WhatsApp ha citato in giudizio il governo indiano per proteggere la privacy degli utenti

WhatsApp è stata recentemente nelle notizie sulla sua nuova politica sulla privacy.
Mentre WhatsApp sostiene fermamente che la privacy degli utenti continua a essere mantenuta nella nuova politica sulla privacy, ha dovuto affrontare problemi legali in regioni come la Germania e anche ostacoli in India che gli impediscono di intraprendere azioni coercitive.
Ora, WhatsApp ha citato in giudizio il governo indiano nel tentativo di proteggere la privacy degli utenti in India, e il servizio potrebbe effettivamente essere dalla parte giusta su questo.
Secondo un rapporto di Reuters, WhatsApp ha presentato un reclamo legale presso l'Alta Corte di Delhi cercando di bloccare le nuove normative che entreranno in vigore mercoledì che altrimenti costringerebbero WhatsApp a violare la protezione della privacy sul suo servizio.
La causa presumibilmente invoca la Corte di dichiarare che una delle nuove regole è una violazione dei diritti alla privacy sanciti nella costituzione indiana, in quanto richiede alle società di social media di identificare il "primo autore di informazioni" su richiesta delle autorità governative.
Le nuove normative lo richiedono nel contesto dello smascheramento delle persone accusate di illeciti, ma tale azione non è possibile senza rompere la crittografia end-to-end per tutti i suoi utenti.
Nuove regole intermedie dell'India Torniamo indietro un po 'per capire cosa sta succedendo qui e cosa viene contestato da WhatsApp.
Il 25 febbraio 2021, il Ministero indiano dell'elettronica e della tecnologia dell'informazione e il Ministero dell'informazione e della radiodiffusione hanno emesso le nuove Regole sulla tecnologia dell'informazione (Linee guida intermedie e Codice etico dei media digitali), 2021 [denominate in breve "Regole degli intermediari"].
In base a queste regole, le piattaforme di social media classificate come "intermediari significativi di social media" avevano diversi obblighi che devono rispettare.
Il termine per adempiere a questi obblighi era di 3 mesi dalla data di notifica, ovvero il 25 maggio 2021.
In breve, queste nuove regole entrano in vigore oggi.
C'è più tecnicismo nella definizione di "intermediari significativi di social media", ma per motivi di comprensione, pensali come piattaforme di social media con più di 5 milioni di utenti registrati (da non confondere con Utenti attivi giornalieri o Utenti attivi mensili – solo utenti registrati e registrazioni di account di tutti i tempi).
In effetti, la definizione cattura piattaforme come Facebook, Twitter, WhatsApp, YouTube e molte altre al di là di esse.
Conformità Anche in questo caso, la legge è abbastanza tecnica, ma ecco un riepilogo delle conformità previste dalle nuove Regole: Rimozione dell'immunità dalle azioni legali per i contenuti pubblicati sulla piattaforma.
Tempistiche più brevi per rispondere alle richieste di assistenza e rimozione da parte delle agenzie governative.
Potenziale azione penale del responsabile dei reclami del servizio in caso di mancata risposta tempestiva a tali richieste.
Costituzione di residenti indiani impiegati all'interno del servizio / azienda come: Chief Compliance Officer per garantire la conformità alle leggi indiane.
Persona di contatto nodale per il coordinamento 24 ore su 24, 7 giorni su 7 con le forze dell'ordine.
Addetto ai reclami per aver rispettato le scadenze sulle richieste di rimozione e assistenza.
Consentire agli utenti di verificare volontariamente la propria identità su tali piattaforme utilizzando documenti di identità rilasciati dal governo.
Consentire la tracciabilità dell'originatore dei messaggi sulla propria piattaforma e consentire al governo di richiedere il contenuto del messaggio.
Abilita strumenti automatici per identificare e rimuovere diversi tipi di contenuti discutibili e qualsiasi informazione che sia esattamente identica a quella precedentemente rimossa.
Come puoi vedere, alcune delle conformità sono abbastanza onerose e difficili da implementare senza cambiare in modo significativo il modo in cui Internet, i social media e la messaggistica istantanea funzionano in India.
La nuova causa e le controversie di WhatsApp contro la "tracciabilità" La nuova causa di WhatsApp è contro queste nuove regole, con un grande focus sul punto numero 5 di cui sopra, cioè la tracciabilità.
Si dice che la causa citi una sentenza della Corte suprema indiana del 2017 (KS Puttaswamy contro Union of India) che aveva affermato che il diritto alla privacy era un diritto fondamentale già sancito dalla Costituzione indiana.
