Bernie Sanders fa appello alla battaglia fiscale della città natale di Amazon, nel piano di revisione dell'America corporativa

La campagna presidenziale del senatore Bernie Sanders ha svelato un ambizioso piano per riformare l'America corporativa lunedì.
La proposta sostiene una società come esempio di come un ambiente normativo lassista abbia creato un'economia che premia i ricchi e i potenti a spese di tutti gli altri, dal punto di vista di Sanders.
Amazon è scelto come cattivo nella storia di Sanders; un simbolo di comportamento scorretto delle imprese che deve essere ostacolato dalla sua proposta.
Il piano menziona Amazon tre volte di più rispetto a qualsiasi altra azienda.
In risposta, Amazon afferma di pagare tutte le tasse dovute dalla legge.
L'azienda sostiene anche i vantaggi che offre ai dipendenti.
Nel 2018, Amazon ha aumentato il salario minimo che paga a tutti i lavoratori a $ 15 l'ora a seguito delle critiche di Sanders sulle condizioni nei magazzini dell'azienda.
In una linea rivelatrice, la proposta di Sanders fa riferimento a una lunga battaglia fiscale che Amazon ha combattuto con i funzionari nella sua città natale, mostrando l'impatto duraturo che una questione locale di Seattle ha avuto sulla scena nazionale.
La proposta afferma che le grandi aziende "creano leggi a loro vantaggio, come abbiamo visto con aziende come Amazon [che] lottano per non pagare tasse nelle comunità in cui operano, mentre allo stesso tempo non pagano nulla nelle tasse federali".
mal di testa fiscale: la campagna Sanders sembra fare riferimento a una disputa del 2017 tra Amazon e il Consiglio comunale di Seattle su un atto legislativo comunemente noto come "imposta fiscale".
Dopo mesi di trattative con la comunità imprenditoriale, il Consiglio comunale ha approvato all'unanimità un -imposta sui dipendenti sulla più grande impresa di Seattle per raccogliere fondi per alloggi a prezzi accessibili e servizi per i senzatetto, due principali esigenze nella regione.
La maggior parte delle entrate sarebbe arrivata da Amazon.
La società ha fatto saltare la legislazione come una "tassa sul lavoro" e ha minacciato di rallentare la sua crescita in città, arrivando al punto di fermare la costruzione di uno dei suoi edifici.
Il Consiglio comunale ha abrogato l'imposta alcune settimane dopo, in una brusca inversione che continua a influenzare il dibattito sull'edilizia abitativa a Seattle oggi.
La campagna Sanders afferma che affronterà questo tipo di comportamento e spingerà le aziende a pagare la loro giusta quota anche nelle tasse federali.
Sanders stima che, secondo il suo piano, Amazon avrebbe pagato fino a $ 3,8 miliardi di tasse l'anno scorso.
"Tra il 2017 e il 2018 Amazon, di proprietà della persona più ricca del mondo, ha realizzato profitti per 16,2 miliardi di dollari", afferma il piano.
"Ma non solo Amazon non ha pagato nulla in termini di imposte sul reddito federali in quei due anni, ma ha ricevuto un rimborso fiscale di $ 270 milioni dall'IRS.
E Amazon non era solo ".
Risposta di Amazon:" Abbiamo pagato $ 2,6 miliardi di tasse sulle società dal 2016 ", ha detto un portavoce di Amazon in risposta alla proposta di Sanders.
“Paghiamo ogni centesimo che dobbiamo negli Stati Uniti e in tutti i paesi in cui operiamo.
Il Congresso ha progettato leggi fiscali per incoraggiare le aziende a reinvestire nell'economia americana – abbiamo.
Abbiamo investito $ 200 miliardi in investimenti dal 2011 e creato 300.000 posti di lavoro negli Stati Uniti.
”Verifica dei fatti: Amazon non ha pagato imposte sul reddito federali su $ 11,2 miliardi di entrate nel 2018 secondo l'Istituto di fiscalità e politica economica, un think tank progressivo.
Lo stesso vale per le entrate di Amazon di $ 5,6 miliardi l'anno precedente, secondo l'analisi.
ITEP afferma che la bolletta fiscale bassa di Amazon è il risultato di crediti d'imposta e scappatoie resi disponibili dal Congresso e di uno sconto federale sull'imposta sul reddito di $ 129 milioni nel 2018.
Amazon non ha rivelato il tipo di tasse o giurisdizioni in cui ha pagato $ 2,6 miliardi, ma il rapporto ITEP si concentra strettamente sull'imposta sul reddito federale.
È difficile sapere esattamente quanto Amazon paga in tasse perché gran parte di tali informazioni sono riservate.
La visione di Sanders per l'America corporativa: tra le altre politiche, il piano di Sanders dovrebbe: – Dare ai lavoratori una partecipazione di proprietà nelle loro società e rappresentanza nei consigli di amministrazione – Richiedere alle aziende con profitti annuali o bilanci di $ 100 milioni e alle società quotate in borsa di fornire il 2% di stock ai dipendenti ogni anno fino a quando la società non sarà posseduta per il 20 percento da dipendenti – Divieto di riacquisti di azioni – Richiedere alle aziende che sostituiscono i lavori con robot o manodopera all'estero di condividere i guadagni delle modifiche con i lavoratori sfollati – Fermare le "mega-fusioni in corso, "Rompere" monopoli e oligopoli esistenti "e autorizzare la FTC a fermare le fusioni – vietare gli accordi di non concorrenza e le clausole arbitrali obbligatorie – abrogare le agevolazioni fiscali delle società emanate nel 2017 e riformare altri aspetti del codice fiscale – ristabilire un'aliquota d'imposta sulle società del 35 percento – Applica la stessa aliquota fiscale al reddito offshore e domestico per combattere i paradisi fiscali Quadro generale: Big Tech è diventato un sacco da boxe lo spettro politico.
È un raro problema bipartisan in un tempo storicamente polarizzato, sebbene repubblicani e democratici abbiano varie critiche nei confronti del settore.
Regolamentare – e in alcuni casi rompersi – Big Tech è diventata un grido di battaglia per i liberali in lizza per la nomination democratica nel 2020.
Ma i rimedi legislativi alle loro preoccupazioni non sono probabili nel prossimo futuro, in particolare con i legislatori distratti dall'indagine sull'impeachment.
Prendi nota: secondo la lettura di Sanders, l'ecosistema tecnologico di Seattle è pieno di aziende che hanno bisogno di essere riformate.
Oltre ad Amazon, Sanders chiama "mega-fusioni come quella tra T-Mobile e Sprint", come "una forte concentrazione di potere che va contro il bene pubblico".
T-Mobile è una società nell'area di Seattle che ha annunciato prevede di assorbire Sprint all'inizio del 2018.
L'attenzione di Sanders sui giganti della tecnologia di Seattle è notevole perché, dal punto di vista delle politiche pubbliche, la regione è conosciuta come un incubatore per il tipo di politiche progressiste che comprendono la piattaforma del candidato.
Seattle ha adottato un salario minimo di $ 15, è diventata la prima città della nazione a consentire l'unione dei lavoratori dei concerti e ha cercato di emanare una tassa sulle società più ricche della città.
Il braccio progressista di Seattle e la comunità imprenditoriale stanno attualmente combattendo per le elezioni del prossimo mese che potrebbero rimodellare drasticamente il Consiglio Comunale.
È un'elezione che potrebbe diventare un microcosmo per la battaglia tra le politiche favorevoli alle imprese che hanno dominato per anni i partiti repubblicano e democratico e la nuova ondata di politiche progressiste annunciate da candidati come Sanders.

Commenti

commenti