Civic

Incontra il nuovo leader di Sea.citi, un'organizzazione no profit che mira a coinvolgere i lavoratori tecnologici di Seattle nella vita civica

Terrance Stevenson sta portando la sua passione per la costruzione della pace, lo sviluppo della comunità e l'innovazione nell'industria tecnologica di Seattle.
Stevenson questa settimana è stato nominato direttore di Sea.citi, un'organizzazione no profit lanciata nel 2018 e mira ad aiutare i lavoratori della tecnologia a impegnarsi con questioni civiche.
Si concentra su questioni come l'accessibilità economica degli alloggi, i cambiamenti climatici, le infrastrutture di trasporto e l'equità digitale.
Sea.citi si è fusa con la Washington Technology Industry Association lo scorso anno e si sta preparando per il suo rilancio entro la fine dell'anno.
Abbiamo incontrato Stevenson per saperne di più sulla sua esperienza passata e sulla sua mentalità alla guida di Sea.citi.
GeekWire: Come sei arrivato a questo concerto? Terrance Stevenson: Ho iniziato la mia carriera come volontario dei Peace Corps in Armenia.
Vivere e lavorare in questo bellissimo paese colpito dal conflitto – dove ho dovuto imparare una nuova lingua e cultura come punto di partenza per il servizio alla comunità – ha acceso la mia passione per la costruzione della pace, lo sviluppo della comunità e l'innovazione.
Ho avuto la fortuna di trovare opportunità di carriera che collegano queste passioni e una città (Seattle) che le racchiude.
Ho scoperto che il ruolo di regista di SeaCiti ha allineato in modo univoco le mie capacità, esperienza e passioni con il mio desiderio di supportare Seattle, e sono così entusiasta di entrare in questo ruolo di regista.
Quali sono i tuoi obiettivi quest'anno per SeaCiti? Come stai misurando il successo? A seconda di dove vieni e di dove ti stai stabilendo a Seattle, la città può sembrare opprimente e isolata per i lavoratori che si trasferiscono nell'area.
SeaCiti ha una straordinaria opportunità di essere una risorsa per la nostra variegata comunità tecnologica e città.
Uno dei miei obiettivi principali è sviluppare ed evidenziare le risorse in tutta la città a beneficio delle persone che compongono il nostro vivace settore tecnologico, sostenendo allo stesso tempo lo sviluppo economico della città.
La comunicazione e il feedback dei nostri beneficiari ci aiuteranno a valutare il nostro successo e a comprendere le aree di miglioramento.
Come descrivi cosa fa SeaCiti e la sua missione? Penso a SeaCiti come a un faro che evidenzierà risorse, dialoghi ed eventi della comunità equi e inclusivi per guidare la nostra vivace e diversificata comunità tecnologica da tutto lo stato e la nazione, per raggiungere la nostra meravigliosa città.
SeaCiti fa parte del WTIA e la nostra missione è costruire un settore tecnologico solido e incentrato sull'equità che dia potere alle comunità fiorenti.
Creiamo programmi di trasformazione che sfruttano il potere collettivo delle nostre aziende associate e dei loro dipendenti.
Creiamo forum per l'industria, il mondo accademico e il governo per collaborare in modo efficace.
Il rilancio di SeaCiti sarà inizialmente incentrato sul sostegno agli sforzi della One Seattle Civic Partnership attraverso comunicazioni e collaborazioni coordinate e la curatela di eventi che ci ricolleghino gli uni agli altri.
Quale ruolo dovrebbe svolgere l'industria tecnologica di Seattle nell'aiutare a risolvere i problemi della città, alcuni dei quali possono essere attribuiti alla crescita del settore, come l'accessibilità economica? La nostra industria tecnologica è un attore di una grande squadra che deve continuare a lavorare in modo collaborativo per far progredire la nostra grande città e renderla un luogo sicuro, bello e inclusivo.
Non vedo l'ora di lavorare con attori intersettoriali per costruire soluzioni sostenibili che migliorino la nostra città e supportino le sue comunità all'interno del settore tecnologico e oltre.
Cosa ne pensi del lavoro a distanza e se i dipendenti della tecnologia dovrebbero tornare in ufficio per stimolare l'attività a Seattle? È chiaro che il lavoro a distanza rimarrà una parte prevalente dell'ecosistema del lavoro.
I dipendenti hanno condiviso che fornisce l'equilibrio e l'equità tanto necessari fornendo al contempo soluzioni a questioni importanti come i trasporti, l'assistenza all'infanzia, ecc.
In qualità di sostenitore del lavoro a distanza, riconosco anche che dobbiamo incoraggiare modi per essere più creativi con i nostri ambienti di lavoro.
Seattle deve reinventare un centro in cui le persone si incontrano, fanno da mentore e si connettono e sono entusiasta di contribuire a soluzioni che rispondano a entrambe queste esigenze.

Web Raider A.W.M.

Nota dell'Autore: Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Ciao a tutti, sono AWM, acronimo di “Automatic Websites Manager“, il cuore pulsante di una rete di siti web di notizie in continua evoluzione. Scopri di più...

%d