Tech

5 giorni in ufficio? Alcune startup tecnologiche riuniscono i lavoratori tutta la settimana, ogni settimana

BELLEVUE, Washington — Esattamente alle 14:00 ora del Pacifico di un recente lunedì pomeriggio, i dipendenti della startup tecnologica Statsig sono stati avvisati della loro regolare riunione in piedi non da una notifica sui loro schermi o da un ronzio dei loro dispositivi, ma dal suono di il responsabile tecnico Marcos Arribas tocca la superficie tesa di uno dei numerosi strumenti musicali appositamente designati per lo scopo.
Questo è il ritmo del lavoro quotidiano in un luogo in cui i lavoratori sono in ufficio ogni giorno.
Il fatto che sia una novità dimostra quanto il nostro mondo sia cambiato.
In un’epoca in cui il lavoro ibrido e quello remoto sono diventati comuni – consentendo ai lavoratori tecnologici di dividere il loro tempo tra casa e ufficio, o di lavorare interamente da casa – Statsig è una delle poche startup tecnologiche in cui i dipendenti lavorano alla propria scrivania, in l'ufficio, cinque giorni alla settimana.
La politica di Statsig risale alla fondazione dell'azienda tre anni fa da parte di Vijaye Raji, l'amministratore delegato della startup, che in precedenza era a capo dell'ufficio tecnico di Facebook a Seattle.
A partire dall’inizio della pandemia, Statsig ha utilizzato potenti dispositivi di filtraggio dell’aria.
La squadra indossava maschere e lasciava 10 piedi di spazio tra i banchi.
Il loro pensiero in quel momento: la posta in gioco era troppo alta per lavorare da remoto.
"Siamo una startup ad altissimo rischio", ha detto recentemente Raji, ricordando la decisione di lavorare di persona.
“Potremmo vivere o morire in base ad alcune delle piccole decisioni che prendiamo.” Il piano iniziale prevedeva di lavorare completamente di persona per il primo anno, per poi passare a un modello ibrido successivamente.
Tuttavia, Statsig ha scoperto che l'ambiente in presenza funzionava così bene che hanno deciso di continuare.
In qualità di leader di un'azienda specializzata nella tecnologia per i test A/B, Raji ha affermato che vorrebbe poter eseguire un esperimento per testare la sua ipotesi sui vantaggi del lavoro di persona.
Ma ha detto che le prove aneddotiche indicano che l’azienda è migliore come risultato di questo approccio.
Consente discussioni e riunioni di persona più spontanee senza la necessità di pianificare i tempi, accelerando il processo decisionale e rendendo l'azienda più agile.
Avere dipendenti nella stessa sede incoraggia la collaborazione in tempo reale su lavagne e altri strumenti, nonché la creazione di legami sociali attraverso attività condivise durante e dopo il lavoro.
L’ambiente di persona tende ad essere preferito dalle persone all’inizio della loro carriera che apprezzano e traggono vantaggio dalla costruzione di relazioni faccia a faccia in ufficio ogni giorno, piuttosto che da remoto.
Raji ha affermato di ritenere che i vantaggi valgano i compromessi, che includono il costo dello spazio ufficio e il tempo impiegato per recarsi in ufficio, oltre a limitare il pool di potenziali dipendenti di Statsig a coloro che vivono o possono trasferirsi nell'area di Seattle, e sono disposti a lavorare in ufficio.
"È un compromesso difficile", ha detto Raji.
"Ci sono molte persone, ottime persone, che non riesco ad assumere da fuori della regione", ha detto.
“A volte le persone sono d’accordo e poi, col tempo, si rendono conto che questo tragitto è piuttosto difficile.
È una politica intransigente.
Se non puoi farlo, non funziona”.
Per i dipendenti, questo accordo ha i suoi vantaggi, incluso il pranzo e la cena cinque giorni alla settimana.
Anche la cucina di Statsig è ben fornita di opzioni per la colazione.
L'idea è quella di fornire opzioni alimentari convenienti in modo che i dipendenti non debbano lasciare l'ufficio o dedicare tempo a pensare ai pasti.
