[Aggiornamento: Live in Chrome Canary] Google sta lavorando su "Portali" per rinnovare la navigazione nei siti Web mobili

Aggiornamento 1 (5/8/19 @ 01:01 AM ET): il team per le relazioni con gli sviluppatori di Google Chrome ha annunciato che i portali sono ora disponibili su Chrome Canary dietro una bandiera sperimentale. Maggiori dettagli di seguito. Il servizio di punta di Google potrebbe essere il loro motore di ricerca e potrebbero avere più servizi con oltre 1 miliardo di utenti attivi, ma è la loro dedizione a Internet nel suo complesso che ha permesso loro di mantenere il loro slancio. Se la società si fosse fermata a Ricerca Google (e anche ad AdWords, che ora è conosciuta come Google Ads), non sarebbe così influente come una società come lo sono oggi. Un grande esempio di questo può essere visto con la loro enfasi sullo spazio mobile e in particolare il progetto AMP (lo adori o lo odi). Ora, la società sta lavorando a una funzionalità attualmente nota come Portali che tenta di abilitare la navigazione senza soluzione di continuità tra siti o pagine. Tutti abbiamo sentito la statistica che dice che oltre la metà degli utenti di dispositivi mobili abbandonerà un sito Web se sono necessari più di 3 secondi per caricarsi. I dati sono disponibili e si è dimostrato vero, anche se Amazon afferma che un rallentamento del caricamento delle pagine di appena un secondo (rispetto alla media attuale) potrebbe costare all'azienda 1,6 miliardi di dollari di vendite ogni anno. Questo è il motivo per cui il progetto AMP di Google ha senso. Anche se le persone non amano il modo in cui Google lo ha implementato, è nel loro interesse mantenerti sul Web e utilizzare i loro servizi. Inserisci un nuovo progetto attualmente noto come Portali, che ha una bella spiegazione sulla pagina GitHub di Kenji Baheux. Kenji Baheux è un Product Manager di Google che sta attualmente lavorando su Chrome e sulla piattaforma web nel suo insieme. Il loro nuovo progetto non è altro che una proposta in questo momento, ma il suo obiettivo finale è quello di consentire una navigazione senza soluzione di continuità tra siti o pagine. Mentre ci immergiamo in ciò che questo significa e come funzionerà, l'obiettivo è quello di consentire a una pagina di mostrare un'altra pagina come inset ed eseguire una transizione senza soluzione di continuità tra uno stato inserito e uno stato navigato. Se questo ti confonde, capiamo e ci sono un paio di immagini che spiegano cosa sta succedendo qui. Come mostrano le immagini sopra, nell'esempio si sta scorrendo un sito Web che pubblica contenuti su t-shirt. Mentre stai sfogliando un nuovo post, finisci per vedere un'immagine incorporata di una nuova maglietta. Se il portale è impostato correttamente, l'utente può avviare un gesto che li porterà da questo blog al sito Web in cui è possibile acquistare il prodotto. Anche in questo caso, l'obiettivo di questo esempio è fornire una transizione continua, più rapida e fluida dal blog al rivenditore che migliora la UX per il lettore di questo blog. L'obiettivo dei portali derivava dal desiderio di migliorare il modo in cui navighiamo su più siti web. L'AMP di Google ha fatto molto per migliorare il web mobile e ha persino fatto tutto il possibile per abilitare molte di queste proprietà che stanno entrando in questo nuovo progetto su Google. Tuttavia, la società sa che AMP stesso ha i suoi limiti, come mantenere gli utenti all'interno dell'origine della cache dell'AMP e spera che i Portali possano aiutare ad affrontare alcune di queste preoccupazioni. Se completato e reso pubblico, il sistema verrà fornito come API per gli sviluppatori da integrare nei loro siti web. Finora, possiamo vedere che questo nuovo progetto è stato attivamente lavorato grazie a questo impegno trovato sul Chromium Gerrit. Google ha anche una voce nel loro sistema di tracciamento dei bug per la funzione per coloro che vogliono seguire insieme allo sviluppo. La società ha pubblicato un PDF che condivide alcuni aspetti tecnici del progetto. Ciò include la creazione, la navigazione e l'attivazione di un portale, fornendo anche alcuni esempi di codice per mostrare come il browser gestisce le cose. Il progetto è ancora nelle sue fasi iniziali e potrebbe anche non riuscire a uscire dalla porta. Kenji Baheux parla di alcune alternative all'attuale implementazione dei Portali nel caso in cui la loro idea iniziale non venisse fuori. Ciò potrebbe comportare che il progetto fornisca un'API per promuovere un iframe per diventare il documento principale. Tuttavia, questo è stato sperimentato in passato da alcuni altri ingegneri di Chromium e alla fine è stato rimosso in quanto trasformato in una fonte di problemi di sicurezza. Hanno anche l'idea di avere un iframe a schermo intero come se fosse il documento principale. Se funziona allo stato attuale, gli ingegneri devono implementare uno di questi metodi alternativi o il progetto di essere abbandonato del tutto. Ci dà una buona occhiata a ciò che alcuni ingegneri di Google stanno attualmente lavorando per migliorare l'esperienza utente complessiva del web mobile. Aggiornamento 1: disponibile in Chrome Canary dietro flag I portali aiuteranno gli sviluppatori web a ottimizzare l'esperienza delle transizioni di pagina per gli utenti mobili. Una guida all'implementazione può essere trovata qui. Il tweet qui sotto mostra un video di Portali in azione. I portali, combinati con le API associate, cambieranno radicalmente il modo in cui gli utenti passano da una pagina all'altra. Ora è disponibile in Chrome Canary, dietro una bandiera sperimentale pic.twitter.com/Q8pLXN728d – Chrome Developers (@ChromiumDev) 7 maggio 2019 Gli sviluppatori possono testare subito i portali scaricando l'ultimo build di Chrome Canary e attivando il chrome: // flags / # enable-portals flag. Il post [Aggiornamento: Live in Chrome Canary] Google sta lavorando su "Portals" per rinnovare la navigazione dei siti web per cellulari apparso prima su xda-developers.

Commenti

commenti