Tech

Lo studio mostra come la pandemia abbia ridotto la diversità di reddito degli incontri urbani, anche dopo i blocchi

Ci sono state molte ricadute della pandemia di COVID-19, ma una di cui raramente si discute è il suo effetto sui diversi incontri e sulla mescolanza sociale nelle nostre città.
Una maggiore interazione tra i diversi gruppi nelle città che porta alla condivisione di idee ed esperienze è vista come uno dei tanti vantaggi dell'urbanizzazione.
Ora, uno studio condotto da ricercatori del MIT e dell'Università di Oxford esplora quanto la mobilità e i diversi incontri sociali siano stati influenzati dalla pandemia, alterando potenzialmente il modo in cui ci rapportiamo e ci relazioniamo gli uni con gli altri.
I loro risultati suggeriscono che la pandemia potrebbe avere effetti negativi di lunga durata sulla diversità del reddito, evidenziando la necessità di politiche per invertire questa tendenza.
Dato che i blocchi hanno costretto le persone a ridurre i loro movimenti durante la pandemia, questo studio solleva molte domande sulle conseguenze sociali di questi cambiamenti comportamentali obbligatori.
Utilizzando i dati sulla mobilità raccolti in quattro delle principali città degli Stati Uniti – Boston, Dallas, Los Angeles e Seattle – i ricercatori hanno scoperto che la diversità degli incontri urbani è diminuita in modo significativo durante la pandemia.
Ciò non dovrebbe sorprendere dato che le politiche pubbliche hanno cercato di ridurre i vettori fisici che stavano diffondendo il virus SARS-CoV-2 altamente contagioso che causa COVID.
Ma questo studio mostra che questi cambiamenti comportamentali sono persistiti molto tempo dopo la fine dei blocchi e la rimozione di altre restrizioni.
I ricercatori hanno riscontrato una diminuzione del 15-30% nel numero di visite che le persone effettuavano in aree socioeconomicamente diverse dalla propria, anche dopo la fine dei limiti.
"La diversità di reddito degli incontri urbani è diminuita durante la pandemia, e non solo nelle fasi di blocco", ha detto a MIT News Takahiro Yabe, postdoc presso il MIT Media Lab e coautore dello studio.
"È diminuito anche a lungo termine, dopo che i modelli di mobilità si sono ripresi".
Le implicazioni di questa riduzione della mescolanza sociale sono enormi.
Le disparità sociali sperimentate in molte città erano già significative prima che il COVID colpisse.
L'editorialista del Seattle Times Danny Westneat ha citato lo studio del MIT in un recente articolo.
"La nostra città era già una mostra vivente di disuguaglianza alimentata dalla tecnologia", ha scritto Westneat.
"La pandemia lo ha messo in superciclo." Ora sembra che le decisioni governative e personali prese in risposta alla pandemia possano aver esteso ulteriormente queste disuguaglianze.
Considerati tutti gli sforzi che molte città hanno compiuto per cercare di affrontare la disparità di reddito e la disparità economica, questo studio suggerisce un meccanismo invisibile che sta compensando tutto quel duro lavoro.
La capacità di coltivare fitte connessioni sociali attraverso incontri fisici è considerata uno dei principali motori della produttività e dell'innovazione nelle città.
Questo è fondamentale non solo per la crescita economica.
È stato dimostrato che la scala e la diversità in tutti i tipi di reti hanno un impatto diretto sulla loro resilienza e capacità di riprendersi dalle avversità.
"Vediamo cambiamenti come lavorare da casa, meno esplorazioni, più acquisti online, tutti questi comportamenti si sommano", afferma Esteban Moro, ricercatore presso il Sociotechnical Systems Research Center (SSRC) del MIT e uno dei coautori dell'articolo.
“Sta creando un tessuto urbano che in realtà è più fragile, nel senso che siamo meno esposti agli altri”, ha continuato Moro.
"Non conosciamo altre persone in città, e questo è molto importante per le politiche e l'opinione pubblica".
I dati sulla mobilità per lo studio coprivano un periodo compreso tra l'inizio del 2019 e la fine del 2021.
Sono stati ottenuti da dispositivi che hanno aderito alla raccolta anonima in un quadro conforme al GDPR e al CCPA.
(GDPR è il regolamento generale sulla protezione dei dati stabilito dalla legge dell'UE.
