo anno, ma Beck ha rifiutato di essere più specifico in merito al periodo di tempo.
Ha detto che l'ottavo lancio dell'azienda, previsto per la prossima settimana, sarebbe stato equipaggiato con un avanzato sistema di registrazione dei dati chiamato in codice Brutus per guidare il lavoro di progettazione per i futuri missili.
Grazie agli investimenti di Lockheed Martin e Khosla Ventures, Rocket Lab ha raggiunto lo status di unicorno con una valutazione del mercato privato ben oltre $ 1 miliardo.
Ma sta anche affrontando la prospettiva di una maggiore concorrenza dai sistemi di lancio di piccole e medie dimensioni che sono stati sviluppati da Virgin Orbit, Relativity Space, Vector Launch, Firefly Aerospace e altre società.

Commenti

commenti