Tutto nuovo in Android Q Beta 3 per Google Pixel

Google I / O è ufficialmente avviato e, proprio come ci aspettavamo, è stata rilasciata una nuova beta per Android Q. Seguendo il loro consueto programma mensile e anche giusto in tempo per Google per annunciare alcune delle sue caratteristiche principali al pubblico durante il loro keynote. Android Q, per la maggior parte, è praticamente un aggiornamento di perfezionamento per Android Pie, ma ha iniziato a prendere forma negli ultimi beta. Abbiamo visto nuove funzionalità e alcuni di quelli noti stanno iniziando a prendere forma per distinguersi da Android Pie. La terza beta di Android Q, rilasciata all'incirca un mese dopo la seconda, sembra già molto più simile al prodotto finito che vedremo più avanti quest'anno, ma è chiaro che alcuni lavori devono essere fatti prima che questo possa raggiungere le mani degli utenti finali. Porta un carico di cambiamenti, molti di essi sono ispirati a quello che abbiamo visto prima e oggi ne esaminiamo alcuni. Abbiamo anche realizzato un video che copre la maggior parte di questi cambiamenti, nel caso in cui preferisci un formato video. La modalità oscura è (ufficialmente) qui di nuovo quando abbiamo messo le mani su una build Q alpha in uscita su Android all'inizio dell'anno, abbiamo notato qualcosa che Google ha avuto nei lavori per qualche tempo: una modalità scura a livello di sistema che copre ogni elemento dell'interfaccia utente. Questo ha reso felici molti di noi, dal momento che gli utenti si aspettavano che questa modalità oscura a livello di sistema arrivasse su Android da quando abbiamo avuto un'idea di questa caratteristica durante le prime beta di Android Marshmallow, che sono state rilasciate nel 2015. Da allora, Google ha giocato con i nostri cuori, tra cui una modalità scura sulle beta di Android Nougat (e la rimozione di nuovo), l'introduzione di una modalità (parziale) oscura su Android Oreo, e compresa una modalità scura su diverse app di Google, tra cui YouTube , Messaggi e altro. Diapositiva ufficiale di Google per la modalità oscura di Android Q. Sembra che tutto questo sia stato creato per la nuova modalità Full Dark di Android Q, che tratta aspetti come le notifiche, l'ombra delle notifiche, l'app Impostazioni e anche un certo numero di app Google. Questa funzione era presente nelle precedenti beta di Android Q e l'abbiamo trattata abbastanza bene, ma era nascosta, richiedendo agli utenti di giocherellare per abilitarlo. Nella Beta 3, tuttavia, la funzione è stata annunciata ufficialmente e gli utenti non devono più ricorrere a strane soluzioni alternative: basta attivare e disattivare le impostazioni o le impostazioni rapide e il gioco è fatto. Dal momento che viene pubblicizzato come una delle funzioni di headliner di Android Q, questo significa che finalmente vedremo una versione di Android con una modalità oscura ufficiale a livello di sistema, che è già molto da dire, poiché è una funzione che molti di noi mi aspettavo da qualche anno. Forzare la modalità scura su app di terze parti Assistente Google con modalità oscurante forzata Come bonus aggiuntivo, ora puoi forzare un tema scuro su app che non hanno una modalità scura. Puoi farlo andando in Impostazioni> Sistema> Opzioni sviluppatore> Ignora forza oscura. Questo commutatore era presente nel primo Android Q trapelato e, ad oggi, non è ancora chiaro il motivo per cui è stato rimosso. Ma hey, ora è tornato. Navigation Changes (Again) La nuova opzione di navigazione "completamente gestuale" su Android Q (Essential Phone). Google vuole andare all-in sui gesti dello schermo in sostituzione dei soliti pulsanti di navigazione che abbiamo avuto per anni. Questo è qualcosa che inizialmente abbiamo realizzato su Android Pie con l'introduzione di gesti di schermo rudimentali, di base, ma in Android Q, Google sta rinnovando nuovamente questi gesti dello schermo, rendendoli molto più simili a quelli che troveresti su iPhone. Nell'ultima beta, abbiamo visto che Google stava lavorando all'introduzione