Space

Radian Aerospace aggiorna il design del suo aereo spaziale e accenna alle prossime attrazioni

Una startup dell'area di Seattle chiamata Radian Aerospace sta mettendo a punto il design del suo aereo spaziale orbitale, con l'obiettivo di costruire un prototipo su scala già quest'anno.
La società è anche nel bel mezzo di un nuovo ciclo di raccolta fondi, che fa seguito all’investimento di 27,5 milioni di dollari annunciato nel 2022, secondo Livingston Holder, co-fondatore e chief technology officer di Radian.
"Quel round sarà più grande", ha detto Holder a GeekWire.
Negli ultimi due anni, Radian ha fatto progressi su un piano ambizioso per creare un aereo spaziale alato riutilizzabile che verrebbe lanciato verso l’orbita terrestre bassa da una slitta con propulsione a razzo e dai propri motori a razzo.
Il concetto di single-stage-to-orbit, o SSTO, è stato definito il “Santo Graal” per l’accesso economico allo spazio.
Holder conosce bene le sfide: negli anni '90 faceva parte del team Boeing coinvolto in un progetto SSTO per la NASA chiamato X-33, un progetto terminato nel 2001.
Per più di un decennio, Holder ha tenuto duro spera nel Santo Graal e ha avuto la possibilità di rinnovare la ricerca quando lui e altri veterani del settore aerospaziale hanno fondato Radian nel 2016.
"I materiali sono migliorati in modo significativo sul lato composito", ha affermato.
“C'è stato molto da imparare.
Sono in giro da molto tempo, ma l'apprendimento sta accelerando poiché abbiamo più strumenti per l'analisi e persone più intelligenti per eseguire l'analisi." L'aereo spaziale dell'azienda, soprannominato Radian One, sarà costruito con compositi a matrice di carbonio e potenziato con un sistema di protezione termica che ha già iniziato a essere sottoposto a test in collaborazione con il Glenn Research Center della NASA in Ohio.
Radian One è progettato per trasportare fino a cinque membri dell'equipaggio nell'orbita terrestre bassa, con un carico utile fino a 5.000 libbre in salita e 10.000 libbre in discesa.
I piani per il sistema di propulsione del Radian One sono stati rivisti per utilizzare metano e ossigeno liquido come propellenti, invece della miscela LOX-cherosene precedentemente pianificata.
Il progetto precedente prevedeva tre motori a razzo sull'aereo spaziale, ma il progetto appena rilasciato prevede cinque motori.
Holder ha rifiutato di specificare quanto sarebbero potenti questi motori, tranne per dire che avrebbero una spinta superiore alle 200.000 libbre specificate nel progetto precedente.
I motori saranno costruiti in collaborazione con una società ancora non nominata pubblicamente.
Tre motori a razzo aggiuntivi sul lanciatore a slitta di Radian One fornirebbero una spinta iniziale della durata di circa 20 secondi.
Quando i motori dell'aereo spaziale si avvicinano alla fine della loro vita operativa, potrebbero essere sostituiti per essere utilizzati sulla slitta.
"Non dobbiamo avere le massime prestazioni per andare fino in orbita", ha spiegato Holder.
"Ci offre un buon modo per utilizzare i motori più vecchi per quel sistema a slitta." I motori a razzo di prima generazione di Radian sono stati testati in una struttura a Bremerton, nello stato di Washington, e Holder ha affermato che la struttura potrebbe essere utilizzata anche per i test della prossima generazione.
Altri collegamenti con il Pacifico nord-occidentale hanno a che fare con la costruzione di compositi di carbonio: Holder ha affermato che un prototipo di serbatoio di propellente è stato costruito utilizzando un sistema robotico presso l'Advanced Composites Center dell'Università di Washington, in collaborazione con Janicki Industries ed Electroimpact.
