Magnix fa funzionare i motori elettrici per i test di volo in idrovolante Harbour Air a dicembre

Il MagniX di Redmond, con sede a Washington, che mira a diventare la Tesla dell'aviazione, si sta preparando per i primi test di volo di un idrovolante Harbour Air completamente elettrico nella Columbia Britannica il prossimo mese, afferma il CEO dell'azienda.
Ma non è tutto: oltre a fornire un motore Magni500 da 750 cavalli da utilizzare su un Beaver de Havilland che viene convertito in propulsione completamente elettrica presso la sede centrale di Harbour Air a.C., MagniX sta sperimentando su un aereo Cessna Citation convertito nel lago Moses, Wash La società sta inoltre progettando un motore Magni1000 da 1.500 CV di prossima generazione.
Questi sono solo alcuni dei progetti descritti dal CEO di MagniX Roei Ganzarski questa settimana durante un incontro presentato da Hacker News Seattle Meetup Group e Cofounders Connect presso ATLAS Workbase.
Ganzarski ha parlato a doppia capacità: oltre al suo ruolo in MagniX, è il presidente di un'impresa israeliana chiamata Eviation, che utilizzerà il sistema di propulsione elettrica di MagniX come opzione per il suo aereo Alice completamente elettrico.
Il primo aereo Alice è in preparazione per le prove di volo nel lago Moses.
MagniX ed Eviation sono filiali del gruppo Clermont con sede a Singapore e Ganzarski supervisiona entrambe le società in qualità di presidente della divisione aerospaziale di Clermont.
Poiché il gruppo privato Clermont è così ben capitalizzato, Ganzarski ha detto che non deve preoccuparsi di passare attraverso i round di finanziamento che la maggior parte delle startup richiede ripetutamente.
"Ho i soldi di cui ho bisogno, quindi posso concentrarmi solo su ciò su cui devo concentrarmi per il mio obiettivo", ha detto.
"In 40 anni, voglio che le persone volino solo elettriche, come una cosa naturale, grazie a ciò che abbiamo fatto oggi." La filosofia di MagniX è quella di iniziare in piccolo, con rotte aeree brevi che ben si adattano alla capacità limitata della batteria di oggi.
Le rotte pendolari a corto raggio di Harbour Air sono ideali a tale scopo, poiché i voli durano in genere 30 minuti o meno.
A seconda della velocità con cui MagniX e Harbour Air riescono a superare il processo di collaudo e certificazione, gli aerei completamente elettrici di Harbour Air potrebbero iniziare il servizio commerciale entro il 2022.
E se la tecnologia delle batterie migliorerà così rapidamente come previsto, l'intera flotta di oltre 40 idrovolanti di Harbour Air essere convertito in propulsione completamente elettrica.
Siamo entusiasti di condividere il completamento di importanti traguardi del progetto nella conversione del primo idrovolante al mondo in ePlane! Stiamo portando la neutralità carbonica ad un altro livello! Fai clic per conoscere il nostro progetto innovativo! https://t.co/KCDyKyDWKP ✈️ @ GretaThunberg pic.twitter.com/Ajg81Bo2D4 – Harbor Air Seaplanes (@HarbourAirLtd) 25 ottobre 2019 I test del motore installato sul Cessna nel lago di Moses contribuiranno al processo di certificazione, Ganzarski disse.
L'aereo Alice di nove passeggeri di Eviation rappresenta un'altra tappa nell'evoluzione dell'aviazione completamente elettrica: Alice fa un uso liberale di materiali compositi in carbonio leggero e dovrebbe essere in grado di intraprendere viaggi di 650 miglia, grazie ai motori Magni250 da 375 HP montati su ogni punta alare e alla coda.
Come Harbour Air, Eviation punta ad avviare il servizio commerciale nel 2022.
Ganzarski ha affermato che gli aerei saranno progettati per la ricarica dei supercaricatori da 500 kilowatt Tesla, con un rapporto 1 a 1 tra il tempo di volo e il tempo di ricarica.
Ciò significa, ad esempio, che l'aereo avrebbe bisogno di un'ora di ricarica per tornare a piena potenza dopo un volo di un'ora.
Ma Ganzarski non dovrebbe essere troppo oneroso, considerando la realtà della logistica aeroportuale e i tempi di caricamento.
Per facilitare la ricarica, MagniX sta studiando lo sviluppo di carrelli di ricarica mobili che i team di manutenzione delle compagnie aeree potrebbero trasportare sui propri aerei dopo l'atterraggio.
Oggigiorno, tutta l'elettricità sembra essere di gran moda nell'aviazione, grazie in gran parte alle iniziative di aerotaxi immaginate da artisti del calibro di Uber, Airbus, Boeing, Audi, Porsche, Aston Martin e Rolls-Royce.
Ma Ganzarski ha dichiarato di non essere interessato a costruire veicoli elettrici per il decollo e l'atterraggio verticali, o eVTOL, che sarebbero in grado di trasportare solo da due a quattro persone.
Pensa che ci vorranno dai 10 ai 15 anni per far decollare il mercato commerciale di eVTOL, a causa delle complessità tecnologiche coinvolte.
"Siamo in quella che definisco la parte più noiosa dell'aviazione", ha detto Ganzarski.
“Stiamo lavorando con velivoli tradizionali con ali, che decollano da una pista e atterrano su una pista.
Niente di sexy al riguardo, tranne per il fatto che è meno costoso dal 60 all'80 percento per operare all'ora, ed è completamente pulito.
”Scommettere sull'aviazione completamente elettrica non è una cosa certa, come dimostrano i contrattempi finanziari recentemente subiti da Bothell, Wash.- basato Zunum Aero.
E c'è sempre la possibilità che una compagnia più grande come Boeing possa lanciare Bigfoot MagniX (ed Eviation) sul mercato degli aeroplani elettrici.
Ma se Ganzarski riuscirà a far decollare la sua strategia passo-passo, iniziando con le conversioni di Harbour Air, forse il cielo è il limite.
Guarda la presentazione completa di Roei Ganzarski alla riunione del gruppo Meetup di Hacker News Seattle, per gentile concessione di Timothy Kitchen e Facebook Live: CEO di MagniX, produttore di aerei elettronici, Roei Ganzarski che presenta al nostro incontro con Cofounders Connect – Sponsorizzato da ATLASWorkBase.com.
? Inserito da Timothy Kitchen mercoledì 13 novembre 2019

Commenti

commenti