di una maniglia / gesticolare simile all'iPhone per gesti completi per sostituire la pillola corrente, rimuovendo anche il pulsante Indietro nel processo. Nella beta 3, sembra molto più rifinito. L'handle del gesto non occupa più lo stesso spazio di una normale barra di navigazione, e gli utenti sono in grado di godere dello spazio aggiuntivo dello schermo ottenuto da questi gesti. Richiede ancora spazio, ma molto meno. Tuttavia, sembra che non funzioni molto bene, con alcuni gesti che stanno … beh, un tipo di calesse, per non dire altro. Tornando indietro, ad esempio, si fa scorrere il dito dal bordo sinistro o destro dello schermo, ma al momento ha problemi con cose come i menu della barra laterale e, beh, è generalmente pieno di errori. Non sei obbligato a usare questo adesso, però. Hai ancora la possibilità di tornare ai vecchi gesti di Android Pie con il pulsante Indietro, o se sei un tipo di pulsante di navigazione, questa opzione è ancora lì. Nel complesso, è abbastanza bello e un grande miglioramento rispetto alla beta precedente, ma ha ancora bisogno di una certa maturazione prima di essere spedito ai consumatori. Siamo abbastanza fiduciosi che la maggior parte di questi capricci saranno risolti durante le ultime beta, però. Pulsanti di navigazione per Pixel 3 / Pixel 3 XL Inoltre, la versione beta più recente riporta i pulsanti di navigazione per Pixel 3 e Pixel 3 XL, che in precedenza dovevano far fronte al sistema gestuale di Google su precedenti build Android Pie / Q poiché la navigazione gestuale era il solo l'opzione di navigazione disponibile su questi dispositivi. Non sappiamo se si tratta di una svista da parte di Google o se li stanno davvero riportando indietro, ma hey, è una beta quindi divertiti finché puoi. Le notifiche sonnecchianti sono sparite Questo potrebbe essere un po 'più difficile da digerire per alcuni. Di nuovo in Android Oreo, Google ha introdotto una funzione di "snoozing" per le notifiche, che si è rivelata molto utile: è possibile nascondere alcune notifiche per un determinato periodo di tempo, facendole tornare indietro dopo quel periodo (fino a 2 ore) era su. Potresti anche nascondere le notifiche persistenti usando questa funzione di snoozing. Con la terza beta di Android Q, questo è andato. Invece, è sostituito con modalità "interruttiva" e "gentile" per le notifiche. "Interruttivi" è proprio come potresti pensare: la notifica viene visualizzata nella barra di stato e come notifica dell'avviso, e fa anche rumore nella tua suoneria. La modalità "Gentle" è praticamente solo notifiche silenziose: vedrai queste notifiche mentre tiri giù l'ombra della notifica, ma non la vedrai nella barra di stato o nella schermata di blocco e non produrrà nemmeno suono / vibrazioni. Personalmente ritengo che, sebbene queste funzioni siano buone, non sono abbastanza buone da giustificare la rimozione di una soluzione perfettamente funzionante e, a mio parere, probabilmente non è nemmeno necessaria, in quanto non sostituiscono o non realizzano lo scopo del sonnellino. Opzioni di intensità vibrazione Le impostazioni di vibrazione che si trovano in Impostazioni> Accessibilità hanno nuove opzioni per l'intensità della vibrazione dell'anello. Questo è utile se non vuoi che il tuo telefono ronzi per ogni singola notifica che arriva, ma vuoi sentirti quando squilla una telefonata. La torta Android ha unito Ring e Notifications, ma averli separati ha più senso. Miglioramento del benessere digitale (e dei nuovi controlli parentali) Il benessere digitale è stata una delle funzioni principali di Android Pie. Ma non perché sia una caratteristica centrale del sistema operativo o qualcosa di simile, ma piuttosto perché è un po 'come una funzione aggiuntiva di supporto che ha aiutato gli utenti a superare la dipendenza da smartphone, monitorando il tempo di utilizzo delle app e scoraggiando l'uso estensivo del telefono. Con Android Q, sta ottenendo una "modalità di messa a fuoco" che ti consente di disabilitare temporaneamente alcune app