Boeing traccia il problema con il sistema di paracadute Starliner su un perno non protetto

Per mancanza di uno spillo, fu perso l'uso del paracadute di un'astronave.
Potrebbe essere un modo semplicistico per spiegare perché uno dei tre paracadute sul taxi spaziale CST-100 Starliner della Boeing non è stato aperto.
Serve, tuttavia, come un ammonimento sull'unica ovvia anomalia del test di interruzione del pad di Starliner di lunedì, un veicolo che dovrebbe iniziare a trasportare gli astronauti della NASA da e verso la Stazione Spaziale Internazionale l'anno prossimo.
Nel complesso, il test è stato giudicato un successo: lo Starliner senza equipaggio ha lanciato i motori a razzo sul suo sistema di interruzione del lancio, ha rallentato la sua discesa con l'aiuto dei due paracadute che si sono aperti e ha distribuito i suoi airbag per effettuare un atterraggio perfettamente accettabile presso l'esercito degli Stati Uniti Gamma di missili White Sands nel New Mexico.
Se ci fosse stato un equipaggio a bordo, e se un'emergenza che coinvolge il razzo Atlas 5 di Starliner dovesse sorgere sulla piattaforma di lancio della Florida, gli astronauti avrebbero fatto una fuga e un atterraggio sicuri – come uno schianto nell'Atlantico piuttosto che un atterraggio nel deserto.
"Questo è stato un test solido di ciò che il veicolo potrebbe fare se avessimo un problema sul pad.
Un test enorme ”, ha dichiarato oggi Kathy Lueders, responsabile del programma Commercial Crew Program della NASA, durante una teleconferenza che ha esaminato il test di interruzione del pad.
Il glitch che coinvolge il terzo paracadute non è stato abbastanza grave da forzare un ritardo per il primo volo di prova senza equipaggio dello Starliner verso la stazione spaziale e ritorno, previsto per il lancio non prima del 17 dicembre.
Tuttavia, era importante per gli ingegneri della Boeing determinare causa principale e adottare misure per evitare che si verifichi di nuovo l'anomalia.
John Mulholland, vicepresidente e responsabile del programma del programma commerciale dell'equipaggio della Boeing, ha detto che il team di Starliner ha rapidamente identificato la causa principale: la mancanza di una connessione sicura tra lo scivolo principale e lo scivolo pilota che avrebbe dovuto estrarlo dal veicolo spaziale.
In risposta a una domanda, Mulholland ha affermato che il problema è riconducibile a un perno che dovrebbe essere inserito attraverso un anello all'estremità di una linea di paracadute.
"Quel perno non era nel giro", ha detto.
Gli equipaggi ravvicinati hanno mancato di individuare il problema perché le linee e le loro connessioni erano nascoste all'interno di coperture protettive.
Ma una revisione delle foto scattate durante il processo di chiusura, oltre a un'ispezione dell'hardware recuperato dal test di questa settimana, ha individuato cosa è andato storto, ha detto Mulholland.
Ha detto che il team di Boeing ha preso "una serie di passaggi abbastanza facili" per assicurarsi che i collegamenti dei paracadute siano sicuri in futuro.
Ad esempio, gli ingegneri effettueranno dei "pull test", il che sembra che stiano tirando le corde per assicurarsi che siano correttamente collegati.
Il team di Starliner sta inoltre ricontrollando i 18 collegamenti critici nelle linee dei paracadute sull'imbarcazione Starliner che dovrebbe essere lanciata il prossimo mese, ha detto Mulholland.
Ha detto che tutti i collegamenti, tranne tre, sono stati verificati negli ultimi due giorni e si aspetta che vengano verificati anche i rimanenti tre.
"Abbiamo il 100% di fiducia nel paracadute", ha detto Mulholland.
Nel complesso, la performance dello Starliner è stata "eccezionale", ha detto Mulholland.
Alcuni osservatori potrebbero essersi chiesti di uno scatto di propellente di tetroossido di azoto rossastro emanato dalla capsula durante la sua discesa, ma Mulholland ha detto che gli avanzi sono stati rilasciati "di progettazione".
Gli ingegneri analizzeranno i dati del test di questa settimana per la settimana successiva e un metà.
Se tutto andrà a buon fine, la NASA e Boeing proseguiranno con il lancio del prossimo mese dello Starliner senza equipaggio dalla stazione dell'aeronautica di Cape Canaveral in Florida.
E se quel test procede senza intoppi, si prevede che una missione dimostrativa invierà due astronauti della NASA e un pilota di test Boeing alla stazione spaziale il prossimo anno.
Nel frattempo, SpaceX sta procedendo con i test della sua astronave Crew Dragon, che è anche sulla buona strada per iniziare a lanciare gli astronauti alla stazione spaziale il prossimo anno.
Entro la fine di dicembre è previsto un test di annullamento in volo senza equipaggio.
In preparazione per quel test ad alta quota, SpaceX sta pianificando sabato un test antincendio statico sul terreno del sistema di propulsione del Crew Dragon.
Un test simile è andato storto ad aprile, aggiungendo mesi di ritardo al programma di sviluppo di SpaceX.

Commenti

commenti