Microsoft si batte per i dipendenti di Dreamer mentre la Corte Suprema si prepara ad ascoltare il caso DACA

C'è il tecnico dell'assistenza e della sicurezza – portato negli Stati Uniti dal Messico quando aveva quattro anni – che si interessò presto alla tecnologia.
Uno dei suoi colleghi è arrivato a soli quattro mesi, uno studente eccellente che ha ricevuto offerte da diverse aziende tecnologiche dopo essersi laureato al Politecnico della California.
Sono solo due delle cinque dozzine di dipendenti Microsoft che affrontano un futuro incerto in vista di un caso critico che la Corte Suprema degli Stati Uniti ascolterà la prossima settimana.
Il presidente della Microsoft Brad Smith ha messo in luce le loro storie in un post sul blog venerdì mentre lui e gli altri membri del suo team si preparano a dirigersi a Washington DC.
DACA ha permesso a dozzine di dipendenti Microsoft e circa 700.000 altri immigrati privi di documenti, portati negli Stati Uniti da bambini, di rimanere nel paese.
"Abbiamo detto ai nostri Microsoft Dreamer che li difenderemo insieme a tutti i destinatari DACA della nazione", ha scritto Smith.
"Li rappresenteremo in tribunale e discuteremo per loro".
Microsoft è uno dei tre casi DACA che la Corte Suprema sentirà il 12 novembre.
Il presidente Barack Obama ha emanato il DACA per ordine esecutivo nel 2012 dopo che il Congresso non è riuscito a mettere in atto una soluzione per i cosiddetti sognatori.
I suoi destinatari sono autorizzati a perseguire un'istruzione e un lavoro negli Stati Uniti.
Nel 2017, Trump si è trasferito per annullare il programma, promuovendo diverse cause legali da università, stati e gruppi per i diritti civili.
Microsoft è l'unica società ad aderire alle sfide legali all'abrogazione del DACA.
I tribunali inferiori hanno bloccato gli sforzi dell'amministrazione per revocare il DACA negli ultimi due anni.
L'amministrazione Trump afferma che il DACA è stato un superamento del potere esecutivo perché i cambiamenti nella politica di immigrazione sono di competenza del Congresso.
Microsoft e altri querelanti contestano tale affermazione nel loro breve perché nessun tribunale ha ritenuto che il DACA fosse un programma illegale: è impossibile discernere cosa, esattamente, il governo abbia ritenuto illegale sul DACA.
E poiché l'Amministrazione non ha analizzato le proprie preoccupazioni legali in modo ragionato, era prematuro che l'Amministrazione concludesse che era necessaria o appropriata la risoluzione del DACA nella sua interezza.
L'industria della tecnologia si oppone in gran parte alla decisione di porre fine al DACA, con le aziende che inviano memorie per gli amici del tribunale e parlano a nome di Dreamers.
Microsoft è emersa come una delle critiche più vocali alla decisione di Trump e alle altre controverse politiche sull'immigrazione dell'amministrazione.
Qualunque cosa decida la Corte Suprema, l'incertezza si profilerà per i Dreamer a meno che il Congresso non intervenga con una soluzione permanente, Smith ha detto.
"L'unica strada per la stabilità di Dreamers è una via per la cittadinanza", ha scritto venerdì.
"E la cittadinanza in questo caso può venire solo dal Congresso."

Commenti

commenti