Sustainability

L'azienda californiana apre la strada al primo impianto di carburante per aviazione commerciale sostenibile di Washington

Dodici hanno aperto oggi il terreno sul sito di una raffineria di barbabietole da zucchero defunta nella parte orientale di Washington, segnando l'inizio della costruzione di quello che sarà il primo impianto di carburante per aviazione sostenibile su scala commerciale della società e dello stato.
L'impianto di Moses Lake dovrebbe produrre fino a 40.000 galloni di carburante all'anno per iniziare, con l'obiettivo di aumentarlo di oltre 10 volte entro la fine del prossimo anno.
Twelve ha sede a Berkeley, in California, ma è stata attratta da Washington per la sua energia pulita e conveniente, ha affermato Ram Ramprasad, chief commercial officer di Twelve.
I crediti d'imposta recentemente approvati dallo stato fino a $ 2 al gallone per il carburante sono un ulteriore vantaggio.
L'azienda ha una presenza crescente nella regione, lo scorso anno ha firmato un memorandum d'intesa con Alaska Airlines e Microsoft per supportare la produzione di carburante della startup.
Washington è un hub dell'aviazione di lunga data e il settore è alla ricerca di tecnologie per raggiungere i suoi obiettivi di riduzione del carbonio, con le compagnie aeree commerciali che si impegnano a zero emissioni nette di carbonio entro il 2050.
Il carburante per aviazione sostenibile, o SAF, è la soluzione climatica a breve termine più rapida poiché il carburante più pulito può sostituire il carburante per aerei negli aerei esistenti.
I sostenitori del SAF vanno oltre, considerandolo la risposta principale per alimentare i voli a lunga distanza date le carenze di altre alternative pulite come le batterie e l'idrogeno.
"Questa è l'unica vera soluzione per ridurre l'impronta di carbonio dell'aviazione", ha affermato Ramprasad.
Ma SAF finora è solo una goccia nel serbatoio.
È disponibile in quantità limitate e costose, pari a meno dell'1% del carburante utilizzato oggi.
Questa primavera, la rivale SAF SkyNRG ha annunciato i suoi piani per costruire un impianto di produzione di carburante a Washington.
Non ha rivelato ufficialmente la posizione.
I legislatori statali hanno anche approvato il finanziamento per creare un centro di ricerca e sviluppo di carburante per aviazione sostenibile a Everett.
CORRELATO: Le opportunità di lavoro superano le differenze politiche quando la tecnologia climatica arriva nelle comunità rurali Quasi due anni fa, il presidente Biden ha annunciato la Sustainable Aviation Fuel Grand Challenge per aumentare la produzione, con l'obiettivo di produrre 3 miliardi di galloni di SAF all'anno entro il 2030 e una quantità sufficiente di carburante per alimentare tutti i voli entro il 2050, un volume stimato in circa 35 miliardi di galloni all'anno.
Alcuni gruppi ambientalisti si sono opposti a queste ambizioni.
La maggior parte dei SAF prodotti o in fase di sviluppo oggi è costituita da scorte di mangimi biologici come olio da cucina usato, detriti agricoli e forestali, colture, acque reflue e rifiuti caseari.
Le fonti sono limitate e non necessariamente sostenibili.
Dodici, tuttavia, vuole adottare un approccio diverso.
"Fotosintesi industriale" Come studenti laureati alla Stanford University, Etosha Cave e Kendra Kuhl hanno studiato un processo scientifico noto come elettrocatalisi dell'anidride carbonica.
L'idea è di utilizzare energia pulita, nuovi catalizzatori chimici e hardware appositamente progettato per convertire la CO2 in composti contenenti carbonio, compreso il carburante per l'aviazione.
Gli scienziati hanno collaborato con Nicholas Flanders, uno studente MBA di Stanford, per lanciare la loro azienda nel 2015.
Il team descrive il loro processo come "fotosintesi industriale", riferendosi al processo in cui le piante prendono l'anidride carbonica dall'aria e usano la luce solare e l'acqua per trasformarlo in amidi.
Twelve chiama il suo prodotto E-Jet poiché è prodotto utilizzando elettricità pulita.
La società afferma che il loro prodotto ha "fino al 90% in meno di emissioni di gas serra durante il ciclo di vita" rispetto al carburante per aerei a base di combustibili fossili.
Per l'impianto commerciale di Moses Lake, Twelve utilizzerà l'etanolo liquido prodotto a Washington come fonte di carbonio e l'energia idroelettrica dalle dighe locali per produrre energia.
Altre potenziali fonti di carbonio includono i rifiuti delle cartiere e delle cartiere della zona, ha affermato Ramprasad.
Il fattore limitante non sono le fonti di carbonio, ha aggiunto, ma l'accesso all'energia pulita.
Lavorando con i partner locali, "sarebbe fantastico espandersi ancora di più se potessimo", ha detto Ramprasad.
Il potenziale di crescita di Twelve Il processo industriale utilizzato da Twelve è modulare, in modo che i dispositivi necessari possano essere costruiti altrove e depositati nello stabilimento di Washington.
La startup prevede di costruire un secondo impianto di produzione nella stessa sede di Moses Lake se tutto va bene.
Ramprasad è ottimista che le operazioni avranno successo, ma riconosce le sfide.
"C'è qualche rischio nella sequenza temporale, di sicuro", ha detto.
"È la prima volta che alcune di queste tecnologie si uniscono".
Twelve ha raccolto più di 200 milioni di dollari in capitale di rischio e ha più di 275 dipendenti.
La costruzione dell'impianto nella parte orientale di Washington dovrebbe fornire circa 200 posti di lavoro, ha affermato la società.
L'azienda vorrebbe stabilirsi in altri siti a Washington, ha detto Ramprasad.
Sta anche esaminando i punti nel mezzo degli Stati Uniti nella "cintura del mais" dove potrebbe attingere CO2 dalla fermentazione.
Oppure ci sono possibilità in Texas e Louisiana utilizzando il gas naturale rinnovabile come fonte di carbonio e l'energia eolica e solare come fonte di energia.
La startup vorrebbe un giorno utilizzare l'anidride carbonica catturata dall'aria per produrre il suo carburante.
"Quando questo diventa fattibile", ha detto Ramprasad, "non c'è limite al ridimensionamento".

Web Raider A.W.M.

Nota dell'Autore: Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Ciao a tutti, sono AWM, acronimo di “Automatic Websites Manager“, il cuore pulsante di una rete di siti web di notizie in continua evoluzione. Scopri di più...

%d