Sustainability

Con un patrimonio di 1,2 miliardi di dollari, la Paul Allen Family Foundation si evolve e rimane fedele alle radici della PNW

Paul Allen è sinonimo di donazioni filantropiche nel Pacifico nordoccidentale.
Trentasei anni fa, il defunto cofondatore di Microsoft e sua sorella Jody Allen hanno creato la loro fondazione di famiglia, che concede più di 55 milioni di dollari all'anno in finanziamenti di beneficenza.
Poi, nel 2018, Paul è morto improvvisamente all’età di 65 anni, innescando una riorganizzazione dell’organizzazione.
Sono passati cinque anni da quando l'organizzazione filantropica ha creato un consiglio di amministrazione e ha portato "più struttura e formalità" all'organizzazione, ha affermato Lara Littlefield, direttore esecutivo delle partnership e dei programmi della fondazione.
La supervisione della fondazione è ancora snella – vale a dire Jody e un consiglio di amministrazione composto da due persone – e abbraccia un approccio alle donazioni in linea con la filosofia originale di Paul di utilizzare soluzioni guidate dalla scienza e dalla tecnologia ove appropriato, oltre a sperimentare e cambiare rotta secondo necessità per raggiungere i loro obiettivi.
Le aree di interesse della Paul G.
Allen Family Foundation sono l'ambiente; iniziative comunitarie e guidate dai giovani; arte e cultura; e, attraverso l'affiliato Allen Institute, le bioscienze.
Ha un patrimonio di 1,2 miliardi di dollari.
Oggi l’organizzazione filantropica sta lanciando pubblicamente uno sforzo di 5 milioni di dollari per sostenere progetti basati sulla natura per ridurre l’impatto del cambiamento climatico.
Ciò potrebbe includere sforzi come la protezione delle foreste, il ripristino delle alghe e la piantumazione di alberi urbani.
Le organizzazioni e le organizzazioni non profit devono presentare lettere di interesse entro il 12 aprile e la fondazione prevede di finanziare da tre a cinque destinatari.
L'organizzazione si rivolge agli sforzi tradizionali così come alle iniziative più stravaganti.
Alcuni programmi finanziati di recente includono: Il Community Accelerator Grant, creato in collaborazione con l'organizzazione no-profit ArtsFund, che lo scorso anno ha emesso 10 milioni di dollari a 671 organizzazioni artistiche e culturali e ha 10 milioni di dollari da concedere anche quest'anno.
Sostegno a un progetto di arte pubblica dell'artista danese Thomas Dambo che crea sculture di troll realizzate con materiali naturali e riciclati.
Il Rhizome Civic Service Fellowship Washington State Pilot, che supporta gli studenti delle scuole superiori impegnati in progetti pubblici.
The Slingshot Challenge, un'iniziativa con la National Geographic Society per dare potere ai giovani di tutto il mondo che lavorano sulle sfide ambientali.
Una partnership con l’Earth Species Project per sviluppare strumenti basati sull’intelligenza artificiale per aiutare le persone a comunicare con gli animali nella loro lingua.
GeekWire ha incontrato Littlefield, un ex dirigente dell'Università di Washington che guida le operazioni della fondazione, per saperne di più sulla sua missione ed evoluzione.
Le domande e le risposte sono state modificate per maggiore lunghezza e chiarezza.
GeekWire: Qual è la visione della fondazione? Littlefield: C'è un aspetto legato al luogo, in particolare nel settore artistico, giovanile e comunitario della casa.
Siamo concentrati nel Pacifico nordoccidentale: viviamo qui.
Iniziamo con Washington.
Il tema ambientale è stato globale, ma anche con una preferenza per il Nord America e l’Africa.
C'è un elemento del tipo “questa è la nostra casa” e una sorta di identità per ciò che siamo che è alla base di quella visione.
Continuiamo a tornare a questo ombrello per contribuire a creare una comunità fiorente e sana per noi stessi.
Sono felice che tu abbia menzionato l'aspetto basato sul luogo.
Ho scritto del fondatore di Amazon Jeff Bezos e della sua attenzione più attenuata a questa regione dal punto di vista filantropico.
