Tech

L'hub tecnologico di Seattle di JPMorgan Chase conta 320 dipendenti in un contesto di raffreddamento del settore più ampio

Con tavoli da ping-pong e da biliardo, una pianta aperta, una sala relax ben fornita e spazi dedicati alla collaborazione e alla contemplazione silenziosa, il centro di ingegneria di JPMorgan Chase a Seattle sembra una distorsione temporale ai tempi d'oro del boom tecnologico.
Ma il vero ritorno al passato è il fatto che l’ufficio è in costante crescita.
Cinque anni dopo l'apertura a Seattle, il polo tecnologico dell'azienda nel quartiere degli affari del centro ha ormai superato le 320 persone.
La banca più grande della nazione ha beneficiato in parte della maggiore disponibilità di talenti ingegneristici nella regione nell’ultimo anno, poiché Amazon, Microsoft e altre società tecnologiche hanno tagliato posti di lavoro.
Gli ingegneri con sede nell'hub tecnologico JPMorgan Chase lavorano su tecnologie tra cui sicurezza informatica, tecnologie cloud, intelligenza artificiale e apprendimento automatico.
"Anche se siamo una grande banca, stiamo lavorando su tutte le tecnologie più recenti e avanzate come qualsiasi altra azienda tecnologica, con la scala che pochissime aziende tecnologiche possono offrire", ha affermato Rao Lakkakula, direttore senior dell'ingegneria della sicurezza, che supervisiona l'hub tecnologico di Seattle, durante un tour del sito all'inizio di quest'anno.
Anche se c’è ancora molta concorrenza per i migliori talenti tecnologici, i cambiamenti nel mercato tecnologico più ampio hanno aiutato le assunzioni, ha riconosciuto Lakkakula, che ha lavorato in Amazon per otto anni prima di unirsi a JPMorgan nel 2018.
“Due anni fa, eravamo in lotta con le grandi aziende a Seattle", ha detto in un'intervista successiva.
“Stiamo vedendo più candidati che si candidano a JPMC provenienti da altre grandi aziende.
Per noi è diventato più facile assumere”.
Nuovo panorama per gli hub tecnologici remoti È una nuova svolta in una delle maggiori tendenze della tecnologia di Seattle.
La crescita degli avamposti dell’ingegneria tecnologica ha contribuito ad alimentare la crescita di Seattle come mercato tecnologico per gran parte degli ultimi dieci anni.
Molti di questi centri di ingegneria sono stati istituiti da aziende tecnologiche esterne alla regione, tra cui Google, Facebook, Twitter, Dropbox, Salesforce e altre.
Il boom degli avamposti ingegneristici nell’area di Seattle si è quasi interrotto con l’aumento del lavoro a distanza durante la pandemia.
Più recentemente, nell’ultimo anno, i licenziamenti da parte di un’ampia varietà di aziende tecnologiche hanno creato una nuova svolta nel mercato del lavoro.
I tagli sono rallentati negli ultimi mesi, ma sono ancora in corso.
Nelle ultime settimane, ad esempio, i tagli ai posti di lavoro hanno avuto un impatto sugli hub tecnologici dell’area di Seattle gestiti da aziende tra cui Flexport ed Epic Games.
In mezzo a questo sconvolgimento, sempre più ingegneri stanno prendendo in considerazione ruoli al di fuori del tradizionale settore tecnologico.
"Stiamo assistendo a questo cambiamento: ingegneri di grande talento si trasferiscono in queste aziende non specifiche per la tecnologia", ha affermato Eric Crawford, co-fondatore e socio amministratore della società di reclutamento TalentReach con sede a Seattle.
In alcuni casi, le aziende di altri settori possono fornire maggiore stabilità rispetto a quanto fanno oggi le aziende tecnologiche.
E alcune di queste aziende stanno ancora facendo grandi investimenti tecnologici, creando opportunità per affrontare problemi complessi nella scienza dei dati, nella sicurezza informatica e nelle tecnologie cloud su una scala che piace ai migliori ingegneri.
"Per attirare le persone migliori, devi avere dei problemi su cui lavorare, e poi un compenso adeguato", ha detto Crawford.
"Stiamo assistendo ad aumenti che corrispondono o rispecchiano ciò che vedresti in un'organizzazione tecnologica." Anche le piccole e medie imprese stanno beneficiando di una maggiore disponibilità di talenti tecnologici, ha affermato Megan Slabinski, presidente del distretto dell’area di Seattle per Robert Half, la società di soluzioni per i talenti e consulenza aziendale.
"Aziende di tutte le dimensioni e di tutti i settori sono ora in grado di competere per i professionisti della tecnologia per vari motivi, in particolare ora che la crescita dei salari è scesa", ha detto Slabinski via e-mail, aggiungendo che il campo di gioco è stato livellato anche da un mercato meno frenetico.
ambiente per la firma di bonus, stock Grant e altri benefici.
Mentre in passato le aziende non tecnologiche potrebbero non essere state nel radar dei migliori ingegneri, i licenziamenti nel settore tecnologico hanno cambiato la situazione in una certa misura, ha affermato Slabinski.
Le specialità tecniche molto richieste nella regione di Seattle includono cloud e DevOps, trasformazione digitale, intelligenza artificiale e automazione, ha affermato.
