L'Università di Washington è stata nuovamente nominata l'università pubblica più innovativa del mondo

Per il terzo anno consecutivo, l'Università di Washington ha vinto il titolo di università pubblica più innovativa del mondo, secondo una classifica annuale di Reuters e Clarivate Analytics.
L'istituzione si è anche classificata al 5 ° posto tra tutte le università, pubbliche e private, con Stanford al primo posto.
L'elenco ha preso in considerazione fattori tra cui domande di brevetto e citazioni di articoli di ricerca per determinare quali istituti scolastici hanno fatto di più per "far progredire la scienza, inventare nuove tecnologie e alimentare nuovi mercati e industrie".
Gli Stati Uniti hanno dominato l'elenco in generale, con 46 delle 100 migliori istituzioni.
Ecco le 10 migliori università pubbliche e private più innovative: Stanford University (USA) Massachusetts Institute of Technology (USA) Harvard University (USA) University of Pennsylvania (USA) University of Washington (USA) University of North Carolina Chapel Hill (USA) KU Leuven (Belgio) University of Southern California (USA) Cornell University (USA) Imperial College London (UK) UW ha depositato un totale di 561 brevetti tra il 2012 e il 2017, un terzo dei quali è stato concesso.
Ha anche ricevuto un punteggio elevato per la ricerca e lo sviluppo commerciale, che è misurato da documenti accademici citati nei documenti di brevetto.
L'istituzione ospita quasi 58.000 studenti e 7.000 dipendenti, con campus a Seattle, Tacoma e Bothell.
Nell'ultimo decennio, UW ha costantemente portato oltre il 2 percento dei finanziamenti federali per la ricerca, più di qualsiasi altra università pubblica.
Nel 2017, i finanziamenti per le sovvenzioni e le aggiudicazioni dell'Università hanno raggiunto un picco di $ 1,6 miliardi.
Nella sua classifica, Reuters ha notato un recente progetto in cui i ricercatori UW e UCLA hanno creato un sistema di intelligenza artificiale in grado di diagnosticare il cancro al seno, in alcuni casi meglio dei medici addestrati.
Il successo di Microsoft con sede a Redmond, Washington – e dei co-fondatori Bill Gates e Paul Allen – ha avuto un enorme impatto sul successo dell'università attraverso donazioni filantropiche che hanno contribuito a fondare la Scuola di Computer Science di Paul G.
Allen e il Bill and Melinda Gates Center, aperto all'inizio di quest'anno grazie ai contributi di privati e aziende tecnologiche locali come Microsoft, Amazon, Zillow e Google, che ha una grande presenza ingegneristica nella regione.
Anche altri magnati delle imprese regionali sono stati influenti.
All'inizio di questo mese, la scuola ha annunciato i piani per un centro incentrato sui disturbi del cervello, reso possibile grazie a un regalo da 50 milioni di dollari da parte di Lynn e Mike Garvey, proprietari della società di trasporti e distribuzione Saltchuk.
L'università, che si è classificata al n.
10 in un elenco separato per le migliori università globali, è anche uno dei motivi principali per cui i ricercatori dell'Allen Institute for Artificial Intelligence (AI2) pensano che Seattle vedrà "un'accelerazione senza precedenti nella creazione di startup ad alta tecnologia" nel prossimi anni.
"Negli ultimi anni, oltre 20 aziende sono state fondate dalla facoltà della Scuola Allen in aree diverse come machine learning, m-health, comunicazione backscatter, alimentazione wireless, sicurezza informatica, tecnologia didattica e imaging chirurgico – e molte altre società sono state fondate dagli allume ”, hanno scritto i ricercatori di AI2 Jacob Colker e Oren Etzioni.
L'esempio più recente di questa tendenza è OctoML, uno spinout UW che ha recentemente raccolto $ 3,9 milioni per una piattaforma che funge da sistema operativo per i modelli di apprendimento automatico.
La UW è anche sede di CoMotion, incubatore di startup dell'università e hub di innovazione collaborativa, e nel 2016 ha debuttato GIX, un istituto di tecnologia congiunta USA-Cina che ha lanciato in collaborazione con la Cina Tsinghua University e Microsoft.
Leggi la metodologia completa dello studio qui.

Commenti

commenti