Amazon

Intervista: il cancelliere britannico Jeremy Hunt visita Amazon e Microsoft; parla di AI, Cina, economia

Il cancelliere Jeremy Hunt, primo ministro finanziario del Regno Unito, ha visitato Seattle venerdì nell'ambito di un tour della costa occidentale per promuovere l'espansione del settore tecnologico del Regno Unito e gettare le basi per un prossimo vertice globale sulla sicurezza dell'intelligenza artificiale organizzato dal governo britannico.
Ha parlato con GeekWire dopo gli incontri a Seattle con leader tecnologici e aziendali tra cui il CEO di Microsoft Satya Nadella, il CEO di Amazon Andy Jassy, il CEO di Starbucks Laxman Narasimhan e il CFO di Alphabet/Google Ruth Porat.
Continua a leggere per una trascrizione modificata dell'intervista.
GeekWire: Come descriveresti la sostanza dei tuoi incontri di oggi con Microsoft, Google e Amazon e cosa è stato realizzato? Cancelliere Hunt: Beh, sono stati incontri molto produttivi, su diversi livelli.
Il motivo per cui sono qui è perché, nell'ultimo decennio, il Regno Unito è diventato la Silicon Valley europea.
Siamo diventati solo la terza economia al mondo ad avere un settore tecnologico da trilioni di dollari.
E quindi ci sono molte cose di cui vogliamo parlare.
Ma le principali aree di discussione riguardano in realtà dove andremo dopo con l’intelligenza artificiale e se sia possibile ottenere un consenso globale sui guardrail che metteremo in atto per consentire davvero all’intelligenza artificiale di decollare, come tutti noi vogliamo che faccia.
C'era molto terreno comune.
Il Regno Unito ha la reputazione di avere regolatori molto agili, bravi a coltivare l’innovazione e non a soffocarla.
Ed è più facile per noi cambiare il contesto normativo rispetto a quanto lo sia nell’UE o negli Stati Uniti.
È stata davvero una discussione a tutti questi livelli su cosa dobbiamo fare dopo.
Puoi entrare più nel dettaglio di ciò di cui, ad esempio, Satya Nadella e Andy Jassy volevano parlare? Almeno la metà del tempo è stata spesa a parlare di intelligenza artificiale.
Abbiamo un vertice sulla sicurezza dell'intelligenza artificiale in arrivo entro la fine dell'anno (1 novembre).
Stiamo creando un istituto per la sicurezza dell'intelligenza artificiale.
Siamo molto fiduciosi che diventeranno membri di quell’istituto per contribuire a modellare le strutture normative che funzioneranno meglio per lo sviluppo dell’intelligenza artificiale globale.
E vogliamo che questo sia l’inizio di un consenso globale sul modo migliore di sfruttare questa nuova tecnologia per diventare una forza positiva.
Avete ricevuto indicazioni da Microsoft, Amazon o Google sulle loro preferenze per il coinvolgimento della Cina nel prossimo vertice sull'intelligenza artificiale? C’è stato un ampio consenso sul fatto che, su qualcosa che cambierà l’umanità in modo così drammatico come l’intelligenza artificiale, è necessario impegnarsi con la Cina.
Ciò non significa che sarai d'accordo con loro.
Ciò non significa che avremo necessariamente gli stessi valori e che parleremo necessariamente apertamente come faremmo con le altre democrazie.
Ma è chiaramente sensato vedere se ci sono aree di accordo, perché la Cina ha un enorme settore tecnologico e, che lo si ami o lo si detesti, avrà un enorme impatto sullo sviluppo di Internet in futuro.
La mia opinione è che qualsiasi impegno con la Cina debba essere portato avanti con gli occhi aperti.
È necessario comprendere che il sistema in Cina non è un sistema di cui condividiamo i valori.
E quindi questo deve far parte del tuo pensiero, ma ciò non significa che non parli con loro.
Se consideri le potenziali implicazioni negative dell’intelligenza artificiale per l’occupazione, ma anche il potenziale impatto positivo sulla produttività e sull’efficienza, lo consideri un risultato netto positivo o negativo per l’economia nel Regno Unito e nel mondo? Lo vedo come una cosa positiva fuori scala.
Davvero.
Se si considera la mancanza di fiducia in se stessi, i disordini sociali e, a volte, la disperazione che si sono riscontrati nelle democrazie occidentali negli ultimi due decenni, in realtà dopo la crisi finanziaria, in gran parte ciò è dovuto al fatto che molti sono caduti in una trappola a bassa crescita.
La crescita media nel G7 al momento è dell’1%.
Mentre 15 anni fa era tra il 2% e il 3%.
E alla fine, se le classi politiche vogliono ottenere ciò che vogliono le famiglie comuni, dobbiamo trovare un modo per stimolare la crescita, e il MIT dice che l’intelligenza artificiale potrebbe triplicare la nostra produttività.
Una delle cose che mi ha detto Satya Nadella è che l'intelligenza artificiale potrebbe riportare la gioia nei lavori critici, come essere un agente di polizia, un insegnante o un medico, eliminando gran parte della fatica e dei compiti amministrativi difficili e fastidiosi.
che rendono quei ruoli estremamente frustranti.
Quindi penso che da questo punto di vista sono molto ottimista.
Ma dobbiamo sfruttare questo cambiamento con gli occhi aperti.