La corte ha ritenuto che la privacy deve essere preservata tranne nei casi in cui la legalità, la necessità e la proporzionalità hanno tutte pesato contro di essa.
WhatsApp sostiene che la legge fallisce tutti e tre questi test, a cominciare dalla mancanza di un sostegno parlamentare esplicito.
Al di fuori della causa, WhatsApp ha anche pubblicato una FAQ sulla tracciabilità, sostenendo che la tracciabilità richiede servizi di messaggistica per archiviare informazioni che possono essere utilizzate per accertare il contenuto dei messaggi delle persone, infrangendo così le stesse garanzie fornite dalla crittografia end-to-end.
Per tracciare anche un messaggio, i servizi dovrebbero tracciare ogni messaggio.
Non esiste un modo efficace per tracciare un messaggio in particolare senza mettere in atto un meccanismo per tracciare tutti i messaggi sulla piattaforma, poiché non c'è nulla per prevedere quale messaggio un governo vorrebbe indagare in futuro.
WhatsApp sostiene persino nelle FAQ che un governo che sceglie di imporre la tracciabilità sta effettivamente imponendo una nuova forma di sorveglianza di massa.
Per conformarsi, i servizi di messaggistica dovrebbero mantenere enormi database di ogni messaggio inviato o aggiungere un timbro di identità permanente, come un'impronta digitale, ai messaggi privati con amici, familiari, colleghi, medici e aziende.
Le aziende raccoglieranno più informazioni sui propri utenti in un momento in cui le persone desiderano che le aziende abbiano meno informazioni su di loro.
La tracciabilità viola anche i diritti umani, poiché obbliga le aziende private a consegnare i nomi di persone che hanno condiviso qualcosa anche se non l'hanno creato, condiviso per preoccupazione o inviato per verificarne l'accuratezza.
Attraverso un tale approccio, persone innocenti potrebbero essere coinvolte nelle indagini, o addirittura andare in prigione, per la condivisione di contenuti che in seguito diventano problematici agli occhi di un governo, anche se non hanno significato alcun danno condividendoli in primo luogo.
Inoltre, non c'è nulla che dimostri che la tracciabilità potrebbe funzionare anche per gli scopi previsti.
Tracciare i messaggi sarebbe inefficace e altamente suscettibile di abuso.
Pensa a questo come a un albero con molti rami: guardare solo un ramo non ti dice quanti altri rami ci sono.
Le FAQ di WhatsApp continuano quindi a presentare le opinioni di diversi esperti, tra cui Mozilla, Stanford Internet Observatory, Electronic Frontier Foundation e Internet Freedom Foundation.
Per farla breve, tutti credono che le nuove regole intermedie infrangeranno la crittografia end-to-end in India.
Qual è il prossimo? I dettagli della causa non sono completamente disponibili in questo momento.
Ma parlando per esperienza, l'Alta corte di Delhi elencherà la questione per una data futura e consentirà a WhatsApp e al governo di presentare le loro argomentazioni.
Nel frattempo, l'Alta Corte potrebbe scegliere di fornire un provvedimento ingiuntivo e impedire che i requisiti di conformità entrino in vigore fino al completamento della causa.
Tieni presente che WhatsApp non è il primo a intentare un'azione legale contro queste Regole degli intermediari poiché le questioni sono pendenti in molte altre alte corti in India.
Ma è sicuramente uno dei nomi più importanti a opporsi legalmente alle nuove Regole degli intermediari.
Inoltre, si noti che questa particolare causa è completamente separata da qualsiasi indagine normativa e in attesa di procedimenti giudiziari contro WhatsApp sulla sua nuova politica sulla privacy che prevede la condivisione di alcuni dati con Facebook.
Le piattaforme di social media saranno bandite in India? In vista della scadenza del termine di conformità delle Regole intermedie, su Facebook, Twitter, Instagram e WhatsApp si vociferava che tutti questi servizi sarebbero stati banditi in India alla fine della giornata, il 25 maggio 2021.
Come già possiamo vedete, queste erano voci infondate.
I servizi non vengono banditi, almeno non immediatamente.
Le nuove regole intermedie sono state interpretate erroneamente per clickbait da aziende SEO e influencer.
Le nuove regole intermedie rimuovono l'immunità dall'azione penale per queste piattaforme di social media, ma da sole non consentono un "divieto" immediato.
Il post che WhatsApp ha citato in giudizio il governo indiano per proteggere la privacy degli utenti è apparso per la prima volta su xda-developers.

Commenti

commenti