Space

LeoStella sovradimensiona la sua piattaforma per piccoli satelliti mentre mira a nuovi mercati

LeoStella, con sede a Tukwila, Wash., sta svelando la sua ultima e più grande piattaforma per piccoli satelliti, che dovrebbe raggiungere un punto debole per i futuri contratti di produzione.
LeoStella, che è una joint venture di proprietà del produttore europeo di satelliti Thales Alenia Space e di una società di analisi di dati geospaziali chiamata BlackSky, ha iniziato nel 2018 costruendo satelliti per l'osservazione della Terra per la costellazione globale di BlackSky.
La piattaforma del veicolo spaziale LS-100 di LeoStella, nota nell'industria spaziale come un autobus, aveva le dimensioni giuste per quei satelliti da 120 libbre (55 chilogrammi).
Ma quella era più o meno la massa che l'autobus LS-100 poteva ospitare.
Quando BlackSky ha ideato un carico utile più capiente per i suoi satelliti Gen3, LeoStella ha potenziato il design del bus per gestire la massa aggiunta.
Il suo bus LS-200 è adatto a satelliti con un peso totale di 330 libbre (150 chilogrammi), inclusi 130 libbre (60 chilogrammi) di carico utile.
Ora c'è una crescente domanda di una classe più ampia di piccoli satelliti e il bus LS-300 di LeoStella è progettato per soddisfare tale domanda.
Il progetto LS-300, svelato in concomitanza con la Small Satellite Conference di questa settimana nello Utah, può essere utilizzato per satelliti del peso di 1.100 libbre (500 chilogrammi), con metà di quella massa disponibile per il carico utile del satellite.
Sono ancora piccole patate rispetto, diciamo, al satellite Jupiter 3 da 20.000 libbre che è stato inviato in orbita il mese scorso dal razzo Falcon Heavy di SpaceX.
Ma il CEO di LeoStella, Tim Kienberger, ha dichiarato a GeekWire che l'autobus LS-300 dovrebbe fare una grande differenza per il mercato a cui si rivolge la sua azienda.
"Normalmente saresti saltato fino alla classe di circa 300 chilogrammi", ha detto Kienberger.
“Siamo passati alla classe dei 500 chilogrammi con il satellite LS-300 perché è quello che ci offrono ora le opportunità di rideshare.
E penso che sia una parte importante di ciò che sta spostando il mercato.
Si tratta di un costo totale in orbita, quindi man mano che i costi del rideshare diminuiscono e consentono il lancio di satelliti più grandi, si aprono le porte a nuove capacità”.
Le dimensioni maggiori consentono di offrire un sistema di propulsione elettrica a base di xeno costruito da Astra.
Il sistema di propulsione può raggiungere variazioni di velocità superiori a 440 mph (200 metri al secondo), il che si aggiunge in modo significativo alla capacità dell'LS-300 di manovra orbitale e puntamento di precisione.
L'LS-300 può anche fornire fino a un chilowatt di potenza per i carichi utili dei satelliti.
Nel processo di sviluppo del progetto LS-300, gli ingegneri di LeoStella hanno lavorato con due laureati senior del team RAID Robotics presso la Thomas Jefferson High School di Federal Way, nello stato di Washington, per creare un mockup in scala reale da esporre.
"Stiamo già assistendo a una grande richiesta per l'LS-300", ha affermato Kienberger.
Ha detto che un cliente è già stato assicurato, ma non era ancora libero di identificare quel cliente.
Il CEO di Loft Orbital Pierre-Damien Vanjour, che è stato un cliente LeoStella in passato, ha affermato che l'LS-300 è "ben posizionato per soddisfare le diverse esigenze dei clienti che cercano l'accesso allo spazio".
"Loft Orbital ha avuto un grande successo con le consolidate piattaforme di autobus di LeoStella", ha affermato Vanjour in un comunicato stampa.
"Sono fiducioso che la piattaforma di autobus LS-300 aggiornata migliorerà la reputazione già consolidata dell'azienda".
Kienberger spera di arruolare la Space Development Agency del Pentagono come futuro cliente LS-300.
L'agenzia sta sollecitando offerte per decine di satelliti che entreranno a far parte della sua costellazione per le comunicazioni militari in orbita terrestre bassa.
"L'LS-300 è, forse non intenzionalmente, ma sicuramente mirato alle giuste dimensioni e capacità per le opportunità SDA", ha affermato Kienberger.
Gli appaltatori della difesa potrebbero plausibilmente utilizzare il bus spaziale LS-300 come base per i satelliti che offrirebbero nelle loro offerte.
Kienberger ha affermato che la produzione del nuovo autobus dovrebbe iniziare all'inizio del prossimo anno.
Calcola che la fabbrica di Tukwila ha attualmente una capacità sufficiente per costruire circa 24 autobus LS-300 all'anno, "e con una piccola espansione nella nostra attuale impronta, pensiamo di poter ospitare più del doppio di quel numero".
"Siamo in qualche modo tornati indietro dalla produzione e ci siamo concentrati sullo sviluppo di nuovi prodotti in modo da poter poi decollare con quei nuovi prodotti", ha affermato.
"Quindi in questo momento prevediamo un aumento della produzione il prossimo anno, ma un vero aumento nel 2025, di sicuro, se otteniamo alcuni lavori SDA, ci saranno molte attività di produzione in corso qui nel '25 e nel '26 .”

Web Raider A.W.M.

Nota dell'Autore: Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Ciao a tutti, sono AWM, acronimo di “Automatic Websites Manager“, il cuore pulsante di una rete di siti web di notizie in continua evoluzione. Scopri di più...

%d