Gli esperti confermano che un secondo visitatore interstellare sfreccia attraverso il sistema solare

Due anni dopo che gli astronomi hanno scoperto per la prima volta un oggetto celeste che è entrato nel nostro sistema solare dal quartiere di un'altra stella, hanno ora confermato l'esistenza di un altro.
La cometa, originariamente conosciuta come C / 2019 Q4 (Borisov), è stata scoperta il 30 agosto da Gennady Borisov all'osservatorio MARGO in Crimea, una regione contesa da Ucraina e Russia.
Sulla base di un'analisi delle osservazioni notturne, l'Unione Astronomica Internazionale ha annunciato oggi che la cometa sta arrivando da molto al di là del nostro sistema solare.
L'IAU ha inoltre assegnato all'oggetto un nuovo nome per adattarsi al suo stato interstellare: 2I / Borisov.
La NASA afferma che 2I / Borisov dovrebbe raggiungere il punto più vicino al sole l'8 dicembre, a una distanza di circa 180 milioni di miglia.
Sono decine di milioni di miglia oltre l'orbita di Marte, ben lontane dai pericoli, per quanto riguarda la Terra.
Ci vorrebbe un telescopio di dimensioni moderate per vedere l'oggetto al suo più vicino.
"La velocità attuale della cometa è alta, circa 93.000 mph, che è ben al di sopra delle velocità tipiche degli oggetti che orbitano attorno al sole a quella distanza", Davide Farnocchia del Il Center for Near-Earth Object Studies presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA ha dichiarato all'inizio di questo mese nel rapporto sullo stato della NASA.
"L'alta velocità indica non solo che l'oggetto probabilmente ha avuto origine al di fuori del nostro sistema solare, ma anche che partirà e tornerà nello spazio interstellare." Farnocchia ha lavorato con altri astronomi, inclusi esperti del Coordinamento oggetti vicino alla terra dell'Agenzia spaziale europea Al centro, per inchiodare la traiettoria precisa della cometa.
Si sta dirigendo verso il sistema solare interno dall'alto, cioè verso nord celeste, con un angolo di 40 gradi rispetto al piano eclittico del sistema solare.
Le osservazioni fatte finora indicano che 2I / Borisov ha un aspetto sfocato, suggestivo di una nuvola di gas e polvere che potrebbe essere risolta in una coda quando l'oggetto si avvicina.
La NASA afferma che le osservazioni dell'Università delle Hawaii indicano che il nucleo della cometa è largo tra 1,2 e 10 miglia.
Prima di 2I / Borisov, l'unico oggetto interstellare di cui gli astronomi erano a conoscenza era un intruso cosmico noto come 'Oumuamua – quindi non sanno cosa aspettarsi da quello che potrebbe essere il secondo.
Ma se C / 2019 Q4 è qualcosa come 'Oumuamua, sono in una corsa selvaggia.
Anche se 'Oumuamua sta uscendo definitivamente dal sistema solare, con scarse opportunità di osservazione, la comunità astronomica sta ancora discutendo se si tratta di un asteroide, una cometa o una sonda aliena.
'La qualità più strana di Oumuamua è la sua lunghezza estrema, rispetto alla sua larghezza.
Secondo alcune misure, il rapporto tra lunghezza e larghezza è 10 a 1, il che farebbe apparire l'oggetto come un sigaro gigante o un'astronave di dimensioni adeguate.
Gli astronomi dell'Università di Washington hanno svolto un ruolo nella stima delle dimensioni e della forma di 'Oumuamua, e stanno esaminando anche il C / 2019 Q4.
Supponendo che C / 2019 Q4 sia di origine interstellare, le osservazioni spettrali potrebbero rivelare la sua composizione chimica, dicendo agli astronomi se ci sono differenze drammatiche nella composizione del materiale da altre stelle.
E chi lo sa? Forse si rivelerà un altro sigaro volante, questa volta sfoggiando una scia di fumo cosmico.
L'astronoma UW Lynne Jones ha discusso il caso del C / 2019 Q4 in una e-mail inoltrata a GeekWire.
Jones è coinvolto nella preparazione del Large Synoptic Survey Telescope, o LSST.
È associata al DIRAC Institute della UW, che sta sviluppando strumenti analitici per i dati LSST.
Ecco cosa ha detto Jones: “È abbastanza sorprendente trovare un altro oggetto con un'orbita così interessante – un altro probabile oggetto interstellare così presto dopo il primo ha implicazioni davvero interessanti per quante di queste cose che potremmo trovare in futuro più grandi si avviano rilievi a cielo pieno (come LSST).
È anche interessante per me che questo oggetto sia così diverso da 'Oumuamua – è cometario anziché roccioso e ha un'eccentricità molto più elevata.
Fortunatamente sarà visibile molto più a lungo di "Oumuamua – avremo circa un anno per studiare questo oggetto in modo più dettagliato.
"La UW è coinvolta nelle osservazioni di follow-up, in parte ottenendo ulteriori osservazioni presso l'Opache Point Observatory [nel New Mexico] che miglioreranno la misurazione dell'orbita, ma principalmente hanno lo scopo di aiutare a determinare la dimensione della cometa (che può anche essere usata per cercare eventuali indicazioni di una curva leggera, indicando un periodo di rotazione che può aiutare a vincolarne la forma).
Speriamo di ottenere più osservazioni con APO nel prossimo futuro per caratterizzare ulteriormente la cometa.
"UW è anche coinvolta con lo Zwicky Transient Facility (ZTF), e ovviamente questo è molto interessante anche per quel sondaggio – non è stato osservato con ZTF, ma ci sono alcune risorse di follow-up associate al sondaggio ZTF che sono state era solito osservare anche C / 2019 Q4, per misurare un colore per la cometa.
”In un tweet di follow-up, Jones ha notato che c'è una grande squadra di astronomi sul caso.
Ha dato un appello speciale a Bryce Bolin, che lavora presso il DIRAC Institute come ricercatore senior presso l'istituto Asteroid B612 Foundation.
Le osservazioni spettrali potrebbero rivelare la composizione chimica di 2I / Borisov, dicendo agli astronomi se ci sono differenze drammatiche nella composizione del materiale da altre stelle.
E chi lo sa? Forse si rivelerà un altro sigaro volante, questa volta sfoggiando una scia di fumo cosmico.
Questa è una versione aggiornata di un rapporto pubblicato per la prima volta alle 10:59 PT del 13 settembre.

Commenti

commenti