Sono previsti scioperi climatici diffusi in Amazon, Microsoft, Google, Facebook e altre società tecnologiche

I cambiamenti climatici saranno al centro dell'attenzione nel settore tecnologico oggi, poiché migliaia di dipendenti di alcune delle aziende più grandi e influenti del mondo hanno in programma di abbandonare il lavoro.
Dipendenti di Amazon, Microsoft, Facebook, Google, Twitter, Square e altri stanno uscendo venerdì a sostegno del Global Climate Strike, una serie di una settimana di manifestazioni e dimostrazioni guidate dai giovani in tutto il mondo che richiedono un ridotto consumo di combustibili fossili.
I gruppi all'interno di ciascuna delle società, molti dei quali competono quotidianamente, si stanno allineando su Twitter e pianificando pubblicamente le proprie dimostrazioni per mettere in luce i problemi dei cambiamenti climatici.
Noi, @AMZNforClimate, saremo in strada domani, venerdì 20 settembre, per celebrare la nostra vittoria e sostenere il Global #ClimateStrike guidato dai giovani e continuare a fare la nostra parte per garantire un futuro vivibile.
Unisciti a noi! Https: //t.co/lKjBp8RWAz – Dipendenti Amazon per la giustizia climatica (@AMZNforClimate) 19 settembre 2019 Gente Microsoft, unitevi a noi per sostenere il Global Climate Strike, leader della gioventù, questo venerdì 20 settembre, dalle 11:30 alle 13:00 il campo dai Comuni.
Assicurati di indossare il verde e portare segni! Spargi la voce, facciamo la nostra parte per aiutare a salvare il pianeta! – Microsoft Workers 4 Good (@ MsWorkers4) 16 settembre 2019 Poster per giorni !! Siamo pronti a marciare ? pic.twitter.com/ROqKT4WcYM – Google Workers for Action on Climate (@GoogleWAC) 19 settembre 2019 Sì, saremo lì in solidarietà con tutti coloro che marciano per il futuro in Global # ClimateStrike.
https://t.co/hi2qcxFWdW – Dipendenti di Facebook per l'azione per il clima (@FBClimateAction) 16 settembre 2019 Pronti per domani.
Gente di Twitter: ci trovate al Commons la mattina per prendere un respiratore #ClimateStrike o portatene uno vostro! Ci vediamo alle 9:30 nella hall per camminare fino alla marcia.
pic.twitter.com/rg8fZ0vsGC – Twt Workers for Climate Action (@TwtAction) 19 settembre 2019 C'è una crisi climatica, in questo momento, e dobbiamo agire oggi per garantire un futuro ai giovani di oggi.
Gli operai di squadra si stanno unendo ad attivisti giovanili per richiedere azioni significative nel #ClimateStrike globale di domani.
Unisciti a noi! https://t.co/O2EGOTjRb2 – Square Workers for Climate Action (@SquareWorkers) 20 settembre 2019 Un giorno prima che iniziassero gli scioperi e le marce, l'amministratore delegato di Amazon Jeff Bezos ha annunciato un'iniziativa radicale per rendere l'azienda carbon neutral da 2040 e passare all'energia interamente rinnovabile un decennio prima.
Oltre al nuovo Climate Pledge, Amazon ha anche condiviso la sua impronta di carbonio per la prima volta e ha annunciato piani per l'acquisto di 100.000 furgoni elettrici da Rivian per rendere la sua flotta di consegne più rispettosa dell'ambiente.
Un gruppo di dipendenti di Amazon ha spinto l'azienda ad essere leader nella lotta ai cambiamenti climatici negli ultimi anni, raccogliendo oltre 3.500 firme per una petizione che richiede un piano ambientale a livello aziendale.
Il gruppo ha applaudito alla notizia ma ha chiarito che non stanno facendo pressione sulla società.
L'annuncio di Bezos e l'inizio delle marce arrivano giorni prima del summit delle Nazioni Unite per il clima di lunedì, e l'inizio dell'annuale Settimana del clima a New York City, a partire da martedì.
Gli eventi riuniscono leader nel settore industriale, governativo e non profit.
Nota del redattore: questa storia verrà aggiornata man mano che si verificano gli scioperi dei dipendenti.

Commenti

commenti