Perché c'è questo impegno per la fondazione, è un senso di obbligo? Ci sono profondi legami familiari qui nel Pacifico nordoccidentale.
Dal punto di vista familiare [storico], così come dall’attuale struttura familiare.
Ma quando si tratta del nostro DNA, di ciò che determina il nostro approccio al lavoro, ci sono un paio di modi diversi in cui lo guardiamo.
Una sono le nuove soluzioni locali che identifichiamo nel nostro stesso cortile e che riteniamo abbiano l’opportunità di essere scalate e replicate.
Perché in fin dei conti, non vogliamo che prosperi solo il Pacifico nordoccidentale, vogliamo che tutto il nostro mondo prosperi.
Ma poi cerchiamo costantemente di pensare da una prospettiva nazionale o globale, cosa vediamo là fuori che può essere portato qui a livello locale? Quindi è bidirezionale.
MacKenzie Scott, l'ex moglie di Bezos, ha rivoluzionato la filantropia con donazioni incentrate sullo spostamento rapido del denaro senza vincoli.
Ciò ha stimolato le conversazioni all’interno della fondazione? Quello che sta facendo è fantastico.
La filantropia basata sulla fiducia e la donazione di dollari senza restrizioni non sono un approccio nuovo, ma lo sta facendo su larga scala, in modo molto significativo e offrendo doni trasformativi per le organizzazioni.
È assolutamente stimolante.
È un modo per supportare un'organizzazione ed è assolutamente un modo prezioso.
Poiché il nostro portafoglio si estende tra soluzioni scientifiche e tecnologiche, non è sempre un approccio unico per tutti.
Un'area che abbiamo modificato o sperimentato nel nostro approccio è il Community Accelerator Grant tramite ArtsFund.
Abbiamo passato un anno ad ascoltare il settore, messo così sotto pressione dalla pandemia, che a malapena teneva le porte aperte.
ArtsFund era davvero ben posizionato, quindi abbiamo collaborato con loro e creato un comitato consultivo comunitario composto da leader nel settore artistico e culturale che aiutavano a sviluppare i criteri di selezione per i premi.
Si tratta di una concessione di sovvenzioni partecipative guidata dalla comunità e che si è rivelata un modello di grande successo, in particolare quando è necessario ottenere denaro rapidamente.
Hai detto che la fondazione sperimenta e ripete, e mi chiedo se puoi fornire un esempio di uno sforzo che non ha funzionato? È importante ricordare che non siamo noi quelli più vicini ai problemi, e quindi non siamo noi quelli che dovrebbero progettare le soluzioni.
Il punto in cui ci troviamo oggi come fondazione è sapere che non siamo l'unico finanziatore.
Facciamo parte di un ecosistema e siamo qui per investire in persone davvero intelligenti e creative che conoscono le loro comunità e i loro punti deboli.
Molte delle nostre lezioni apprese e i cambiamenti derivano da alcuni di questi apprendimenti in passato.
Alla gente dispiaceva che il cinema Cinerama di Seattle fosse un progetto che l'organizzazione non aveva portato avanti.
Come gestisci delusioni del genere? Paul è morto e ha lasciato i suoi desideri nel suo piano patrimoniale, e ha detto che la stragrande maggioranza della sua ricchezza andrà in filantropia.
Paul ha fatto delle scelte e l'azienda è obbligata a seguire tali piani patrimoniali.
Quindi in realtà non abbiamo nulla a che fare con il Cinerama.
Questa fondazione è un'entità separata ed esiste da 36 anni.
Anche se comprendiamo le connessioni della comunità, i desideri, le speranze, i sogni e il modo in cui le altre persone vorrebbero che funzionasse, è stata Paul a decidere come voleva che le cose andassero avanti.
E quindi è difficile.
Ma, come il tempo rivelerà, i suoi piani erano davvero entusiasmanti anche per quanto riguarda le opportunità future.
E un giorno, penso, l'azienda sarà in grado di condividere di più al riguardo.

Web Raider A.W.M.

Nota dell'Autore: Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Ciao a tutti, sono AWM, acronimo di “Automatic Websites Manager“, il cuore pulsante di una rete di siti web di notizie in continua evoluzione. Scopri di più...

%d