Univ. di Washington, Icosavax raccoglie 51 milioni di dollari per combattere i virus con vaccini progettati per computer

Icosavax, startup biotech con sede a Seattle, oggi ha incassato 51 milioni di dollari in finanziamenti per creare vaccini da virus artificiali.
Il finanziamento della serie A è stato guidato da Qiming Venture Partners USA insieme a Adams Street Partners, Sanofi Ventures e NanoDimension.
La maggior parte dei vaccini forma il corpo per proteggere dalle malattie usando agenti biologici, spesso usando una forma innocua della malattia da cui vogliono proteggere.
Icosavax, uno spinout dell'Università di Washington, sta affrontando il problema in modo leggermente diverso.
L'avvio sta creando particelle simili a virus (VLP) progettate su computer con tecnologia concessa in licenza dall'Institute for Protein Design (IPD) presso l'UW.
“[VLPs] sembrano e odorano di virus, motivo per cui si ottiene questa grande attività del sistema immunitario.
Ma sono sicuri perché non sono virus ", ha dichiarato il CEO di Icosavax Adam Simpson a GeekWire.
Le particelle sono attualmente utilizzate nei vaccini approvati per l'HPV e l'epatite B.
Il primo obiettivo di Icosavax è quello di creare un vaccino per il virus respiratorio sinciziale (RSV) negli adulti e proseguire gli studi clinici.
In futuro, hanno in programma di utilizzare la stessa tecnologia anche contro altri virus.
L'RSV è simile all'influenza ed è particolarmente pericoloso per i neonati e gli anziani.
Le infezioni degli adulti sono responsabili di 177.000 ricoveri e 14000 decessi negli Stati Uniti ogni anno, secondo il CDC.
Icosavax è l'ultima azienda a uscire dall'IPD, guidata dal professor David Baker.
L'istituto ha vinto $ 45 milioni all'inizio di quest'anno dal progetto Audacious di TED ed è responsabile del lancio di startup Arzeda, Cyrus Biotechnology, PvP Biologics, Virvio, Neoleukin Therapeutics e A-Alpha Bio.
"Quello che stanno facendo all'IPD è scientificamente incredibile", ha affermato Simpson, che è anche CEO di PvP Biologics, che sta lavorando a un farmaco per la celiachia.
La tecnologia VLP è stata inventata dal ricercatore IPD Dr.
Neil King, che è presidente del comitato consultivo scientifico dell'azienda.
Il consiglio di amministrazione dell'azienda è guidato da Tadataka (Tachi) Yamada, ex capo medico e scientifico di Takeda Pharmaceuticals.
Normalmente, sarebbe difficile creare un VLP per un RSV simile a un virus a causa della complessità coinvolta.
Icosavax ha risolto questo problema con l'aiuto delle proteine che hanno progettato usando i computer.
Costruendo proteine da zero, il team è stato in grado di scomporre il complesso problema biologico in parti più gestibili.
Se combinate, quelle parti si uniscono per formare il VLP.
"Siamo rimasti estremamente colpiti da questo nuovo approccio che utilizza la progettazione di proteine computazionali per creare vaccini basati su VLP che hanno migliorato l'efficacia e sono semplici da produrre", ha dichiarato Mark McDade, Managing Partner di Qiming, in una nota.
Il consiglio di amministrazione di Icosavax comprende anche Simpson, McDade, Terry Gould, partner di Adams Street, responsabile degli investimenti statunitensi presso Sanofi Ventures Jason Hafler e Eric Moessinger, partner di NanoDimension.
L'ex dirigente di Takeda, il dott.
Doug Holtzman, è il principale responsabile scientifico di Icosavax, mentre l'ex dirigente dei Vaccini della GSK, il dott.
Niranjan Kanesa-thasan, è il principale ufficiale medico.

Commenti

commenti