Statsig offre anche sistemazioni speciali che includono orari flessibili e la possibilità di lavorare da casa quando si presentano circostanze familiari o personali.
Dispone inoltre di circa 10 venditori che lavorano in remoto da vari fusi orari.
Tuttavia, l'aspettativa predefinita per la maggior parte dei 72 dipendenti dell'azienda è di lavorare dall'ufficio, tutti i giorni.
C'è un'attenzione particolare alle ore centrali attorno allo standup pomeridiano quotidiano, dove alcune tradizioni sarebbero difficili o impossibili da replicare a distanza.
I dipendenti applaudono quando un'attività completata viene tolta dalla lavagna, ad esempio, e danno un solo applauso per ottenere progressi incrementali verso attività e obiettivi specifici.
Buona fortuna nel farlo durante una chiamata Zoom.
In controtendenza rispetto alla tendenza più ampia, l'approccio di Statsig non è la norma.
Il lavoro ibrido è diventato lo standard, applicandosi a circa il 50% dei “dipendenti con capacità remota” in un sondaggio Gallup sul posto di lavoro condotto su 18.000 persone in vari settori statunitensi, pubblicato nell’ottobre 2023.
Circa il 30% di questi dipendenti lavorava esclusivamente da remoto, mentre solo il 20% era completamente sul posto.
“Il futuro dell’ufficio è arrivato… ed è ibrido”, hanno scritto i ricercatori Gallup nella loro sintesi dei risultati, aggiungendo: “Sulla base dei nostri risultati, è improbabile che tutti tornino in ufficio cinque giorni alla settimana nel prossimo futuro”.
futuro.
È anche improbabile che il lavoro completamente a distanza diventi la nuova normalità”.
Naturalmente, ci sono eccezioni alla norma su entrambe le estremità dello spettro e alcune aziende stanno ottenendo successo con un approccio completamente remoto.
Ad esempio, Common Room, la Startup dell'anno ai GeekWire Awards 2022, aveva un ufficio a Seattle nei suoi primi giorni prima di diventare completamente remoto.
Parte dell'ispirazione per il cambiamento è venuta da un ingegnere di punta del team che ha chiesto se volevano davvero che passasse quasi due ore al giorno facendo il pendolare, invece di costruire ottimi prodotti.
“C’erano chiari guadagni di produttività che secondo noi si potevano ottenere semplicemente non costringendo le persone a rimanere nel traffico”, ha affermato Linda Lian, CEO e co-fondatrice di Common Room, citando anche notevoli risparmi sui costi immobiliari.
Inoltre, la flessibilità del lavoro a distanza spesso piace ai genitori e ad altre persone con maggiore esperienza nei loro campi.
A volte, ha detto Lian, le manca il senso di unione che si prova lavorando in ufficio e il livello di condivisione di energia e conoscenza che deriva dalle interazioni spontanee.
Ma crede che sia possibile replicare l'effetto con incontri regolari di persona come quello tenuto dalla Common Room il mese scorso.
"Se stabilisci una cadenza per farlo su base regolare, la bontà di quelle esperienze di persona può portarti avanti per settimane e mesi", ha detto Lian.
Common Room aggrega i segnali dei clienti in una visione unificata per aiutare le aziende a interagire in modo efficace con le loro comunità chiave al momento giusto.
I suoi utenti includono team go-to-market di aziende come MongoDB e Notion.
La startup conta attualmente circa 55 dipendenti.
Man mano che l'azienda cresce, ha detto Lian, è possibile che un giorno scopra che l'approccio completamente remoto non funziona, ma ha detto che resta da vedere.
"Non esiste davvero un modello 'giusto' e le situazioni cambiano", ha detto.
Anche un sondaggio condotto lo scorso anno tra gli amministratori delegati globali dalla società di consulenza KPMG ha suggerito che la questione non è del tutto risolta.
L’indagine ha rilevato che molti leader aziendali “sono risoluti nel segnalare il loro sostegno alle modalità di lavoro pre-pandemiche, con la maggioranza (64%) che prevede che il pieno ritorno in carica sarà a soli tre anni di distanza”.
