La NASA pubblica il suo piano accelerato per ottenere due lander lunari commerciali per il 2024-2025

Dopo due round preliminari, la NASA ha pubblicato oggi il suo ultimo invito a presentare proposte industriali per avere i primi due lander in grado di mettere gli astronauti sulla luna pronti per il 2024 e il 2025.
L'ampio annuncio della NASA, noto come NextSTEP-2 Appendice H, chiarisce che due diverse compagnie sarebbero state scelte per costruire lander capaci di esseri umani.
Uno di questi sarebbe stato utilizzato per la missione Artemis 3, che ha lo scopo di inviare due astronauti da e verso la superficie lunare nel 2024.
L'altro sarebbe stato utilizzato per una missione dimostrativa nel 2025.
Queste due missioni avrebbero preparato il terreno per un potenziamento lander on the moon nel 2026 per dimostrare un approccio "sostenibile" all'esplorazione lunare.
Quella missione dimostrativa di follow-up servirebbe da "precursore nell'acquisizione di servizi di atterraggio lunare come servizi commerciali a partire dal 2028", ha detto la NASA.
Ed ecco il kicker: le proposte per i primi due lander sono previste tra un mese.
In genere occorrono dai sei agli otto anni per sviluppare nuovi tipi di hardware spaziale.
Ma la NASA afferma che una tempistica di cinque anni è fattibile perché le aziende hanno rivisto e commentato due bozze preliminari dell'appendice H da metà luglio.
"Al fine di accelerare al meglio il nostro ritorno sulla luna e prepararci per Marte, abbiamo collaborato con l'industria su idee per semplificare il processo di approvvigionamento", ha detto Marshall Smith, direttore del Programma di esplorazione lunare umana presso la sede della NASA, in un comunicato stampa.
"Il settore privato è stato ansioso di fornirci feedback durante tutto questo processo e abbiamo ricevuto più di 1.150 commenti sui progetti di sollecitazione emessi durante l'estate." Alcune aziende hanno lavorato su proposte di lander per molto più tempo.
Blue Origin, l'impresa spaziale fondata dal CEO di Amazon Jeff Bezos, ha rivelato nel 2017 che stava lavorando a un progetto di lander noto come Blue Moon – e offerto all'epoca per costruirlo in collaborazione con la NASA.
Lo stesso Bezos ha svelato un modello in scala reale del lander a maggio.
Proprio lo scorso fine settimana, il CEO di SpaceX Elon Musk ha parlato del super-razzo della sua compagnia come parte della sua visione per le missioni sulla luna e su Marte.
"Pensiamo che sarebbe molto eccitante avere una base sulla luna", ha detto.
Lockheed Martin e Masten Space Systems (che collaborano con United Launch Alliance) stanno anche lavorando a concetti per i lander lunari classificati come umani.
E probabilmente ce ne saranno altri.
La NASA ha affermato di aver apportato ulteriori modifiche al suo processo di approvvigionamento per adeguarsi a una linea temporale di sviluppo accelerata.
Ad esempio, l'agenzia razionalizzerà il processo di reporting e ridurrà il numero di risultati del contratto da 116 a 37.
"I report sono ancora preziosi e necessari, ma per compromettere e facilitare la maggior parte degli oneri di reporting sull'industria, stiamo chiedendo l'accesso a i sistemi delle società per monitorare i progressi durante lo sviluppo ", ha affermato Nantel Suzuki, responsabile del programma Human Landing System presso la sede della NASA.
"Per massimizzare le nostre possibilità di tornare con successo sulla Luna entro il 2024, stiamo anche mettendo a disposizione degli appaltatori la forza lavoro ingegneristica della NASA e chiedendo ai proponenti di presentare un piano di collaborazione".
Sarà compito dei proponenti nominare un prezzo fisso fisso per i loro lander .
Il piano della NASA richiede che i lander siano compatibili con altri elementi della sua architettura di missione lunare.
Ciò significa che gli astronauti che sono legati alla luna sarebbero lanciati dalla Terra in un'astronave di Orione in cima a un razzo Space Launch System.
I lander sarebbero stati lanciati separatamente su missili commerciali e sarebbero stati disponibili per l'uso di ciascun equipaggio nell'avamposto in orbita lunare del Gateway della NASA.
L'agenzia spaziale originariamente richiedeva che i lander fossero rifornibili di carburante e riutilizzabili, ma la NASA ha affermato che alcuni potenziali fornitori avevano preoccupazioni riguardo a tale requisito.
"Avevano assolutamente ragione", ha dichiarato Lisa Watson-Morgan, responsabile del programma Human Landing System presso il Marshall Space Flight Center della NASA.
"Stiamo operando secondo una tempistica che ci richiede di essere flessibili per incoraggiare l'innovazione e approcci alternativi.
Accogliamo ancora con favore l'opzione di rifornire di carburante il sistema di atterraggio, ma l'abbiamo rimosso come requisito ".

Commenti

commenti