I dipendenti AT&T di Seattle sono stati corrotti per installare malware per sbloccare il telefono sulla rete aziendale, affermano le autorità

Un cittadino pakistano di 34 anni è accusato di aver pagato più di $ 1 milione in tangenti ai dipendenti degli uffici e call center di Seattle presso AT&T per installare malware sulla rete aziendale per sbloccare milioni di smartphone.
Secondo un'accusa non ancora pubblicata oggi dal Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, Muhammad Fahd e un partner che si ritiene ora deceduto hanno sbloccato oltre 2 milioni di smartphone dal 2012 al 2017 che potrebbero essere tolti dalla rete e portati ad altri vettori.
AT&T ha perso più di $ 5 milioni all'anno a causa del presunto regime, secondo l'accusa.
Fahd avrebbe reclutato "addetti ai lavori" di AT&T per installare programmi malware che raccogliessero informazioni riservate e inoltrassero richieste di sblocco usando le credenziali dei dipendenti tramite un server remoto.
Ha incoraggiato gli addetti ai lavori a reclutare altri potenziali co-cospiratori e ha presumibilmente pagato un dipendente $ 428.500 in cinque anni.
Gli investigatori di AT&T sembrano aver aderito al sistema a un certo punto quando diversi lavoratori hanno lasciato l'azienda quando si sono confrontati sul loro coinvolgimento nel 2014.
Gli imputati hanno quindi assunto nuovi dipendenti per eseguire il loro piano.
L'obiettivo del presunto sistema, secondo l'accusa, era quello di "vendere ai membri del pubblico la conseguente capacità di sbloccare fraudolentemente i telefoni, in modo che i membri del pubblico potessero smettere di usare i servizi wireless AT&T e privare quindi AT&T del flusso di pagamenti era di proprietà in base ai contratti di servizio dei clienti e ai piani di pagamento rateale.
”L'accusa non riguarda il modo in cui Fahd è stato catturato.
È stato arrestato a Hong Kong nel febbraio 2018 su richiesta delle autorità statunitensi.
La scorsa settimana Fahd è stata estradata da Hong Kong negli Stati Uniti per affrontare 14 diverse accuse al tribunale federale di Seattle, tra cui frode via filo, violazione del Travel Act e danni intenzionali a un computer protetto.
"Questo imputato pensava di poter condurre in sicurezza il suo piano di corruzione e hacking dall'estero, guadagnando milioni di dollari mentre induceva i giovani lavoratori a scegliere l'avidità sulla condotta etica", ha dichiarato l'avvocato americano Brian T.
Moran del distretto occidentale di Washington.
"Ora sarà ritenuto responsabile della frode e delle vite che ha deragliato."

Commenti

commenti