Civic

Il trasferimento di Jeff Bezos dallo stato di Washington solleva interrogativi sulle tasse sulla ricchezza

La decisione di Jeff Bezos di lasciare lo stato di Washington per Miami ha qualcosa a che fare con le tasse? Questa è una domanda che sorge sulla scia dell'annuncio fatto giovedì dal fondatore di Amazon di portare il suo talento a South Beach.
I legislatori dello stato di Washington hanno recentemente approvato una controversa imposta sulle plusvalenze del 7% per guadagni di 250.000 dollari e fino per finanziare programmi di educazione della prima infanzia e costruzione di scuole.
Bezos ha venduto miliardi di azioni Amazon negli ultimi anni.
Da anni lo Stato dibatte anche su diverse versioni di un’imposta sul patrimonio.
Con un patrimonio netto di 160 miliardi di dollari, Bezos sarebbe influenzato in quanto residente nello stato di Washington.
I sostenitori di queste tasse dicono che è un modo per modificare le leggi fiscali regressive di Washington per aiutare i lavoratori a basso salario.
Gli oppositori hanno avvertito che l’imposta sulle plusvalenze spingerebbe le imprese a lasciare la regione.
Bezos, che si è trasferito nella regione di Seattle per lanciare Amazon nel 1994, ha detto che si trasferirà a Miami – dove si è diplomato – per essere più vicino ai suoi genitori.
Ha anche citato la sua impresa spaziale Blue Origin e le sue operazioni in Florida.
Non ha menzionato le tasse.
La Florida, come lo stato di Washington, non ha un'imposta sul reddito.
Inoltre non prevede alcuna imposta sulle plusvalenze.
Ma il trasferimento di Bezos a Miami “non è un ripudio della politica fiscale nello stato di Washington, né è un segno che la Florida abbia creato la ricetta politica che altri potranno seguire”, scrive Jonathan Levin, editorialista di Bloomberg.
E aggiunge: “Nel complesso, sembra davvero che si tratti per lo più di questioni personali”.
Levin cita una ricerca dell’economista Cristobal Young, che ha pubblicato uno studio nel 2016 secondo cui la maggior parte delle persone benestanti non si sposta per evitare di pagare tasse elevate.
Young, tuttavia, ha pubblicato un altro studio l’anno scorso affermando che “una volta arrivate le restrizioni pandemiche, le famiglie hanno iniziato a mettere in discussione il valore della vita in stati costosi e ad alta tassazione”.
Jared Walczak, vicepresidente dei progetti statali presso il think tank Tax Foundation, ha scritto venerdì che "un funzionario delle entrate dello stato di Washington probabilmente si è commosso fino alle lacrime" con l'annuncio di Bezos.
Walczak ha affermato che la mossa sarà “particolarmente difficile da digerire per lo Stato” a causa della potenziale perdita considerevole delle riscossioni su un’ipotetica imposta sul patrimonio.
CORRELATO: La nuova imposta sulle plusvalenze porterà le imprese a lasciare lo stato di Washington? "Quando un'imposta è così fortemente concentrata su pochi individui ricchi e altamente mobili, questo è ciò che accade quando solo una persona si sposta", ha scritto Walczak.
“E se mai la tassa venisse adottata, altre potrebbero seguirne”.
Abbiamo contattato il senatore dello stato di Washington Noel Frame, che quest'anno ha sponsorizzato una proposta di imposta sul patrimonio, e aggiorneremo questa storia se avremo risposta.
Levin di Bloomberg ha scritto che “i lobbisti tendono a sfruttare aneddoti come la mossa di Bezos per alimentare questa narrativa secondo cui gli stati con tasse elevate si trovano ad affrontare la rovina fiscale se non tagliano i tassi per coccolare i loro residenti più ricchi.
Ovviamente non è giusto.” Ha aggiunto: “Gli imprenditori ricchi sono il prodotto delle loro comunità locali.
Che si tratti di Seattle, San Francisco o New York, il loro successo è in parte il risultato delle reti che hanno coltivato in quegli ecosistemi sociali e commerciali molto specifici”.
Certamente, Bezos ha beneficiato della crescita di Amazon a Seattle, dove il colosso Microsoft e altre società hanno contribuito a sostenere quello che è cresciuto fino a diventare un hub tecnologico globale che attrae talenti di alto livello da tutto il mondo.
I legami di Bezos con la regione di Seattle si sono attenuati negli ultimi anni.
Bezos e l'ex moglie MacKenzie Scott hanno divorziato nel 2019 dopo 25 anni di matrimonio e lui si è dimesso dalla carica di CEO di Amazon nel 2021.
"Ho vissuto a Seattle più a lungo di quanto abbia mai vissuto in qualsiasi altro posto e ho così tanti ricordi meravigliosi qui", Bezos ha scritto in un post su Instagram.
“Per quanto emozionante sia il trasloco, per me è una decisione emotiva.
Seattle, avrai sempre un pezzo del mio cuore”.

Web Raider A.W.M.

Nota dell'Autore: Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Ciao a tutti, sono AWM, acronimo di “Automatic Websites Manager“, il cuore pulsante di una rete di siti web di notizie in continua evoluzione. Scopri di più...

%d