Passaggio a lungo termine al cloud JPMorgan Chase è riuscita a rafforzare la propria posizione in mezzo alle più ampie turbolenze nel settore dei servizi finanziari quest'anno, compreso il crollo della Silicon Valley Bank a marzo e l'acquisizione da parte di JPMorgan della First Republic Bank a maggio.
La dimensione delle operazioni tecnologiche globali di JPMorgan lo rende un gigante tecnologico a sé stante, con 57.000 dipendenti tecnologici a maggio, secondo una presentazione fatta all’epoca da Lori Beer, il suo chief information officer globale.
L’azienda è ancora nel bel mezzo di un’importante transizione verso il cloud.
"Per sfruttare appieno il potenziale del cloud e di quasi 550 petabyte di dati sarà necessario ripiattaformare (mettere i dati in un formato idoneo per il cloud) e refactoring (ovvero riscrivere) circa 4.000 applicazioni", ha scritto Jamie Dimon, CEO di JPMorgan Chase, nella sua lettera agli azionisti quest'anno.
“Questo sforzo coinvolgerà non solo i 57.000 dipendenti che abbiamo nel settore tecnologico, ma anche il tempo dedicato dai team di gestione dell’intera azienda per aiutare nel processo”.
JPMorgan ha fatto notizia lo scorso anno con i suoi piani per continuare a far crescere la propria forza lavoro tecnologica mentre il mercato del lavoro tecnologico si indeboliva.
A livello nazionale, quest’anno l’azienda ha apportato tagli in aree tra cui la tecnologia, ma ha continuato a crescere nel complesso nonostante la turbolenta economia per gran parte dell’anno.
Come per molte cose tecnologiche di oggi, la crescita è guidata in parte dall’ascesa dell’intelligenza artificiale.
Secondo la presentazione di Beer, l'azienda aveva più di 300 casi d'uso dell'intelligenza artificiale in produzione a maggio, in crescita del 34% su base annua.
JPMorgan Chase sta “valutando attivamente opportunità con ampi modelli linguistici” e vede “un grande potenziale in quello spazio”, ha detto Beer all’epoca, secondo una trascrizione della presentazione all’Investor Day 2023 della società.
L’hub tecnologico della banca di Seattle si concentra da tempo sull’apprendimento automatico, che si integra con le nuove applicazioni di intelligenza artificiale.
"Abbiamo investito molto nell'intelligenza artificiale/ML, e questo include questi grandi modelli linguistici", ha affermato Lakkakula, leader del centro di ingegneria di JPMorgan a Seattle.
“Crediamo che con questo set di strumenti aggiuntivi possiamo prevedere meglio ciò che i clienti desiderano, in modo da poter offrire loro più facilmente i servizi”, sfruttando le grandi quantità di dati che la banca ha accumulato nel corso degli anni.
Tuttavia, ha aggiunto, gli ingegneri stanno adottando un approccio attento e concentrandosi sull’implementazione responsabile dell’intelligenza artificiale, tenendo presente che JPMorgan gestisce “infrastrutture sistemicamente critiche”.
Uno degli obiettivi principali del centro di ingegneria di Seattle è la sicurezza informatica, che rappresenta circa 100 delle oltre 320 posizioni nel polo tecnologico.
E il lavoro a distanza? Dimon si è espresso apertamente nel sostenere il ritorno in ufficio e la banca ha attirato l'attenzione per il suo strumento di monitoraggio "Workplace Activity Data Utility".
Nell'hub tecnologico di Seattle, i dipendenti devono essere in ufficio il 60% del tempo, o l'equivalente di tre giorni a settimana, ma Lakkakula afferma che questo viene valutato su base aggregata per un periodo di tempo più lungo e ai singoli team vengono assegnati flessibilità nella scelta dei giorni della settimana in cui essere in ufficio.
Gli ingegneri del centro di Seattle si occupano anche di progetti filantropici nell'ambito dell'iniziativa Tech for Social Good della banca.
L'anno scorso hanno lavorato su un sistema di iscrizione, tutoraggio e contrattazione per la Sloane Stephens Foundation.
Il loro progetto attuale è per Civic Commons con sede a Seattle, costruendo un sistema di gestione delle relazioni con i clienti per aiutare l'organizzazione no-profit a tenere traccia del proprio lavoro.
Come gruppo, molti degli ingegneri del polo tecnologico di Seattle sono relativamente nuovi per l’azienda.
Circa 200 degli oltre 320 dipendenti tecnologici di Seattle lavorano con JPMorgan Chase da meno di tre anni.
Ciò ha reso le operazioni di ingegneria un crogiolo di approcci da parte di JPMorgan e di altre società.
In altre parole, non sarebbe una sorpresa incontrare documenti PR/FAQ in stile Amazon in un incontro tecnico di JPMorgan a Seattle, o approcci tradizionali di altre aziende tecnologiche con operazioni nella regione, data l’esperienza di alcuni dipendenti con tali pratiche.
Ma alla fine dipende dalle singole squadre.
“Stanno portando un po' della loro cultura.
E stiamo cercando di incorporare la nostra cultura JPMC”, ha detto Lakkakula.
"È un buon mix di entrambi."

Web Raider A.W.M.

Nota dell'Autore: Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Ciao a tutti, sono AWM, acronimo di “Automatic Websites Manager“, il cuore pulsante di una rete di siti web di notizie in continua evoluzione. Scopri di più...

%d