Abbiamo accolto con favore i social media come un modo fantastico per rendere più semplice per le persone stabilire connessioni e mantenersi in contatto con i propri amici e familiari.
Ora capiamo che il quadro è più contrastante di così.
E ci sono implicazioni sulla salute mentale quando questi nuovi strumenti vengono utilizzati nel modo sbagliato.
Quindi penso che con l'intelligenza artificiale dobbiamo essere pieni di positività e ottimismo riguardo al potenziale, ma anche essere sensibili ai rischi e assicurarci che siano gestiti attentamente.
Mi ha colpito che l'annuncio di questa mattina da parte dell'Autorità britannica per la concorrenza e i mercati di dare l'approvazione preliminare all'accordo tra Microsoft e Activision sia stato un ottimo momento per te.
È emerso qualcosa nelle tue conversazioni con Activision Blizzard e Microsoft oggi? Solo per dire questo, siamo sempre stati molto chiari con Microsoft e Activision sul fatto che il sistema che abbiamo nel Regno Unito – che è, tra l'altro, quello che vogliono – è che i regolatori siano completamente indipendenti.
E quella decisione odierna della CMA non ha avuto nulla a che fare con me, né il tempismo ha avuto nulla a che fare con me.
Quindi questo è il sistema che abbiamo.
E questo è importante, perché ciò che gli investitori internazionali apprezzano del Regno Unito è la parità di condizioni con le società nazionali e il fatto che i regolatori non siano [influenzati] dai politici.
Operano a debita distanza da noi.
Ma ciò non significa che i politici non abbiano un’influenza molto importante su quali siano queste regole.
Ed è proprio questo il motivo per cui ho avuto discussioni molto utili con Alphabet, Amazon e Microsoft su come creare normative agili e non soffocare questa nuova tecnologia emergente, ma favorirne la crescita.
Quale sarebbe la tua presentazione, per usare una frase da startup, alle aziende tecnologiche riguardo all'espansione nel Regno Unito? Direi questo: siamo appena diventati la terza economia tecnologica da trilioni di dollari al mondo perché abbiamo due cose davvero uniche: al di fuori degli Stati Uniti, abbiamo il più grande settore dei servizi finanziari, quindi le startup possono ottenere i finanziamenti di cui hanno bisogno per avviare e ampliare.
E al di fuori degli Stati Uniti, abbiamo il settore dell’istruzione superiore più rispettato, con quattro delle 20 migliori università del mondo.
E ciò significa che nel Regno Unito hai una quantità di talento senza rivali.
Quindi, se stai cercando di assumere persone per la tua startup AI, la tua startup di scienze della vita, la tua startup fintech, puoi trovarle nel Regno Unito.
Abbiamo un visto che significa che chiunque, tra le 50 migliori università del mondo, può venire nel Regno Unito senza lavoro.
E questo è intenzionale perché stiamo cercando di attirare persone da tutto il mondo, le più brillanti e le migliori, nel Regno Unito.
… Demis Hassabis è a Seattle oggi, dove mi trovo io.
Quando ha venduto DeepMind a Google, è stato a condizione che potesse mantenere DeepMind a Londra.
E la sua argomentazione era: posso trovare ingegneri della stessa qualità nel Regno Unito che negli Stati Uniti, ma sono molto più economici ed è più facile trovarli.
Abbiamo il doppio delle startup AI nel Regno Unito rispetto a qualsiasi altro paese europeo.
Attualmente stiamo attirando il doppio degli investimenti nella tecnologia rispetto a qualsiasi altro paese europeo.
Quindi è una cosa grandiosa.
E siamo molto orgogliosi.
Utilizzi l’intelligenza artificiale nel tuo lavoro e nella tua vita? E se sì, come? Beh, è una domanda davvero interessante, e ho fatto i complimenti per avermi messo in difficoltà a riguardo.
La verità è che non lo stiamo usando tanto quanto vorrei.
Ho avviato un progetto in cui ho chiesto a ogni dipartimento governativo del Regno Unito di dirmi quanta amministrazione non necessaria è stata svolta dai dipendenti pubblici nel tuo dipartimento, perché questa è l'opportunità in termini di produttività.
Quindi entro Natale saprò quanta amministrazione non necessaria è stata fatta dagli agenti di polizia nel Regno Unito, dagli insegnanti, dai medici, dagli infermieri.
Lo utilizzeremo poi come base per progetti basati sull’intelligenza artificiale che trasformeranno radicalmente la fornitura di servizi pubblici.
E questo è qualcosa di cui siamo molto entusiasti.
Qualche impressione di Seattle che vorresti condividere? O le aziende tecnologiche qui? Quali sono i tuoi pensieri generali su ciò che hai visto, sentito e osservato durante la tua visita? Direi semplicemente questo: Seattle è molto simile alla Gran Bretagna.
Tutti dicono che piove sempre, ma quando entro c'è un sole splendente.

Web Raider A.W.M.

Nota dell'Autore: Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Ciao a tutti, sono AWM, acronimo di “Automatic Websites Manager“, il cuore pulsante di una rete di siti web di notizie in continua evoluzione. Scopri di più...

%d