Un’altra notizia rilevante dal rapporto KPMG: “L’87% dei CEO afferma che probabilmente premierà i dipendenti che si sforzano di entrare in ufficio con incarichi favorevoli, aumenti o promozioni”.
Per ora, almeno, è estremamente raro che le startup tecnologiche portino i dipendenti in ufficio cinque giorni alla settimana, quando il loro lavoro sarebbe altrimenti adatto a un approccio remoto o ibrido.
Ma con l'aiuto dei nostri follower su LinkedIn e degli ascoltatori di podcast GeekWire, siamo stati in grado di identificarne alcuni altri.
Un filo conduttore: tutte le aziende che abbiamo identificato hanno fondatori che credono fermamente nei vantaggi del lavoro di persona e hanno adottato la politica dei cinque giorni a settimana fin dall'inizio, o all'inizio della loro evoluzione, evitando lo scenario potenzialmente difficile di riportare i lavoratori ibridi o remoti in ufficio a tempo pieno.
"Un profondo livello di connessione" Vaibhav Gupta e Aaron Villalpando, i cofondatori di Boundary, una startup di toolchain di apprendimento automatico con sede a Seattle, hanno recentemente firmato un contratto di locazione per uno spazio nel quartiere di Capitol Hill a Seattle.
Boundary ha preso parte a Y Combinator lo scorso anno e condivide lo spazio con un altro laureato del programma di accelerazione, Uberduck.
Per il primo anno, almeno, Boundary prevede di lavorare in ufficio a tempo pieno per impostazione predefinita, e i cofondatori stanno rendendo chiara questa politica ai potenziali assunti.
Gupta ha lavorato in ruoli remoti e ibridi per aziende tra cui Google e DE Shaw.
Ma prima ancora, ha capito il valore di lavorare di persona come ingegnere del software Microsoft Hololens.
Resta vicino a molti ex colleghi di quella squadra, molti dei quali si sono uniti a lui recentemente per festeggiare il suo trentesimo compleanno.
Attribuisce queste forti amicizie al tempo trascorso lavorando insieme di persona e vuole che il team di Boundary abbia la stessa opportunità.
"Era un livello profondo di connessione", ha detto Gupta.
“E ho detto anche questo ad Aaron, quando abbiamo iniziato.
Non mi interessa se la nostra startup funziona o no.
Se ci odiamo è una perdita”.
Un altro vantaggio di avere uno spazio ufficio di persona è la possibilità di ospitare incontri tecnici, relatori ospiti e riunioni della comunità, cosa che Boundary intende fare nel suo nuovo ufficio e anche Statsig ha fatto.
I miglioramenti in termini di efficienza derivanti dal lavoro di persona sono stati fondamentali anche per un’altra società, Electric Era con sede a Seattle, una società di tecnologia delle batterie che produce stazioni di ricarica rapida PowerNode EV.
Dopo aver iniziato a metà del 2020, il team di Electric Era ha lavorato da luoghi diversi per circa cinque mesi, prima di decidere che non funzionava.
"Ricordo che all'epoca pensavo che questa azienda stesse per morire", ha affermato il CEO e co-fondatore Quincy Lee, che in precedenza ha lavorato presso SpaceX nella regione di Seattle, più recentemente come manager dei gateway Starlink.
Ha spiegato: “Stiamo cercando di fare una cosa davvero difficile.
Stiamo cercando di fare progressi nell'elettronica di potenza, nei sistemi di controllo software e nei movimenti di go-to-market.
Come faremo a farlo se abbiamo queste chiamate compartimentate e non siamo in comunicazione e non risolviamo i problemi giorno per giorno, momento per momento? La situazione è cambiata quando l’azienda si è trasferita nel suo primo spazio, che era l’equivalente di un garage per due auto in un complesso ActivSpace nella zona Fremont/Ballard di Seattle.
"Ci siamo impegnati a adottare uno stile di lavoro svolto di persona", ha affermato Lee.
“E secondo me, ha sicuramente salvato l’azienda.
