Microsoft effettua un'altra acquisizione cloud, avvia Mover all'avvio della migrazione dei file

Un altro giorno, un'altra acquisizione relativa al cloud per Microsoft.
Il colosso della tecnologia ha acquistato Mover, una startup di migrazione cloud storage con sede a Edmonton, in Canada.
L'accordo aiuta Microsoft a rafforzare le sue capacità di migrazione dei file di Microsoft 365.
"Il nostro obiettivo è aiutare i clienti a passare al cloud con fiducia", ha scritto Microsoft in un post sul blog.
"Oggi offriamo diverse opzioni per supportare le migrazioni di file cloud, tra cui FastTrack e le offerte di partner Microsoft fidati, nonché lo strumento di migrazione di SharePoint per la migrazione di contenuti da siti di SharePoint locali e condivisioni di file a Microsoft 365.
Mover migliorerà queste offerte con strumenti comprovati, oltre a più opzioni self-service nel tempo.
"Fondata nel 2012, Mover si descrive come" uno dei più veloci migratori di documenti OneDrive e SharePoint al mondo ", fornendo la migrazione da più di una dozzina di fornitori di servizi cloud a OneDrive e SharePoint.
"Sicurezza, fedeltà dei file e accuratezza dei trasferimenti sono principi fondamentali della nostra azienda e siamo orgogliosi della nostra reputazione", ha scritto il co-fondatore e CEO di Mover Eric Warnke in un post sul blog.
“Andando avanti, porteremo la nostra profonda competenza e tecnologia di migrazione al servizio dei clienti Microsoft.
Questa acquisizione garantirà ai clienti che passano a Microsoft 365 un'esperienza senza soluzione di continuità ed economica.
”Mover ha raccolto finora 1,5 milioni di dollari, secondo PitchBook.
La società elenca 70 dipendenti su LinkedIn.
Questa è la dodicesima acquisizione di Microsoft del 2019.
Ha fatto altre tre acquisizioni relative al cloud negli ultimi mesi, lanciando Blue Talon a luglio, acquistando jClarity ad agosto e Movere il mese scorso.
I servizi cloud dell'azienda hanno generato per la prima volta lo stesso trimestre tutte le entrate di tutte le altre attività, inclusi i pilastri come le licenze software e l'hardware tradizionali.
Microsoft ha speso $ 9,1 miliardi in 20 acquisizioni nel corso dell'anno fiscale 2019, conclusosi il 30 giugno, sostenute dall'accordo GitHub da $ 7,5 miliardi.
La ricerca di GeekWire mostra che il 2019 si classifica come il terzo anno più grande di Microsoft per le acquisizioni, sia per numero di transazioni che per spesa, dal 2003.

Commenti

commenti