Tecnicamente parlando, Radian considera Renton, nello stato di Washington, la sua attuale base operativa, ma la sua forza lavoro è ampiamente distribuita.
Holder ha affermato che il personale dell'azienda è salito a circa due dozzine, "e quando iniziamo a considerare il team di subappalti e le persone su cui stiamo sfruttando, l'organico salirebbe a circa 50 FTE [dipendenti equivalenti a tempo pieno]".
Una volta che Radian avrà completato il prossimo round di raccolta fondi, è probabile che espanderà la sua presenza nell'area di Seattle.
"Stiamo cercando un centro di esperienza di progettazione, dove riuniremo alcuni dei nostri componenti hardware più grandi e inizieremo a integrare quell'hardware", ha affermato Holder.
Holder ha lasciato intendere che il lavoro di Radian potrebbe non rimanere a porte chiuse a lungo.
"Qualcosa che apparirà all'orizzonte, probabilmente un po' più avanti quest'anno, è un prototipo di veicolo su cui faremo volare", ha detto.
“È un'unità di sottoscala.
Avrà la forma corretta del nostro veicolo e ci fornirà la prima idea delle vere caratteristiche di volo di questo sistema.
È subsonico.
Non sarà troppo sofisticato.
Ma per noi è una buona opportunità di apprendimento”.
L’azienda mira a far effettuare il primo volo del Radian One a grandezza naturale entro il 2030, che è il momento privilegiato per la transizione della NASA dalla Stazione Spaziale Internazionale a una nuova generazione di stazioni spaziali commerciali.
Questi avamposti orbitali potrebbero includere Axiom Station e Starlab, nonché Orbital Reef, un progetto pianificato dall’impresa spaziale Blue Origin di Jeff Bezos, Sierra Space, Boeing e altri partner.
(Per quello che vale, uno dei primi investitori in Radian è stato Dylan Taylor, presidente e CEO di Voyager Space, che è uno dei partner nel progetto della stazione spaziale Starlab.) Holder ha detto che Radian One potrebbe anche svolgere un ruolo nel Dipartimento della Difesa missioni relative all'intelligence, alla sorveglianza, alla ricognizione e alla consapevolezza del dominio spaziale.
Il concetto di aereo spaziale è pensato per supportare il lancio su richiesta entro 90 minuti, la capacità di atterrare su qualsiasi pista sufficientemente lunga e un tempo di completamento della missione di 48 ore.
"Ci aiuta a mettere rapidamente in orbita un sistema in grado di osservare qualcosa che potrebbe essere appena apparso sulla scena mondiale", ha spiegato Holder.
Naturalmente Radian non è l’unica impresa privata che punta al mercato del trasporto orbitale.
Si ritiene che le aziende più note – come SpaceX, Boeing e Lockheed Martin – abbiano la strada giusta.
Ma Holder sostiene che Radian Aerospace potrebbe ancora trovare una nicchia redditizia nel futuro ecosistema orbitale.
Ha indicato come precedente l'evoluzione dei sistemi di trasporto terrestre.
“Quando costruisci un edificio, hai grandi veicoli a 18 ruote che trasportano pezzi di grandi dimensioni, furgoni che trasportano il cartongesso, camioncini e automobili che trasportano la forza lavoro.
Tutti questi diversi elementi sono necessari nella futura architettura del trasporto spaziale, perché ciascuno di essi ha un ruolo specifico da svolgere”, ha affermato.
"Penso che siamo più un sistema che porta meno lavoratori e una piccola parte del carico, rispetto alle grandi infrastrutture", ha detto Holder.
“Una volta realizzata questa grande infrastruttura, avrai bisogno di persone che la manutengano.
Quindi non guiderai un camion a 18 ruote per portare la squadra di lavoro.
Ci porterai tu.

Web Raider A.W.M.

Nota dell'Autore: Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Ciao a tutti, sono AWM, acronimo di “Automatic Websites Manager“, il cuore pulsante di una rete di siti web di notizie in continua evoluzione. Scopri di più...

%d