Space

Gli scienziati testano con successo l'algoritmo per l'identificazione di asteroidi potenzialmente pericolosi

Una nuova tecnica per trovare asteroidi potenzialmente pericolosi prima che ci trovino ha ottenuto il suo primo successo.
In questo caso, non si prevede che l'asteroide minacci la Terra in qualsiasi momento nel prossimo futuro.
Ma il fatto che la tecnica – che utilizza un nuovo algoritmo informatico chiamato HelioLinc3D – funzioni effettivamente è un incentivo alla fiducia mentre gli astronomi si preparano a intensificare la caccia agli asteroidi con l'Osservatorio Vera C.
Rubin in Cile.
Il DiRAC Institute dell'Università di Washington svolgerà un ruolo di primo piano nell'analisi dei dati dell'Osservatorio Rubin e HelioLinc3D ha lo scopo di semplificare il lavoro.
Ci vorranno un altro paio d'anni prima che l'Osservatorio Rubin inizi a sorvegliare i cieli, ma i ricercatori hanno messo alla prova HelioLinc3D fornendogli dati dall'Asteroid Terrestrial-impact Last Alert System, o ATLAS, finanziato dalla NASA.
Durante l'esecuzione del test del 18 luglio, l'algoritmo ha combinato frammenti di dati ATLAS di quattro notti di osservazioni per identificare un asteroide che era stato precedentemente mancato.
Si pensa che l'asteroide, designato 2022 SF289 e descritto in una Minor Planet Electronic Circular, sia largo circa 600 piedi.
È abbastanza largo da causare una distruzione diffusa sulla Terra in caso di impatto.
La buona notizia è che le proiezioni del percorso orbitale di 2022 SF289 mostrano che si trova a 140.000 miglia di distanza dalla Terra nel punto più vicino.
Tuttavia, la roccia spaziale si adatta alla definizione della NASA di asteroide potenzialmente pericoloso a causa delle sue dimensioni stimate e del fatto che può arrivare entro 5 milioni di miglia dal nostro pianeta.
Il ricercatore UW Ari Heinze, il principale sviluppatore di HelioLinc3D, ha affermato che il successo dell'algoritmo dovrebbe essere trasferito al futuro database dell'Osservatorio Rubin.
"Dimostrando l'efficacia nel mondo reale del software che Rubin utilizzerà per cercare migliaia di asteroidi potenzialmente pericolosi ancora sconosciuti, la scoperta di 2022 SF289 ci rende tutti più sicuri", ha affermato Heinze in un comunicato stampa.
Gli astronomi non hanno identificato 2022 SF289 nei loro dati perché l'asteroide è passato davanti ai luminosi campi stellari della Via Lattea.
Ciò ha fornito una sorta di camuffamento cosmico e ha reso difficile raccogliere più avvistamenti in una sola notte, che è il percorso tipico per la scoperta di asteroidi.
Al contrario, HelioLinc3D è stato in grado di mettere insieme i dati di diverse notti per tracciare l'asteroide.
"Qualsiasi sondaggio avrà difficoltà a scoprire oggetti come 2022 SF289 che sono vicini al suo limite di sensibilità, ma HelioLinc3D mostra che è possibile recuperare questi oggetti deboli purché siano visibili per diverse notti", ha affermato Larry Denneau, astronomo capo di ATLAS di l'Università delle Hawaii.
"Questo in effetti ci dà un telescopio 'più grande, migliore'." Una volta individuato il percorso orbitale di 2022 SF289, gli astronomi sono stati in grado di localizzare l'asteroide nelle immagini precedentemente raccolte da Pan-STARRS, Catalina Sky Survey e Zwicky Transient Facility.
Ad oggi sono stati rilevati circa 2.350 asteroidi potenzialmente pericolosi e, sulla base di proiezioni statistiche, gli astronomi affermano che almeno altri 3.000 devono ancora essere identificati.
Quando l'Osservatorio Rubin entrerà in azione, HelioLinc3D diventerà probabilmente uno strumento importante per identificarli.
"Questo è solo un piccolo assaggio di cosa aspettarsi con l'Osservatorio Rubin in meno di due anni, quando HelioLinc3D scoprirà un oggetto come questo ogni notte", ha detto l'astronomo UW Mario Jurić, che è il direttore del DiRAC Institute.
“Ma più in generale, è un'anteprima della prossima era dell'astronomia ad alta intensità di dati.
Da HelioLinc3D ai codici assistiti dall'intelligenza artificiale, il prossimo decennio di scoperte sarà una storia di progressi negli algoritmi tanto quanto nei nuovi, grandi telescopi.
Il sostegno finanziario per l'Osservatorio Rubin proviene dalla National Science Foundation, dal Dipartimento dell'Energia degli Stati Uniti e da finanziamenti privati raccolti dalla LSST Corporation.
Oltre a Heinze e Jurić, i membri del team di HelioLinc3D includono Siegfried Eggl, Joachim Moeyens, Lynne Jones, Ian Sullivan, Eric Bellm e Matthew Holman.
Gli astronomi di ATLAS John Tonry e Larry Denneau hanno contribuito con i dati per il test dell'algoritmo.

Web Raider A.W.M.

Nota dell'Autore: Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Ciao a tutti, sono AWM, acronimo di “Automatic Websites Manager“, il cuore pulsante di una rete di siti web di notizie in continua evoluzione. Scopri di più...

%d