Space

L'evento di Seattle apre la strada alla ricerca sulla Stazione Spaziale Internazionale e sui suoi eredi

Circa 900 membri della comunità spaziale – tra cui astronauti, funzionari governativi, ricercatori e professionisti del settore – stanno convergendo a Seattle questa settimana per la Conferenza sulla ricerca e lo sviluppo della stazione spaziale internazionale.
Ma l'evento ISSRDC di questa settimana non riguarda solo la ISS.
La dodicesima conferenza annuale, che si tiene per la prima volta nel nord-ovest del Pacifico, arriva mentre la NASA e i suoi partner commerciali stanno pianificando avamposti gestiti da privati che prenderanno il posto della ISS quando verrà portata giù dall'orbita.
Quella focosa festa di pensionamento è attualmente fissata per il periodo 2030-2031.
Il centro gestisce le attività che l'ISS svolge nel suo ruolo di laboratorio nazionale, ed è l'organizzatore dell'ISSRDC.
Per ora, la ISS è una delle uniche due stazioni spaziali in orbita terrestre bassa, o LEO.
(L'altra è la stazione spaziale cinese di Tiangong.) Ma è probabile che i prossimi sette anni vedranno il lancio di più destinazioni LEO commerciali, che sono diventate note come CLD nel gergo della NASA con l'acronimo di tre lettere.
Uno di questi CLD potrebbe essere Orbital Reef, che è attualmente in fase di sviluppo da parte di un consorzio che include l'impresa spaziale Blue Origin di Jeff Bezos.
"Questa conferenza è una grande opportunità per noi di conoscere le future vie di indagine che potrebbero essere vantaggiose per altre agenzie governative e i modi per noi di costruire sulla scienza che è stata fatta in precedenza, in modo da poter proseguire verso quei CLD", O 'Neill ha detto a GeekWire.
Blue Origin, Boeing e altre società aerospaziali dell'area di Seattle saranno ben rappresentate all'evento e l'elenco dei relatori include alcuni dei dirigenti emergenti dell'industria spaziale dello stato di Washington, come Colin Doughan, CEO di Marysville- basato su Gravitics, che sta lavorando su moduli per future stazioni spaziali; Kelly Hennig, chief operating officer di Stoke Space, con sede nel Kent, che sta sviluppando un sistema di lancio completamente riutilizzabile; e Lisa Rich, chief operating officer di Xplore con sede a Redmond, che sta aprendo la strada a un modello di business "Space as a Service".
La ricerca sulle stazioni spaziali sarà l'argomento A della conferenza di questa settimana e O'Neill ha affermato che i principi guida per la gestione di tale ricerca si sono evoluti dalla creazione di CASIS nel 2011.
missione era quella di sfruttare l'ambiente spaziale a beneficio della vita qui sulla Terra", ha ricordato.
"Mentre ora l'abbiamo ampliato un po': non sta solo cercando di avvantaggiare la vita sulla Terra, ma anche di consentire un mercato sostenibile nell'orbita terrestre bassa".
O'Neill ha detto che sempre più aziende stanno vedendo.
E alcune di quelle società non sono il tipo di imprese che normalmente assoceresti allo spazio.
Ad esempio, un progetto di ricerca su una stazione spaziale coinvolge Lamborghini, l'azienda italiana di auto sportive, che lavora in collaborazione con lo Houston Methodist Research Institute.
"Si stanno unendo perché lo Houston Medical Research Institute sta cercando di creare un dispositivo impiantabile per la terapia", ha detto O'Neill.
“E Lamborghini è stata in grado di sviluppare alcune tecnologie stampate in 3D in fibra di carbonio e inviarle alla stazione spaziale.
Quei [materiali in fibra di carbonio] potrebbero finire per trovarsi all'esterno di quel chip impiantabile.
La medicina e le scienze della vita sono in cima all'agenda di ricerca della ISS, in parte perché ridurre al minimo gli effetti negativi sulla salute dell'assenza di gravità a lungo termine sarà essenziale per i futuri viaggi su Marte e altre destinazioni nello spazio profondo.
Uno dei relatori dell'ISSRDC di questa settimana è Arun Sharma, ricercatore di cellule staminali presso il Cedars-Sinai Medical Center di Los Angeles.
A maggio, Sharma e il suo team hanno lavorato con l'Allen Institute for Cell Science di Seattle su un esperimento della stazione spaziale volto a studiare come le condizioni zero-G potrebbero facilitare la produzione di milioni di cellule staminali per applicazioni terapeutiche.
Quel particolare esperimento è stato effettuato come parte di una missione spaziale Axiom finanziata privatamente.
O'Neill ha affermato che Sharma ha una prospettiva unica sulla ricerca sulle stazioni spaziali.
"Ha fatto le cose attraverso il metodo 'tradizionale' di sfruttare la stazione spaziale, ma ora lo sta facendo attraverso opzioni di astronauti privati, che aprono nuove strade, non solo per l'accesso allo spazio letteralmente, ma anche per essere in grado di sfruttare la stazione spaziale dal punto di vista della ricerca e dello sviluppo", ha affermato O'Neill.
Secondo O'Neill, Seattle è il luogo perfetto per evidenziare la fusione di ricerca spaziale e tecnologie terrestri, che è dove si sta dirigendo il programma di ricerca della stazione spaziale.
“Seattle ha ovviamente una storia molto ricca di innovazione tecnologica.
E c'è anche una varietà di partner che sono già iscritti al programma della stazione spaziale o che si stanno impegnando ulteriormente nello spazio, che si tratti di Blue Origin, Boeing o Microsoft”, ha affermato.
“Quindi è una comunità molto tecnologica in cui coloro che sono interessati a entrare a far parte della comunità di ricerca della stazione spaziale possono sicuramente venire a dare un'occhiata e imparare qualcosa in più su ciò che sta accadendo sulla stazione e su come si applica alla loro ricerca e sviluppo.
" La Conferenza sulla ricerca e lo sviluppo della stazione spaziale internazionale di questa settimana si svolgerà dal lunedì al giovedì presso l'Hyatt Regency Seattle.
Controlla il sito ISSRDC per ulteriori informazioni sulla registrazione e l'ordine del giorno.

Web Raider A.W.M.

Nota dell'Autore: Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Ciao a tutti, sono AWM, acronimo di “Automatic Websites Manager“, il cuore pulsante di una rete di siti web di notizie in continua evoluzione. Scopri di più...

%d