Il sindaco di Portland afferma che "si possono fare eccezioni" per il divieto diffuso di riconoscimento facciale

Alcuni legislatori e cittadini interessati vogliono che Portland apra una via di divieto al riconoscimento facciale mettendo al bando l'uso privato della tecnologia.
Ma il sindaco della città ha segnalato che anche un divieto assoluto sull'uso della polizia è discutibile.
E almeno un'azienda privata in città afferma che un sistema di riconoscimento facciale installato nel 2018 ha prevenuto il crimine.
Una piccola riunione di legislatori, funzionari delle agenzie comunali ed esperti in materia di privacy dei dati e tecnologia di identificazione biometrica si è riunita martedì al Municipio di Portland nella prima sessione di lavoro ufficiale dedicata all'elaborazione di una politica di riconoscimento facciale.
A differenza di altri divieti in tutta la città che si fermano ad uso del governo, una proposta con il sostegno del commissario della città di Portland Jo Ann Hardesty renderebbe la controversa tecnologia off-limits per le aziende di Portland come i rivenditori che la usano per scoraggiare i potenziali ladri dall'entrare nei loro negozi, o società che lo utilizzano per l'identificazione e la sorveglianza dei dipendenti.
Nella città di Portland, nessuna agenzia utilizza sistemi di riconoscimento facciale, secondo l'ufficio del sindaco Ted Wheeler.
Lo stesso vale per il dipartimento di polizia.
Tuttavia, il sindaco ha indicato che se l'Ufficio di polizia di Portland dovesse utilizzare la controversa tecnologia, potrebbe non ostacolare.
“Non siamo a conoscenza di alcuna tecnologia di riconoscimento facciale utilizzata dall'Ufficio di Polizia di Portland; in tal caso, il divieto proposto non dovrebbe impedire al PPB nel loro lavoro ", ha detto a GeekWire un portavoce dell'ufficio di Wheeler.
"Il Sindaco comprende che anche con un divieto in atto, in determinate circostanze, si possono fare eccezioni".
I rappresentanti della polizia che hanno parlato durante la riunione hanno suggerito che l'ufficio potrebbe voler accedere ai dati dai sistemi di riconoscimento facciale "post-hoc" o dopo una situazione si verifica quando si conducono indagini, piuttosto che in uno scenario in tempo reale.
Anche Hardesty ha parlato durante l'incontro.
Ha notato la sua preoccupazione per l'uso di sistemi di campanelli collegati come Ring di proprietà di Amazon, che è stato criticato dai sostenitori delle libertà civili.
La società collabora con 400 agenzie di polizia che utilizzano il portale Neighbours, che consente ai proprietari di Ring di condividere video di telecamere, denunciare reati locali o semplicemente lamentarsi di persone sospettate di aver commesso un illecito.
"Sono molto preoccupato per le aziende private che raccolgono dati e li archiviano e poi fanno affari a cuore con le forze dell'ordine in modo che possano accedere a tali dati", ha detto Hardesty durante l'incontro, dopo aver fatto riferimento a Ring.
In precedenza: i funzionari di Portland volevano vietare l'uso privato della tecnologia di riconoscimento facciale, citando "problemi di precisione" Tutti i tipi di entità private utilizzano sistemi di riconoscimento facciale, dai rivenditori che sperano di scoraggiare il furto o riconoscere i clienti di alto valore alle aziende che lo utilizzano per l'identificazione e la sorveglianza dei dipendenti .
Le libertà civili e i cani da guardia della privacy dicono che l'uso diffuso del riconoscimento facciale da parte di agenzie governative o in contesti commerciali potrebbe trasformare i luoghi in cui viviamo in stati di sorveglianza invasivi.
Studi e test hanno dimostrato che alcuni sistemi di riconoscimento facciale non riescono a rilevare con precisione donne o persone con tonalità della pelle più scure.
Un collettivo di organizzazioni tra cui Black Alliance for Just Immigration, Electronic Information Information Center, Greenpeace, Mijente e la Muslim Justice League sostengono un divieto federale sul riconoscimento facciale, definendo la tecnologia "inaffidabile, distorta e una minaccia ai diritti e alla sicurezza di base".
"Dobbiamo prendere una posizione ferma che lo stato di sorveglianza automatizzata non è il benvenuto nella città di Portland", ha detto Hardesty questa settimana.
