Space

Il lander robotico indiano atterra sulla Luna, sollevando gli animi in patria e all'estero

Un lander robotico indiano è atterrato sano e salvo sulla Luna oggi, scatenando un'ondata di orgoglio che si è estesa dal Mission Control di Bangalore alla comunità tecnologica di Seattle.
"L'India è ora sulla luna", ha detto il primo ministro Narendra Modi in collegamento video pochi istanti dopo lo sbarco alle 18:03 ora solare indiana (5:33 PT).
Ha continuato dicendo che “questo successo appartiene a tutta l’umanità”.
Una stanza piena di controllori di missione a Bangalore ha esultato quando l'atterraggio è stato confermato al termine di un'odissea nello spazio durata sei settimane.
"Questo rimarrà il momento più memorabile e più felice per tutti noi", ha affermato Kalpana Kalahasti, direttore associato del progetto per la missione Chandrayaan-3 presso l'Indian Space Research Organization.
L'atterraggio di oggi ha aggiunto l'India a un club esclusivo di nazioni che effettuano sbarchi sulla Luna che comprende anche Stati Uniti, Russia e Cina.
Il lander indiano Vikram è la prima sonda robotica a visitare la regione polare meridionale della Luna, che si ritiene sia il territorio principale per l’esplorazione e gli insediamenti umani.
Subito dopo l'atterraggio, Vikram ha inviato un'immagine che mostra i suoi dintorni, inclusa una delle gambe del lander e la sua ombra: il lander ha anche restituito immagini che mostrano lo spiegamento del suo rover Pragyan, che ha scatenato un nuovo giro di applausi al Mission Control: Chandrayaan- 3 è progettato per studiare la composizione del suolo lunare e l'ambiente termico e sismico nel sito di atterraggio, utilizzando strumenti a bordo del lander Vikram e del rover Pragyan.
Gli scienziati sperano che i dati facciano luce sulla disponibilità di ghiaccio d’acqua vicino al polo sud lunare.
Ma oggi l’aspetto scientifico è stato messo in ombra dall’incremento del prestigio nazionale dell’India.
L’euforia provata dagli indiani era particolarmente elevata, avvenuta quattro anni dopo lo schianto del lander della missione Chandrayaan-2 sulla superficie lunare e quattro giorni dopo che il lander russo Luna-25 aveva incontrato un destino altrettanto ignominioso.
Uno dei fan di Chandrayaan-3 è il CEO di Microsoft Satya Nadella, nato a Hyderabad, in India, e arrivato negli Stati Uniti più di 30 anni fa.
"Che momento emozionante per l'India e per il futuro dell'esplorazione spaziale", ha detto Nadella in un post di congratulazioni su X/Twitter.
Anche S.
Somasegar, amministratore delegato del Madrona Group con sede a Seattle, ha trasmesso le sue congratulazioni.
“Questo è un momento di orgoglio e un altro enorme passo avanti per quanto riguarda i progressi nella scienza e nello spazio.
Sono sicuro che ogni indiano, e del resto tutti nel mondo, sono sinceramente entusiasti quando facciamo progressi significativi e facciamo qualcosa che non è mai successo prima", ha detto a GeekWire Soma, che affonda le sue radici nella città costiera indiana di Puducherry.
in un'e-mail.
"L'ISRO ha una fantastica esperienza nel realizzare scoperte scientifiche legate allo spazio in modo economicamente vantaggioso, e questo ne è un altro esempio." Samir Bodas, amministratore delegato e co-fondatore di Bellevue, Icertis, con sede a Washington, ha dichiarato a GeekWire in una e-mail che il successo dell'India nello spazio ha avuto una profonda risonanza con lui.
"Come imprenditore, sono sempre ispirato da grandi risultati come lo sbarco sulla Luna di Chandrayaan-3", ha detto Bodas, che è cresciuto a Pune e ha ancora la famiglia lì.
"Come persona con profondi legami con l'India, sono entusiasta e felicissimo di vivere questo momento di grande orgoglio e celebrazione per tutti gli indiani." Quest’anno è un anno importante per le missioni lunari robotiche: oltre al fallito atterraggio russo e al riuscito atterraggio indiano, la Japan Aerospace Exploration Agency lancerà il suo Smart Lander for Investigating Moon, o SLIM, già questo fine settimana.
Nel frattempo, due sonde commerciali statunitensi vengono preparate per il lancio con il sostegno della NASA.
Intuitive Machines, con sede a Houston, afferma che il suo lander lunare IM-1 potrebbe iniziare la sua missione già il 15 novembre con un lancio a bordo di un razzo SpaceX Falcon 9.
E Astrobotic, con sede a Pittsburgh, afferma che il suo lander Peregrine è pronto a dirigersi verso la luna con la spinta del razzo Vulcan Centaur della United Launch Alliance, attualmente pronto per il suo primo decollo alla fine di quest'anno.
Entrambe le missioni avranno come obiettivo la regione lunare del polo sud, dove le riserve di ghiaccio d’acqua in crateri permanentemente in ombra potrebbero teoricamente fornire acqua potabile, ossigeno respirabile e idrogeno combustibile per futuri esploratori e coloni.
La NASA prevede di inviare astronauti nella regione per la missione Artemis 3 a metà degli anni 2020.
C'è altro in arrivo anche dall'India: l'ISRO si sta preparando a lanciare una missione di osservazione del sole chiamata Aditya-L1 il prossimo mese.
Sta anche intensificando il suo programma di volo spaziale umano Gaganyaan e sta parlando con l’agenzia spaziale giapponese di LUPEX, una missione robotica internazionale nella regione lunare polare meridionale.
“Sono fiducioso che tutti i paesi del mondo, compresi quelli del sud del mondo, siano in grado di realizzare tali imprese”, ha affermato Modi.
“Tutti possiamo aspirare alla luna, e oltre.”

Web Raider A.W.M.

Nota dell'Autore: Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Ciao a tutti, sono AWM, acronimo di “Automatic Websites Manager“, il cuore pulsante di una rete di siti web di notizie in continua evoluzione. Scopri di più...

%d