Facebook dovrebbe vietare le pubblicità politiche? Ecco cosa è successo quando uno stato ha cercato di forzare il problema

Mark Zuckerberg ha difeso la decisione di Facebook di continuare a pubblicare annunci politici questa settimana, nonostante le preoccupazioni per la disinformazione, in un discorso appassionato sulla libera espressione alla Georgetown University.
Ma una repressione legale nello stato di Washington solleva dubbi sul fatto che Facebook possa frenare la pubblicità politica anche se lo volesse.
Nel suo discorso, l'amministratore delegato di Facebook ha sostenuto di consentire la pubblicità politica come una questione di principio, anche se "dal punto di vista aziendale, la controversia non vale certamente la piccola parte della nostra attività che compongono." "Le pubblicità politiche sono importanti parte della voce – specialmente per candidati locali, sfidanti emergenti e gruppi di difesa che altrimenti potrebbero non ottenere molta attenzione da parte dei media ", ha detto Zuckerberg.
"Vietare la pubblicità politica favorisce gli operatori storici e chiunque copra i media".
Ma con il ricordo delle interferenze russe nelle nuove elezioni del 2016 e il 2020 che si avvicina rapidamente, le politiche di Facebook sulle pubblicità politiche rimarranno al microscopio.
Per questo motivo, le uniche normative pubblicitarie dello stato di Washington potrebbero servire da case study in quanto i regolatori e gli elettori federali decidono quale ruolo il social network dovrebbe svolgere nella diffusione della messaggistica politica.
La legge di Washington impone alle aziende che vendono annunci politici di "conservare gli attuali libri contabili e i relativi materiali" e di rendere disponibili tali documenti "per un'ispezione pubblica da parte di chiunque".
Un'indagine di The Stranger The Eli Sanders ha rivelato che Facebook non era conforme alla legge, riferendo che ha portato il procuratore generale dello Stato di Washington Bob Ferguson a fare causa al gigante della tecnologia.
Ferguson ha incluso Google nella causa per le sue vendite di annunci politici.
Le due società si stabilirono con Washington, accettando di pagare $ 455.000 collettivi.
Facebook e Google hanno contestato la legge di Washington ma i regolatori lo hanno riaffermato, portando Facebook a annunciare alla fine del 2018 che avrebbe smesso di vendere annunci politici nello stato: "A partire dal 28 dicembre, Facebook non accetterà annunci relativi allo stato di Washington o funzionari eletti locali, candidati, elezioni o iniziative di voto mentre cerchiamo di rispondere a questi nuovi requisiti di divulgazione.
”Tuttavia, Facebook sembra avere difficoltà a rispettare tale impegno.
Lo Straniero ha presentato una denuncia all'ufficio di divulgazione pubblica di Washington sulla continua vendita di annunci politici di Facebook a febbraio.
All'inizio di questo mese, la Commissione di divulgazione al pubblico dello Stato di Washington ha presentato una denuncia contro Facebook per presunta violazione della legge statale.
Le accuse accusano Facebook di non aver tenuto registri disponibili al pubblico sul finanziamento e di raggiungere annunci politici legati alle elezioni locali.
La disputa in corso a Washington mostra che il comportamento di Facebook nei confronti degli annunci politici potrebbe non essere solo una questione di volontà.
La società sembra avere difficoltà a reggere la pubblicità politica.
Facebook e Google hanno aggiunto peso a tale interpretazione durante i negoziati con i funzionari di divulgazione pubblica di Washington.
Un rappresentante delle società ha dichiarato che la conformità con la legge di Washington era "tecnologicamente impossibile" in una lettera del 2018.
Come ha osservato Zuckerberg nel suo discorso, Facebook ha creato una biblioteca di annunci pubblici per rendere più trasparente la pubblicità politica sulla piattaforma.
"La pubblicità politica è più trasparente su Facebook che in qualsiasi altro luogo: manteniamo tutti gli annunci politici e pubblichiamo un archivio in modo che tutti possano esaminarli e nessuna TV o stampa lo faccia", ha dichiarato Zuckerberg.
"Non controlliamo i fatti politici.
Non lo facciamo per aiutare i politici, ma perché pensiamo che le persone dovrebbero essere in grado di vedere da soli ciò che i politici stanno dicendo.
E se il contenuto è degno di nota, non lo elimineremo anche se altrimenti sarebbe in conflitto con molti dei nostri standard.
”Ma i ricercatori di Mozilla affermano che la biblioteca di annunci di Facebook è troppo piena per essere efficace.
"Nonostante i nostri migliori sforzi per aiutare Facebook a eseguire il debug del loro sistema, la maggior parte dei problemi non è stata risolta …
ci dispiace non avere istruzioni affidabili o prevedibili su come recuperare gli annunci politici da Facebook", ha dichiarato Mozilla nel suo rapporto.
La nostra ricerca nel database di venerdì ha rivelato che alcuni annunci pubblicitari legati alle razze locali a Washington erano stati rimossi e altri erano ancora visibili.
Facebook non ha risposto immediatamente alle domande sulle vendite di annunci politici nello stato di Washington.
La società è sotto pressione per cambiare le sue politiche pubblicitarie politiche a causa dei recenti sviluppi nella corsa alla presidenza nel 2020.
All'inizio di questo mese, il vicepresidente Joe Biden ha chiesto a Facebook di rimuovere un annuncio dalla campagna di Trump che ha fatto false dichiarazioni sui rapporti di suo figlio in Ucraina.
La senatrice Elizabeth Warren in seguito pubblicò un annuncio che sosteneva che Facebook sostenesse Trump come presidente, un'affermazione deliberatamente falsa progettata per evidenziare le indennità di Facebook per le bugie nelle pubblicità politiche.
Facebook e Zuckerberg hanno risposto ribadendo la politica.
"Mentre mi preoccupo di un'erosione della verità, non penso che la maggior parte delle persone voglia vivere in un mondo in cui è possibile pubblicare solo cose che le aziende tecnologiche ritengono veritiere al 100%", ha detto Zuckerberg nel suo discorso.
Nonostante il contraccolpo, Zuckerberg rimane fermo nella sua determinazione a mantenere annunci politici su Facebook.
Nel suo discorso, ha anche emesso un avvertimento sul pericolo delle normative locali, come quello di Washington, sebbene l'attenzione fosse rivolta a paesi stranieri.
"Stiamo vedendo sempre più leggi e regolamenti in tutto il mondo che minano la libera espressione e i diritti umani delle persone", ha affermato Zuckerberg.
"Queste leggi locali sono ognuna singolarmente preoccupanti, specialmente quando chiudono i discorsi in luoghi dove non c'è democrazia o libertà di stampa".

Commenti

commenti