Microsoft avvia un'altra partnership sanitaria, questa volta con Humana per prendersi cura degli anziani

Microsoft ha firmato un'altra partnership con un'importante organizzazione sanitaria, questa volta con il colosso assicurativo Humana sulle soluzioni sanitarie digitali per l'invecchiamento della popolazione.
L'accordo è un'opportunità per Humana, quotata in borsa, di accanirsi contro l'ondata di baby boomer in pensione che richiederanno sempre più risorse dal sistema sanitario.
Le società non hanno rivelato i dettagli finanziari dell'accordo, che consente a Humana di accedere al cloud di Microsoft e alle risorse di intelligenza artificiale.
"Con una stima di 10.000 persone che si uniscono quotidianamente al sistema Medicare, abbiamo un'enorme opportunità per rispondere alle crescenti esigenze del sistema sanitario migliorando i risultati sanitari e riducendo i costi", ha dichiarato il dott.
Greg Moore, vicepresidente aziendale per la tecnologia sanitaria e alleanze presso Microsoft, ha dichiarato in una nota.
Moore ha guidato gli sforzi sanitari di Google Cloud prima di passare a Microsoft ad aprile.
Le due società lavoreranno insieme su una serie di tecnologie, tra cui: servizi di telemedicina su richiesta; Assistenza personalizzata e predittiva per i membri basata su tecnologia vocale e AI; Microsoft Teams per comunicare con i membri; Sforzi per migliorare le cartelle cliniche, come la traduzione di documenti in lingue straniere e inclusi i determinanti sociali della salute.
"Il prossimo passo per le cartelle cliniche è quello di andare oltre la raccolta di informazioni fino alla consegna di approfondimenti", ha affermato il dott.
William Shrank, capo responsabile degli affari medici e aziendali di Humana.
"Le tecnologie Microsoft offrono a Humana la possibilità di applicare analisi sofisticate ai registri dei nostri membri e, a loro volta, offrono ai medici e ai team di assistenza l'opportunità di fare la differenza per la salute dei pazienti".
Il nuovo gruppo digitale Humana, con sede a Boston, Studio H sarà tra i primi gruppi a utilizzare la tecnologia di Microsoft, un portavoce della società ha detto a GeekWire.
L'annuncio arriva nello stesso mese in cui Microsoft ha collaborato con Novartis per uno sforzo di scoperta di farmaci basato sull'intelligenza artificiale e con Nuance Communications in una sala d'esame in grado di automatizzare le note mediche in base alle conversazioni medico-paziente.
La società ha anche collaborazioni sanitarie con Adaptive Biotechnologies, Providence St.
Joseph Health, UCLA Health e University of Pittsburgh Medical Center, tra gli altri.
Microsoft ha anche annunciato oggi che la sua API di Azure per FHIR – che consente alle organizzazioni sanitarie di gestire i dati dei pazienti nel cloud – è disponibile per tutti i clienti.
La funzionalità è stata annunciata per la prima volta a febbraio, insieme a una serie di altri prodotti cloud per gli ospedali.
I rivali della tecnologia come Google e Amazon si uniscono a Microsoft nella corsa per modernizzare i dati sanitari.
Amazon ha un progetto per estrarre le cartelle cliniche e recentemente ha lanciato un pilota di cure primarie su richiesta per i suoi dipendenti di Seattle.
Google ha anche diverse partnership ospedaliere per individuare modelli nelle cartelle cliniche e sta lavorando a una serie di sforzi per diagnosticare malattie con intelligenza artificiale.
Humana la scorsa settimana ha annunciato un investimento di $ 20 milioni in Accolade, una società con sede a Seattle che gestisce una piattaforma tecnologica per aiutare i dipendenti a navigare nel settore sanitario.
Humana l'anno scorso era un obiettivo di acquisizione di Walmart.

Commenti

commenti