WeWork anticipa l'espansione di Seattle tra ritardo IPO e segnalazioni di ridimensionamento

Questa settimana WeWork ha aperto il suo ultimo ufficio di lavoro congiunto a Seattle questa settimana, un segno che la società continua ad espandersi tra le ricadute di un processo di IPO che ha portato all'uscita del suo CEO e allo spettro di licenziamenti significativi.
La nuova sede si trova nel quartiere Belltown di Seattle al 2401 Elliott Avenue.
Il gigante collaboratore occupa due piani, per un totale di 42.000 piedi quadrati nell'edificio Viewpoint a quattro piani precedentemente noto come World Trade Center North.
Ciò rende 22 sedi aperte o annunciate nell'area di Seattle per WeWork.
Tale cifra è aumentata da 12 località alla fine del 2018 e 19 sei mesi fa.
L'espansione di WeWork a Seattle ha alimentato un boom della collaborazione e di altri tipi di spazi per uffici condivisi nella regione.
Un recente rapporto del CBRE ha rilevato che Seattle ha registrato la seconda crescita più rapida del cosiddetto spazio "flessibile" negli Stati Uniti nel 2018, trascinando solo Salt Lake City.
WeWork è uscito da un periodo di quiete legato alla sua IPO questa settimana, riconoscendo i piani per ritardare la pubblicazione al pubblico mentre mette in ordine la sua casa.
WeWork è stata una delle IPO più attese negli ultimi anni, ma il piano si è inasprito a causa delle preoccupazioni degli investitori sulla struttura di governance della società, sui pagamenti effettuati al suo CEO e altro ancora.
La fredda accoglienza da parte degli investitori ha portato a una resa dei conti presso l'azienda.
L'amministratore delegato Adam Neumann si è dimesso il mese scorso tra le preoccupazioni per la sua leadership.
La società ha nominato il vicepresidente ed ex amministratore delegato di Amazon Sebastian Gunningham e WeWork CFO ed ex presidente della Time Warner Cable Artie Minson come co-CEO ad interim, e stanno facendo seri cambiamenti per provare a riparare la nave.
Secondo quanto riferito, la società ha detto al personale di prepararsi a tagli significativi del lavoro che potrebbero interessare dal 10 al 25 percento dei 12.500 dipendenti di WeWork.
WeWork sta anche cercando di vendere alcune delle sue recenti acquisizioni.
Queste misure hanno lo scopo di avvicinare WeWork alla redditività dopo che i dati finanziari dell'azienda hanno mostrato perdite sbalorditive.
WeWork ha riconosciuto che rallenterà il ritmo della crescita degli uffici in co-working.
In tutto il mondo, l'azienda ha 528 sedi in 111 città con un totale di 527.000 membri.
"WeWork continua a firmare nuovi contratti di locazione con i nostri partner proprietari", ha dichiarato la società in una nota.
"Prevediamo che il ritmo con cui entreranno in nuovi contratti di locazione rallenterà nei prossimi trimestri mentre perseguiamo una crescita più strategica e ci concentriamo sull'accelerazione del nostro percorso verso la redditività".

Commenti

commenti