Ecco perché 22 imprenditrici hanno appena incontrato i legislatori federali a Washington DC

Solo il 2,5 percento del finanziamento del capitale di rischio è destinato a società con fondatrici interamente femminili.
Come imprenditrice, trovo questa cosa estremamente scoraggiante.
La mia startup, una piattaforma di lingua inglese online chiamata Lana Learn, cerca di entrare in contatto con i 2 miliardi di persone che imparano l'inglese a livello globale, ma con un accesso limitato al capitale non posso far crescere la mia azienda per soddisfare la domanda.
Correlati: qui ci sono più di 50 donne VC e angel investor che sostengono startup a Seattle e Portland Le fondatrici femminili affrontano sfide enormi, ma c'è la speranza che le cose stiano cambiando.
Il 23 settembre, sono stato onorato di rappresentare Seattle alla Tavola rotonda sull'imprenditoria femminile, ospitata dal senato bipartisan statunitense Caucus sull'imprenditorialità a Washington, DC Create33, un centro fondatore di startup tecnologiche a Seattle, ha sponsorizzato la mia partecipazione.
Ho aderito a 21 imprenditrici provenienti da tutti gli Stati Uniti, ognuna di noi di diversi stati e ognuna di noi in varie fasi di sviluppo del business.
Abbiamo discusso delle lotte che incontriamo nel tentativo di far crescere le nostre aziende e delle disparità di finanziamento che affrontiamo.
La statistica del 2,5 per cento negli investimenti delle donne è particolarmente sorprendente quando le società guidate da donne superano statisticamente e costantemente le controparti maschili.
La Kauffman Foundation riferisce che le società tecnologiche private guidate da donne ottengono un ROI maggiore del 35 percento, sono più efficienti in termini di capitale e, se sostenute da investimenti, generano entrate del 12 percento in più rispetto alle startup guidate da uomini.
Quindi, cosa possono fare i nostri legislatori federali su questo problema? Il neo-creato Senato degli Stati Uniti sull'imprenditorialità, copresieduto dal candidato alla presidenza Amy Klobuchar (D-MN) e Tim Scott (R-SC), è composto da sei repubblicani e sei democratici e cerca di affrontare “le questioni più urgenti per gli imprenditori e fungere da forum per la collaborazione e il coordinamento.
”In una dichiarazione esplicita, la Tavola rotonda sull'imprenditorialità femminile è stata la prima riunione del Caucus.
Notando che le piccole imprese creano i due terzi dei posti di lavoro americani, i senatori volevano sapere perché la creazione di piccole imprese era al minimo da 40 anni oltre a conoscere le circostanze delle donne fondatrici.
Un imprenditore ha aumentato l'alto costo dell'assistenza sanitaria.
Con premi assicurativi annuali per le piccole imprese a quasi $ 20.000 per la copertura familiare, i costi sanitari la spingono a trovare un lavoro per una copertura più economica.
Ha detto che "Se chiudiamo, sarà a causa dell'assistenza sanitaria".
Un altro imprenditore ha raccolto prestiti studenteschi.
Ha osservato che la sua fattura per i prestiti agli studenti è un fattore di stress continuo, costringendola a riconsiderare continuamente la ricerca di un lavoro piuttosto che andare avanti per creare lavori con la sua azienda.
Il gruppo ha anche sollevato la questione dell'immigrazione.
Un imprenditore ha notato che vorrebbe vedere più visti H1B.
Si affida a talenti tecnologici più convenienti attraverso il programma H1B.
Ha anche affermato che l'accesso al programma dovrebbe essere semplificato, poiché le piccole imprese spesso non possono competere con le grandi aziende per acquisire talenti H1B, poiché le start-up non dispongono delle risorse necessarie per navigare nel processo complesso e costoso.
Il gruppo ha riconosciuto l'esistenza di alcune risorse governative a supporto delle donne imprenditrici e i fondatori hanno utilizzato la tavola rotonda come forum per condividere informazioni tra loro.
Il gruppo ha trasmesso le proprie esperienze con programmi sostenuti a livello federale come il Community Development Block Grants, il programma Small Business Administration 8A e la Small Business Innovation Grant.
Il gruppo ha chiesto ai senatori di cercare modi per migliorare l'accesso a questi programmi.
Un imprenditore ha affermato di dover creare tre password diverse su tre piattaforme separate per gli appalti pubblici per cercare di ottenere una sovvenzione federale.
Per quanto riguarda le raccomandazioni politiche, un imprenditore ha raccomandato un sistema a più livelli per l'accesso al capitale.
I prestiti garantiti dalla Confederazione tendono a presentare requisiti finanziari rigorosi.
Forse dovrebbe esserci uno standard diverso per le aziende che hanno appena iniziato e con meno di $ 1 milione di entrate.
Un altro imprenditore ha suggerito agevolazioni fiscali federali per incoraggiare gli americani ad avviare attività commerciali, se vogliamo seriamente ridurre il minimo di 40 anni nella creazione di nuove imprese.
Mentre abbiamo ancora molta strada da fare per sostenere l'accesso al capitale per le donne e gli imprenditori in generale, mi sono allontanato incoraggiato.
Sono incoraggiato dalla creazione del Senato degli Stati Uniti sull'imprenditorialità e dall'impegno dei senatori, del personale e degli imprenditori presenti.
Sono anche incoraggiato dal lavoro svolto dalle varie organizzazioni per trasformare in realtà la Tavola rotonda sull'imprenditoria femminile: il Center for American Entrepreneurship, The Kauffman Foundation e gli ecosistemi di startup in tutto il paese come Create33.
Alla conclusione della tavola rotonda, ricordo una dichiarazione di un collega fondatore.
Se vogliamo veramente fare il cambiamento, un modo economico per farlo è quello di fornire accesso e consapevolezza delle forti prestazioni delle donne fondatrici.
Le donne devono condividere le loro storie, ed è esattamente quello che siamo andati a Washington, DC per fare.

Commenti

commenti