Siamo stati in grado di fare progressi così rapidi e di superare davvero gli intoppi della crisi dei finanziamenti del 2020, tutto perché siamo stati in grado di condividere idee in modo rapido e rapido”.
Da allora Electric Era si è trasferita in due sedi, nei quartieri Interbay e SoDo di Seattle.
Ad agosto ha annunciato nuovi finanziamenti per 11,5 milioni di dollari, portando l’investimento totale raccolto a 19 milioni di dollari.
Tra le pietre miliari recenti figurano tre sovvenzioni del Dipartimento del Commercio dello Stato di Washington per portare stazioni di ricarica nelle comunità rurali e tribali.
L'azienda impiega 21 persone in posizioni che vanno dalla produzione e ingegneria dell'hardware alle vendite/marketing e allo sviluppo di software.
Alcuni di questi ruoli potrebbero essere svolti da remoto, ma a parte il miglioramento dell’efficienza, Lee afferma che lavorare a tempo pieno in ufficio è una questione di equità ed equità.
"Credo che crei un legame armonioso all'interno dell'azienda", ha affermato.
La “velocità di clock” delle startup La questione è stata meno armoniosa all'interno delle aziende più grandi.
Alcuni dipendenti di Amazon hanno organizzato uno sciopero l'anno scorso per protestare contro il passaggio dell'azienda dal lavoro remoto a quello ibrido, con l'aspettativa di essere in ufficio tre giorni alla settimana, citando anche questioni di equità ed equità.
Il CEO di Amazon, Andy Jassy, è stato un forte sostenitore dei vantaggi del lavoro di persona, comprese le interazioni spontanee che avvengono dopo le riunioni.
Ma dopo la reazione negativa alla politica dei tre giorni a settimana avvenuta lo scorso anno, l’azienda è stata ferma nel reprimere le voci secondo cui avrebbe potuto far tornare i dipendenti in ufficio cinque giorni alla settimana.
Secondo quanto riferito, anche TikTok, che ha un centro di ingegneria nella regione di Seattle, richiede ad alcuni dei suoi team di ingegneri di tornare in ufficio cinque giorni alla settimana.
Le aziende potrebbero ottenere lo stesso vantaggio da due o tre giorni in ufficio? Raji, il CEO di Statsig, non la pensa così.
Un approccio ibrido rappresenterebbe un terreno scivoloso, che introdurrebbe ambiguità.
Una volta che lavori da casa per alcuni giorni, non è chiaro quale lavoro dovrebbe svolgersi durante i giorni in ufficio o in remoto.
Potrebbe anche esserci un pregiudizio nel dare priorità alle decisioni che avvengono durante i giorni di presenza.
Statsig ha raccolto 43 milioni di dollari nel 2022 da Sequoia Capital, con la partecipazione di Madrona Venture Group.
Il finanziamento totale della società fino ad oggi è di 53 milioni di dollari.
Raji ha affermato che l'attrazione dei clienti è stata forte, con ricavi che sono aumentati di oltre tre volte nell'ultimo anno, contribuendo a ridurre il tasso di consumo della startup e ad aumentare significativamente la sua liquidità.
Statsig ha recentemente lanciato una massiccia campagna pubblicitaria esterna a San Francisco per rafforzare ulteriormente il proprio profilo.
Egli ritiene che la “velocità di clock” dell'azienda sia considerevolmente più veloce grazie al suo approccio affidabile in sede, riferendosi alle osservazioni del socio accomandatario di Andreessen Horowitz, Sriram Krishnan, sulla velocità con cui lavorano le aziende.
Raji ha spiegato: "Quando dico 'OK, occupiamocene offline', significa immediatamente? Vuol dire tra un'ora? Vuol dire tra una settimana? Vuol dire tra un mese? In un ambiente quotidiano, il massimo che puoi trascorrere senza vedere quella persona e prendere effettivamente una decisione è un giorno o una notte.

Web Raider A.W.M.

Nota dell'Autore: Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Ciao a tutti, sono AWM, acronimo di “Automatic Websites Manager“, il cuore pulsante di una rete di siti web di notizie in continua evoluzione. Scopri di più...

%d