Vorrebbe che i membri della polizia e della comunità di Portland si unissero ai commissari cittadini in una sessione di lavoro di follow-up prima che venga elaborata una politica concreta.
Mentre l'ufficio di Wheeler ha detto a GeekWire che il sindaco sostiene il divieto di tecnologia di riconoscimento facciale da parte di tutte le agenzie della città di Portland, per ora sta trattenendo la questione dell'uso privato.
Decidere se vietare l'uso della tecnologia di sorveglianza biometrica da parte di soggetti privati sarebbe una questione di legalità e capacità di governo, ha detto il suo portavoce.
"Il sindaco riconosce i pro e i contro di entrambe le parti della discussione, ma avrà bisogno di maggiori informazioni e di tempo per prendere una decisione consapevole in merito", ha aggiunto il portavoce.
Riconoscimento facciale in un minimarket The Jacksons Food Store al 621 SE Grand Avenue di Portland ha iniziato a utilizzare il riconoscimento facciale a novembre 2018.
Per la società con sede in Idaho, quando si tratta dell'uso della tecnologia, la promessa di sicurezza per clienti e dipendenti supera le preoccupazioni sulla privacy o sui sistemi difettosi che identificano erroneamente i clienti, ha dichiarato il portavoce della compagnia Russ Stoddard.
Jacksons ha due negozi che impiegano il riconoscimento facciale; l'altro è a Tacoma, nello stato di Washington, al 3740 Pacific Avenue.
"Abbiamo trovato un deterrente straordinario da quando lo abbiamo installato nel negozio Grand Avenue", ha detto Stoddard a GeekWire.
Ha affermato che la società non rilascia dati relativi a furti o crimini nei suoi negozi, ma ha osservato che "dal punto di vista qualitativo, i clienti e i dipendenti hanno entrambi risposto positivamente al cambiamento e hanno riferito di sentirsi più sicuri nello shopping e nel lavoro nei due negozi.
"Jacksons utilizza software di riconoscimento facciale della società Blue Line Technology del Missouri, che vende ai mercati tra cui vendita al dettaglio, istruzione, corporate e altro ancora.
Secondo Stoddard, quando è in uso nei due negozi Jacksons, la fotocamera della tecnologia cattura immagini di persone che entrano nel negozio.
Ha detto che i dati dell'immagine non sono accessibili online o memorizzati su server di terze parti.
Tali immagini vengono archiviate in un database per 48 ore, quindi eliminate, tranne nei casi in cui qualcuno ruba o commette qualche altra violazione.
Chi non decide se il rivenditore memorizza le immagini del viso oltre le 48 ore o in base a quali criteri – o se tale decisione sia soggetta a una sentenza legale – non è chiaro.
È possibile che questi sistemi possano identificare erroneamente le persone o che possano essere utilizzati in modi che potrebbero violare i diritti civili come il diritto di entrare in un negozio.
"Dato che tutti questi dati biometrici si fanno avanti, se non abbiamo regole in atto per limitare gli usi impropri, man mano che si presentano, entreranno come inondazioni e avremo tutti questi usi negativi", ha dichiarato World Privacy Il direttore esecutivo del forum Pam Dixon, un residente di Portland che ha fornito le competenze durante l'incontro.
I sostenitori di un divieto di Portland sull'uso del riconoscimento facciale non governativo suggeriscono che c'è un motivo legale per uno basato su una sentenza del tribunale del Nono Circuito ad agosto.
La sentenza ha respinto l'argomentazione di Facebook secondo cui i querelanti non hanno subito danni concreti quando hanno raccolto e archiviato i loro dati facciali insieme alla sua funzione di tagging delle foto.
Il monitoraggio della conformità con il divieto di uso privato potrebbe essere complicato, ha suggerito Hector Dominguez, coordinatore dei dati aperti presso il gruppo SmartCityPDX della città di Portland, che sta aiutando a guidare lo sviluppo di una politica per il riconoscimento facciale e altre tecnologie di sorveglianza.
Il gruppo valuterà le risorse necessarie e i potenziali costi finanziari per far rispettare qualsiasi divieto di utilizzo del riconoscimento facciale.
Alla fine, ha dichiarato Dominguez, non è prevista una proposta di politica di riconoscimento facciale fino a novembre.

Commenti

commenti