Test del progetto xCloud di Microsoft: il nuovo servizio di streaming sembra un trucco magico

Project xCloud di Microsoft è diventato live.
La scorsa settimana, Microsoft ha iniziato a lanciare un'anteprima pubblica per il suo nuovo servizio di gioco basato su cloud.
I partecipanti possono giocare a quattro titoli di console di Microsoft Studios – Halo 5: Guardians, Gears 5, Sea of Thieves e Killer Instinct – sui loro dispositivi Android tramite il cloud server di Microsoft.
Informativa completa: probabilmente non sto lavorando con le migliori condizioni possibili qui.
L'unico dispositivo Android compatibile che ho avuto in giro è un vecchio smartphone Samsung Galaxy J3.
Non mi aspettavo molto da fare.
Invece, si è rivelato relativamente indolore.
Mi aspettavo che il processo di installazione prendesse la maggior parte del mio pomeriggio e comportasse un sacco di risoluzione dei problemi.
Ho abbinato un controller Xbox One abilitato Bluetooth al mio telefono, ho installato l'app di streaming xCloud di Microsoft e prima ancora troppo a lungo, avevo Gears 5 – un gioco console completo e moderno, che ha solo quasi due mesi – in esecuzione sul mio smartphone economico.
Sembra un trucco magico.
Mentre il servizio è in versione beta e, come tale, ha molto da fare, ha una manciata di problemi in corso.
Ho trovato sia Gears 5 che Halo 5 abbastanza giocabili nonostante le dimensioni che inducono l'affaticamento degli occhi del mio schermo del telefono, ma entrambi i giochi hanno avuto problemi reali con ritardo di controllo e frequenza di aggiornamento.
I miei movimenti e le opzioni di menu richiedevano regolarmente un secondo o due per registrarsi, e lo schermo doveva frequentemente impiegare un secondo per rendere nuovamente visibile il gioco dopo che qualcosa si era mosso.
Giocando a Gears 5 in particolare, mi sono abituato a vedere un'onda salutare sullo schermo ogni pochi secondi mentre avanzavo al primo livello.
La frequenza dei fotogrammi è stata solida quando ho trovato una lotta per entrare, e mentre la grafica è limitata, sono ancora abbastanza buoni.
Non ho avuto molti problemi a combattere i nemici o azzerare i bersagli, oltre ai semplici problemi causati dal giocare su uno schermo che è forse il 5 percento delle dimensioni previste.
Tutto sommato, è un modo perfettamente accettabile per giocare a questi giochi, anche se probabilmente dovrei prendere un tablet Android economico e dare a questo un altro colpo.
Ho provato xCloud sul mio telefono principalmente per poter dire di averlo fatto, e ora che ho, mi sento abbastanza sicuro di dire che non è una grande idea.
Gears 5 era pensato per schermi molto più grandi di così.
Sono solo impressionato dal fatto che avrei potuto eseguirlo su questo vecchio telefono.
I giochi basati su cloud in generale, tuttavia, presentano il problema della larghezza di banda.
Ho avuto più problemi con Halo 5 che altrove, ma finisci per trasmettere e ricevere molti dati quando giochi tramite xCloud e può facilmente sopraffare una connessione WiFi.
xCloud viene eseguito dai data center di Microsoft Azure.
Quando avvii un gioco, ne esegui un'istanza su uno di quei server remoti, che viene quindi trasmesso al tuo dispositivo come un feed video.
La potenza effettiva del tuo dispositivo non ha importanza, a condizione che tu abbia una connessione di rete stabile e la possibilità di visualizzare video.
Nel corso di una sessione di 15 minuti di Gears 5, giocando nel mio ufficio di casa, ho utilizzato circa 522 MB di dati.
Non ho avuto grossi problemi con il ritardo o la caduta del segnale, ma ero su una connessione privata e giocavo attraverso un tratto abbastanza tranquillo del primo livello del gioco.
Halo 5, al confronto, ha impiegato circa 500 MB di larghezza di banda per 10 minuti di gioco e si è ritirato quasi immediatamente durante il primo vero combattimento del gioco.
Questa è una larghezza di banda molto inferiore rispetto a quanto mi aspettassi che il servizio esaurisse, ma solleva lo stesso spettro di qualsiasi altro servizio di gioco basato su cloud: prima o poi si imbatterà nel problema di Internet americano.
È certamente un bel trucco da festa far funzionare un moderno gioco HD su qualsiasi dispositivo casuale ci sia, e l'anteprima di xCloud funziona molto meglio di quanto mi aspettassi.
Ma l'intera idea del gioco basato su cloud sembra essere costruita attorno a una sorta di utopia teorica di Internet.
Nell'attuale ambiente di neutralità post-rete, puoi già sentire gli avvoltoi che volano in giro per il paese, in attesa di schiaffeggiare una tariffa mensile aggiuntiva su chiunque tenti di connettersi a un data center di Azure.
Si prevede che la prima settimana di xCloud farà parte di un "approccio graduale", poiché Microsoft porta più giocatori a bordo del servizio e aggiunge più contenuti di prima e terza parte.
Sarei particolarmente interessato a vedere come xCloud gestisce giochi meno intensi dal punto di vista grafico, come i deliberati ritorni in stile retrò come Stardew Valley o un paio di titoli più vecchi dagli archivi; ci sono molte esclusive per la Xbox originale che potrebbero essere molto divertenti se fossero rese portatili, come Jade Empire o Sudeki.
Per ora, tuttavia, Project xCloud ha molto potenziale.
Sono scettico sul gioco basato su cloud come piattaforma, ma è un'idea strana e audace da parte di Microsoft Studios disaccoppiare i giochi Xbox dalla necessità di possedere una vera Xbox.
Il servizio è facile da configurare, funziona sorprendentemente bene e significa che potresti teoricamente giocare a versioni recenti di fascia alta con un tablet economico.
Qui c'è molto da tenere d'occhio, in particolare per gli appassionati di giochi con un budget limitato.
Microsoft ha fornito un controller wireless Bluetooth da utilizzare con questo articolo.

Commenti

commenti