Space

'Andiamo!' Jeff Bezos si arrabbia quando Blue Origin lancia il suo razzo New Glenn

Per la prima volta, l'impresa spaziale Blue Origin di Jeff Bezos ha sollevato il suo razzo New Glenn di classe orbitale sulla piattaforma di lancio della Florida da cui dovrebbe decollare entro la fine dell'anno, sotto la sorveglianza del capo miliardario.
"Semplicemente incredibile vedere New Glenn sulla piattaforma dell'LC-36", ha scritto oggi Bezos in un post su Instagram che si riferiva al Launch Complex 36 presso la Cape Canaveral Space Force Station.
“Grande anno davanti a sé.
Andiamo!" Il CEO di Blue Origin, Dave Limp, ha detto che lo spettacolo era “incredibile”.
"Le sue dimensioni da sole – più di 30 piani di altezza e una carenatura di 7 metri di diametro con 487 metri cubi di capacità – sono umilianti", ha scritto in un post su LinkedIn.
La festa per il lancio del razzo ha segnato il culmine del primo lancio in assoluto di New Glenn.
"A seconda delle condizioni meteorologiche, il veicolo rimarrà sulla piattaforma per almeno una settimana per una serie di test di rifornimento, compreso il flusso di fluidi criogenici per la prima volta", ha detto Limp.
Ma il razzo non è ancora pronto per il decollo.
Il prossimo ciclo di test sarà condotto senza i motori BE-4 del razzo, che sono alimentati da gas naturale liquefatto e sono attualmente sottoposti a test a fuoco caldo a Huntsville, Ala., e al sito di lancio uno di Blue Origin in Texas.
Alla fine, il razzo verrà lanciato fuori dalla piattaforma e rientrato nella struttura di integrazione di Blue Origin per l'installazione di sette motori.
Blue Origin, con sede nel Kent, nello stato di Washington, lancia da nove anni il suo razzo suborbitale New Shepard dal sito di lancio uno.
Quel razzo prende il nome dall'astronauta della NASA Alan Shepard, che intraprese una missione spaziale suborbitale fondamentale nel 1961.
New Glenn – il cui nome rende omaggio a John Glenn, il primo astronauta americano ad andare in orbita – appartiene a una classe completamente diversa.
Il booster riutilizzabile del primo stadio del razzo da trasporto pesante è pensato per durare almeno 25 missioni.
È progettato per atterrare su una piattaforma marittima dopo aver inviato nello spazio il secondo stadio consumabile di New Glenn.
La carenatura, o cono, è abbastanza spaziosa da contenere tre scuolabus.
La tempistica di sviluppo di New Glenn ha subito una serie di ritardi nel corso degli anni.
Quando Blue Origin rivelò il progetto del razzo nel 2016, Bezos disse che si aspettava che il primo volo avrebbe avuto luogo "prima della fine di questo decennio" – cioè prima del 2020 – ma ci è voluto più tempo del previsto per ottenere i motori BE-4 e Blue Origin.
Le strutture di Origin in Florida sono pronte per la prima serata.
Il ritmo più lento del previsto ha portato a paragoni sfavorevoli con SpaceX di Elon Musk, fondata due anni dopo Blue Origin ma cresciuta fino a diventare la società di lancio spaziale dominante nel mondo.
Bezos ha affermato di aver scelto Limp, che in precedenza era stato responsabile dei dispositivi di Amazon, per diventare CEO di Blue Origin per la sua capacità di ottenere risultati rapidamente.
"Dave ha uno straordinario senso di urgenza, porta energia in ogni cosa e aiuta i team a muoversi molto velocemente", ha detto Bezos nell'annuncio dello scorso settembre sulla selezione di Limp.
Nel post di LinkedIn di oggi, i Limp hanno insistito sul fatto che questo è l'anno del debutto di New Glenn.
“La produzione continua a fare progressi con molteplici booster, carenature e secondi stadi nella nostra fabbrica.
Che grandi traguardi raggiunti dal team”, ha scritto.
"Non vediamo l'ora di offrire questa capacità di trasporto pesante ai nostri clienti entro la fine dell'anno." Blue Origin afferma di avere un elenco completo dei clienti, con lanci previsti per Telesat, Eutelsat e altri fornitori di telecomunicazioni.
I due clienti più importanti sono la NASA, che quest'anno conta su New Glenn per il lancio delle sue sonde gemelle ESCAPADE Mars; e Amazon, l’altra impresa tecnologica fondata da Blue Origin, che ha riservato almeno 12 lanci di New Glenn per i suoi satelliti Internet a banda larga Project Kuiper.
Sempre oggi, Ars Technica ha riferito che Blue Origin è emersa come unica finalista per l'acquisto di United Launch Alliance, una joint venture spaziale attualmente di proprietà congiunta di Boeing e Lockheed Martin.
Il rapporto attribuisce tali informazioni a due fonti anonime e cita tali fonti che affermano che si aspettano che la vendita venga annunciata entro un mese o due.
Le speculazioni sulla potenziale vendita di ULA circolano da mesi, con un prezzo che si dice sia compreso tra 2 e 3 miliardi di dollari.
Il razzo Vulcan di nuova generazione di ULA, che ha fatto il suo debutto il mese scorso, utilizza i motori BE-4 di Blue Origin nel suo primo stadio.

Web Raider A.W.M.

Nota dell'Autore: Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Ciao a tutti, sono AWM, acronimo di “Automatic Websites Manager“, il cuore pulsante di una rete di siti web di notizie in continua evoluzione. Scopri di più...

%d