che distraggono. Ad esempio, potresti voler disabilitare cose come le app dei social media mentre sei al lavoro o in classe, o anche se stai guardando qualcosa sul telefono e non vuoi essere disturbato. C'è molto di quello che puoi fare con questo, e questa è una caratteristica che potrei effettivamente vedermi usare prima o poi. I nuovi controlli parentali sono disponibili in Android Q. Inoltre, Android Q sta ricevendo una nuova funzione "Controllo genitori", che porta esattamente questo. I genitori possono controllare i telefoni dei loro figli e impostare cose come l'ora di andare a letto, i limiti giornalieri e simili. Ha anche funzioni come "tempo bonus", in cui i bambini possono chiedere ai loro genitori per un tempo aggiuntivo con i loro telefoni. Dato che sempre più bambini utilizzano gli smartphone ogni giorno, questo può diventare una funzione utile per i genitori preoccupati che non vogliono che i loro figli diventino dipendenti dai telefoni. La condivisione del WiFi migliora La condivisione dei dettagli della connessione di rete WiFi è ora ancora più pratica. Sotto il codice QR, la tua password WiFi è elencata in testo normale. Ciò rende ancora più facile mostrare a qualcuno la tua password, anche se non hanno uno scanner di codici QR. Decidi quando Risparmio batteria si spegne Risparmio batteria ha una nuova opzione da attivare quando si spegne. In precedenza avevamo le opzioni per quando si accendeva, ma ora puoi decidere anche quando si spegne. La commutazione dell'interruttore consente a Battery Saver di spegnersi automaticamente quando la batteria raggiunge il 90%. Risposta intelligente per più app Le risposte intelligenti sono ora integrate nel sistema di notifica di Android Q. Ora funzionano con molte altre app. Tutto questo è supportato dall'apprendimento automatico su dispositivo. Suggerimenti per i canali di notifica tramite Android Police Android Q Beta 2 ha aggiunto suggerimenti per la connessione WiFi e Bluetooth. Questi appaiono nella parte superiore delle Impostazioni. La Beta 3 si espande con informazioni sui canali di notifica. Verranno visualizzati suggerimenti per la gestione delle notifiche per le app, in modo simile a come verrà visualizzato l'avviso "continua a vedere queste notifiche". Cambiamenti vari Come sempre, c'è anche un numero di modifiche minori o minori che potrebbero non essere abbastanza degne di nota da essere menzionate da sole. Questi sono: supporto nativo per il codec video AV1, che consente di ridurre le dimensioni dei file senza perdita di qualità. Il pulsante Ruota suggerimento nella barra di navigazione, che ti consentiva di toccarlo rapidamente per ruotare lo schermo senza la rotazione automatica se il telefono era in modalità orizzontale, è stato rimosso. Una nuova API termica consentirà alle app di monitorare la temperatura del tuo dispositivo e regolarlo di conseguenza. La sezione "Versione Android" in "Informazioni sul telefono" ora dice 10 invece di Q, confermando che, come previsto, Android Q sarà Android 10. Tuttavia, non è stato ancora confermato il nome in codice o il nome del dessert. Ogni volta che un'app utilizza i servizi di localizzazione in background, una notifica ti ricorderà ciò mentre Google introduce promemoria per l'utilizzo della posizione. È presente anche il supporto ufficiale AOSP per 5G, anche se questo è un dato di fatto considerando come le reti 5G inizieranno a essere lanciate quest'anno. Il numero di build è ora mostrato nell'angolo in basso a sinistra delle Impostazioni rapide espanse. Il sistema ora può ricordarti quando un'app accede alla tua posizione in background per un po 'di tempo. C'è un interruttore rapido Impostazioni che può essere abilitato in Opzioni sviluppatore per disabilitare tutti i sensori. Questo include la fotocamera, il giroscopio, il barometro e persino lo scanner di impronte digitali. Ci siamo persi qualcosa? Fateci sapere nei commenti. Il post Tutto nuovo in Android Q Beta 3 per Google Pixel è apparso prima su xda-developers.

Commenti

commenti