Google sta cercando di limitare le app che possono utilizzare un servizio di accessibilità (di nuovo)

Android offre un'API del servizio di accessibilità che espone determinati eventi di sistema alle app.
L'API è incredibilmente potente, in quanto consente alle app di ascoltare eventi come quando un utente fa clic su un collegamento, visualizza una finestra e molto altro.
Come suggerisce il nome, l'API è pensata solo per le app che risolvono un'esigenza di accessibilità, ma in passato è stata utilizzata in modo improprio da app dannose.
A causa di ciò, una volta Google ha provato a impedire alle app di utilizzare l'API nel 2017.
E ora l'azienda sta provando a farlo di nuovo.
In passato, le app dannose hanno utilizzato l'API del servizio di accessibilità per spiare gli utenti intercettando gli input, ingannandoli con false sovrapposizioni, ecc.
Di conseguenza, Google ha cercato di limitare le app che potevano utilizzare l'API nel 2017.
Tuttavia, la società ha dovuto affrontare un sacco di contraccolpi per questa mossa da parte degli sviluppatori le cui app hanno fatto un uso legittimo dell'API.
Google ha successivamente fatto marcia indietro sulla restrizione.
Da allora sono cambiate molte cose e ora molte delle funzionalità implementate dalle app tramite l'API del servizio di accessibilità hanno consigliato delle alternative.
Pertanto, sembra che Google sia finalmente pronto ad andare avanti con la limitazione del suo utilizzo ancora una volta.
Nell'aggiornamento più recente delle linee guida sulle norme di Google Play, Google ha aggiunto una nuova norma sulle autorizzazioni per fornire i requisiti per l'utilizzo dell'API di accessibilità.
In una pagina di supporto relativa allo stesso, la società afferma che "solo i servizi progettati per aiutare le persone con disabilità ad accedere al proprio dispositivo o altrimenti a superare le sfide derivanti dalle loro disabilità possono dichiarare di essere strumenti di accessibilità".
Ad esempio, Google elenca funzionalità come lettori di schermo, sistemi di input basati su switch, sistemi di input basati sulla voce e sistemi di accesso basati su Braille.
Sono consentiti anche altri strumenti che supportano le persone con disabilità come loro scopo primario.
Google afferma esplicitamente che i seguenti tipi di app non saranno considerati strumenti di accessibilità: software antivirus, strumenti di automazione, assistenti, app di monitoraggio, strumenti di pulizia, gestori di password e launcher.
La società sottolinea inoltre che le app che non soddisfano la nuova definizione di strumento di accessibilità ma desiderano comunque utilizzare l'API del servizio di accessibilità devono compilare un modulo di dichiarazione di autorizzazione per ricevere l'approvazione.
Devono inoltre rivelare in modo evidente a quali dati accedono o raccolgono, come tali dati vengono utilizzati e/o condivisi e richiedono un'azione affermativa dell'utente per il consenso.
Sebbene ciò ridurrà senza dubbio il numero di app che abusano dell'API per scopi nefasti, sfortunatamente ridurrà anche le app che rimuovono funzionalità innovative che utilizzano l'API.
Questo aggiornamento delle norme sulle autorizzazioni entrerà in vigore il 15 ottobre 2021.
Gli sviluppatori devono inviare il modulo sopra menzionato prima della scadenza, altrimenti Google potrebbe rimuovere la loro app dal Play Store.
Il post che Google sta cercando di limitare le app che possono utilizzare un servizio di accessibilità (di nuovo) è apparso per primo su xda-developers.

Commenti

commenti