Il razzo New Glenn di Blue Origin e il lander Blue Moon proposti … come giocattoli Lego

Quale andrà per primo in servizio commerciale: il razzo New Glenn di classe orbitale Blue Origin e il lander lunare Blue Moon, o le versioni giocattolo Lego? La risposta dipenderà non solo dai progressi compiuti dall'impresa spaziale Jeff Bezos, CEO di Amazon, dalle cose reali, ma anche da quante persone supportano il progetto Lego Ideas.
Il set da 2.670 pezzi includerebbe una versione in scala 1: 110 del New Glenn a due stadi e la variante adattabile del lander Blue Moon, oltre a extra tra cui una torre di lancio, rover e un satellite.
Il razzo sarebbe alto circa 40 pollici.
L'intero assemblaggio è progettato da Valerie Roche e Matthew Nolan, la squadra dietro il razzo Saturn V Lego di 1.969 pezzi (anch'esso costruito in scala 1: 110), oltre ai proposti set di missili SpaceX Falcon / Dragon e SpaceX Starship / Super Heavy.
Tutti questi set sono stati sottoposti al processo Lego Ideas, che consente ai fan dei blocchi di costruzione di votare progetti di costruzione.
Se una proposta di kit attira 10.000 voti, i signori Lego la prenderanno in considerazione per la commercializzazione.
Il kit Saturn V è stato un grande successo, e quest'anno un kit lander lunare Apollo 11 è atterrato anche sugli scaffali dei negozi.
Lego non ha ancora dato la sua benedizione ai razzi SpaceX, ma probabilmente è solo una questione di tempo.
Il tempo è un fattore determinante anche per la proposta Blue Origin: al momento della stampa, i fan di Lego hanno registrato 1.990 voti per il design e il conteggio dovrà raggiungere i 10.000 entro maggio 2021 per ottenere ulteriori considerazioni.
(Saranno aggiunti sei mesi se il conteggio raggiunge i 5.000.) Questo è quasi il momento in cui Blue Origin prevede di iniziare a lanciare New Glenn dalla piattaforma di lancio orbitale attualmente in costruzione in Florida.
Sebbene la società abbia sede nel Kent, nello stato di Washington, New Glenn sarà prodotta in un'enorme fabbrica della Florida, e i motori BE-4 del missile arriveranno dal Kent e dall'Alabama.
Blue Moon è più un punto interrogativo: Blue Origin e i suoi partner nel progetto – Lockheed Martin, Northrop Grumman e Draper – hanno proposto di costruire il sistema di atterraggio per l'uso della NASA nel programma lunare Artemis.
È probabile che il team ottenga il via libera della NASA per continuare lo sviluppo, e c'è una possibilità che gli astronauti guideranno Blue Moon sulla superficie lunare nel 2024.
(Boeing e SpaceX sono anche in competizione per gli atterraggi sulla luna.) Non è una schiacciata che Lego sceglierà di immortalare la navicella spaziale Blue Origin con sacchi di blocchi di plastica, ma in ogni caso Bezos e il suo team devono prendere sul serio il merchandising.
Dopotutto, SpaceX ha già un negozio online che offre abbigliamento e accessori di marca, tra cui i razzi modello Falcon 9.
Blue Origin ha un negozio per soli dipendenti nella sede centrale del Kent, ma ci si dovrebbe aspettare molto di più da un'impresa guidata dal fondatore miliardario di Amazon.
Indossa i "giocattoli Gradatim Feroci"! Punta del cappello per Universe Today e Evan Gough.

Commenti

commenti