Spaceflight e Rocket Lab metteranno in orbita un satellite giapponese stella cadente

Spaceflight di Seattle afferma che sta gestendo la logistica pre-lancio per un satellite giapponese progettato per spruzzare nel cielo stelle cadenti artificiali.
L'astronave ALE con sede a Tokyo è solo uno dei sette satelliti che verranno inviati in orbita dalla Nuova Zelanda già il 25 novembre, a bordo di un veicolo di lancio di Rocket Lab Electron.
Sarà il decimo lancio di Electron, guadagnandosi il soprannome di "Running Out of Fingers".
Sarà anche il primo lancio a testare l'hardware di guida e navigazione, nonché i sensori che Rocket Lab utilizzerà alla fine per contribuire a rendere Electron's primo stadio recuperabile.
Durante questa missione non verrà tentato alcun recupero.
Il satellite della stella cadente, ALE-2, sta già facendo notizia in Nuova Zelanda.
È progettato per rilasciare particelle dalla sua orbita sincrona solare al di sotto dell'altitudine della Stazione Spaziale Internazionale, secondo un programma a tempo.
Quando le particelle rientrano nell'atmosfera terrestre, dovrebbero bruciare e creare l'apparenza di meteore viste dal suolo.
Oltre al fattore di intrattenimento, ALE afferma che gli scienziati che partecipano al progetto Sky Canvas saranno in grado di studiare il percorso delle particelle durante il rientro.
Ciò potrebbe portare a previsioni più accurate del percorso dei satelliti durante il decadimento orbitale e forse contribuire allo studio del tempo e dei cambiamenti climatici.
"Questo lancio ci avvicina molto di più alla realizzazione della prima stella cadente artificiale del mondo", ha dichiarato il CEO di ALE, Lena Okajima, in un comunicato stampa.
"Apprezziamo molto il supporto e l'attenzione di Spaceflight alla nostra missione, e siamo onorati di fare questo grande passo con loro." Alcuni osservatori affermano che il progetto Sky Canvas sarà una distrazione per gli astronomi e un'attrazione per gli skywatcher.
Esempi simili includono il satellite per la palla da discoteca "Humanity Star" lanciato da Rocket Lab nel 2018 e il primo lotto di 60 satelliti Starlink di SpaceX.
Quando i piani per il progetto sono venuti alla luce a gennaio, The Sun ha affermato che lo scopo principale della missione era "stupire i mega-ricchi del mondo con abbaglianti display a luce".
Altri hanno affermato che la giustificazione per lo schermo è "altamente discutibile" o "altamente discutibile" a livello morale, ecologico, legale e politico.
”Il New Zealand Herald ha citato il ministro dello sviluppo economico della nazione, Phil Twyford, affermando di aver approvato il payload per il lancio dopo aver ricevuto assicurazioni dall'Agenzia spaziale della Nuova Zelanda che il progetto era sicuro, che non c'erano preoccupazioni ambientali e che "l'impatto dell'inquinamento luminoso è trascurabile".
Il presidente e CEO di Spaceflight, Curt Blake, si è concentrato sull'esperienza della sua azienda piuttosto che sul fattore glitter nel comunicato stampa di oggi.
Spaceflight è la filiale logistica di lancio di Spaceflight Industries, con sede a Seattle, che ha anche la società di dati geospaziali Black Sky sotto la sua ala.
"La nostra esperienza nell'offrire servizi di lancio end-to-end su più veicoli di lancio continua ad essere molto apprezzata dalle organizzazioni, indipendentemente dal fatto che si tratti di un nuovo cliente come ALE o di un esperto sviluppatore di costellazioni", ha affermato Blake.
“La nostra esperienza e relazioni di lunga data forniscono affidabilità, flessibilità e la sicurezza che porteremo i clienti nello spazio nel modo più efficiente possibile.
Non vediamo davvero l'ora di prendere ALE per il nostro terzo lancio di Electron quest'anno.
”I due lanci precedenti di Spaceflight hanno avuto luogo a giugno e agosto.
Gli altri sei veicoli spaziali da inviare in orbita terrestre bassa, o LEO, durante la missione "Running Out of Fingers" sono satelliti PocketQube larghi 2 pollici, prodotti da Alba Orbital.
Ecco come Rocket Lab descrive i payload: ATL-1: un payload di Advanced Technology of Laser dall'Ungheria, progettato per testare un nuovo materiale di isolamento termico nello spazio, eseguire un esperimento di materiale isolante termico e condurre il monitoraggio dello spettro di banda DVB-T.
Fossasat-1: un satellite sviluppato da Fossa Systems, un'organizzazione spagnola senza scopo di lucro.
Il satellite di comunicazione utilizza trasmissioni radio a bassa potenza per fornire connettività IOT.
NOOR 1A e NOOR 1B: questi satelliti di Stara Space dimostreranno la tecnologia di collegamento intersatellite da LEO a LEO che comunica con le stazioni di terra sulla Terra.
Tali tecnologie saranno necessarie per creare una costellazione di comunicazioni globali in tempo reale nello spazio.
SMOG-P: un nuovo payload di monitoraggio dello spettro costruito dagli studenti dell'Università di tecnologia ed economia di Budapest in Ungheria.
Smog-P è dotato di un analizzatore di spettro per misurare l'inquinamento elettromagnetico artificiale dallo spazio.
TRSI Sat: ACME AtronOmatic è una società di sviluppo software tedesco-statunitense che fornisce servizi di localizzazione dei voli alla comunità aeronautica e ad applicazioni mobili come MyRadar, un'applicazione radar meteorologica per dispositivi mobili.

Commenti

commenti