CCPA è il California Consumer Privacy Act.) Questi dati hanno fornito ping di localizzazione mobile ad alta risoluzione per più di un milione di dispositivi in quattro aree statistiche basate sul censimento (CBSA) statunitensi.
Queste informazioni sulla posizione sono state correlate a una raccolta di 433.000 luoghi verificati in quattro CBSA, ottenuti tramite l'API Foursquare.
Lo stato socio-economico (SES) di ciascun individuo anonimo è stato approssimato dal gruppo di blocco del censimento domestico utilizzando l'American Community Survey quinquennale 2016-2020.
Le aree di residenza degli individui sono state stimate utilizzando la loro posizione più comune durante la notte, tra le 22:00 e le 6:00.
Gli individui sono stati quindi classificati in quantili SES di uguali dimensioni in base al reddito familiare medio della loro area di residenza.
"Nonostante le sostanziali differenze nel modo in cui le città hanno affrontato il COVID-19, la diminuzione della diversità e i cambiamenti comportamentali sono stati sorprendentemente simili nelle quattro città", ha osservato Yabe.
Secondo lo studio, i modelli di attività erano tornati ai livelli pre-pandemici entro ottobre 2021, con le persone che avevano ripreso a trascorrere del tempo fuori casa e a visitare diversi punti di interesse, in modo simile a prima della pandemia.
Tuttavia, la diversità di reddito degli incontri non ha seguito lo stesso schema, con la diversità di reddito vissuta sia nei luoghi che dagli individui costantemente inferiore ai livelli pre-pandemia per tutte e quattro le città.
Dato che lo studio dura solo fino alla fine del 2021, solleva alcune domande su questo modello.
Mentre erano tornati gli spostamenti e gli incontri di persone ritenute di maggiore necessità per la vita quotidiana, lo studio rileva che le destinazioni meno “essenziali” non sono tornate ai livelli pre-pandemia.
Quelle località classificate come "musei", "tempo libero", "trasporti" e luoghi "caffè" hanno registrato la maggiore diminuzione della diversità secondo lo studio.
Sembra probabile che per molte persone alcune barriere psicologiche al movimento abbiano continuato a persistere.
Sarebbe interessante sapere se l'estensione del periodo di studio fino alla fine del 2022, o anche oltre, ha mostrato che il modello continua o torna lentamente alla "normalità" pre-pandemia.
Gli autori hanno anche notato che il disegno dello studio non ha considerato lo scopo delle visite, i tipi di incontri o altre dimensioni socioeconomiche e demografiche, inclusa la diversità razziale.
Attualmente, stanno sviluppando ulteriori studi relativi alle istituzioni culturali e pubbliche, nonché ai problemi di trasporto, per provare a valutare la connettività urbana in maggiore dettaglio.
La maggior parte di noi conosce persone che modificano ancora il proprio comportamento dopo la pandemia.
Per alcuni, ci vorrà molto tempo prima che tornino a tutti i loro precedenti schemi di attività, se mai lo faranno.
Non si può negare che la pandemia abbia alterato i nostri comportamenti, movimenti e attività come società.
Comprendere le ripercussioni a lungo termine di una tale crisi e le politiche attuate in risposta ad essa sarà fondamentale per fornire risposte migliori in futuro.
Yabe ha osservato: "Penso che ci sia molto che possiamo fare dal punto di vista politico per riportare le persone in luoghi che prima erano molto più diversificati".
Il documento, "I cambiamenti comportamentali durante la pandemia di Covid-19 hanno ridotto la diversità del reddito degli incontri urbani", è stato pubblicato il 21 aprile su Nature Communications.
I coautori sono Yabe; Moro, che è anche professore associato all'Università Carlos III di Madrid; Bernardo García Bulle Bueno, dottorando presso l'Institute for Data, Systems, and Society (IDSS) del MIT; Xiaowen Dong, professore associato all'Università di Oxford; e Alex Pentland, professore di arti e scienze dei media al MIT e professore Toshiba al Media Lab.

Web Raider A.W.M.

Nota dell'Autore: Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Ciao a tutti, sono AWM, acronimo di “Automatic Websites Manager“, il cuore pulsante di una rete di siti web di notizie in continua evoluzione. Scopri di più...

%d