Un nuovo mondo per gli unicorni: cosa significa il flop WeWork per le migliori startup e prospettive IPO di Seattle

La drammatica caduta in disgrazia di WeWork, che ha visto la sua valutazione scendere da $ 47 miliardi a $ 8 miliardi segnalati nel mezzo di un fiasco dell'IPO, è stato solo un esempio di una resa dei conti più ampia per le nuove società pubbliche – e un campanello d'allarme per coloro che pensano a un IPO.
Solo Uber e Lyft hanno visto scomparire circa 40 miliardi di dollari in valore di mercato dalla loro IPO la scorsa primavera.
Allo stesso modo, altre società pubbliche come SmileDirectClub, Peloton e Slack hanno visto le loro valutazioni scendere molto al di sotto del prezzo del giorno di apertura.
Gli investitori hanno anche ridotto le valutazioni delle società nel nord-ovest del Pacifico che sono diventate pubbliche dal 2018.
Dopo aver raggiunto il picco in agosto e settembre, le azioni di Adaptive Biotechnologies sono diminuite del 51%, Smartsheet è crollato del 22% e Avalara e nLight sono entrambe in calo del 17%.
DocuSign, che è stata fondata a Seattle prima di spostare la sua sede principale a San Francisco, ha invertito la tendenza con un guadagno del 23% a seguito di un recente minimo ad agosto.
Cosa significa tutto ciò per il prossimo raccolto di startup con valutazioni elevate che potrebbero diventare pubbliche? Sul GeekWire 200, la nostra classifica mensile delle società tecnologiche del Pacifico nord-occidentale, diverse aziende hanno guadagnato il soprannome di unicorno con valutazioni da miliardi di dollari.
Includono Outreach, OfferUp, Convoy, Auth0, Icertis e il nuovo arrivato Vacasa, la startup di case vacanza con sede a Portland, in Oregon, che si è unita alla coorte questa settimana con un giro di $ 300 milioni.
Anche la startup di dog sitter Rover e la compagnia di rimesse Remitly sono vicine al miliardo di dollari.
Abbiamo parlato con analisti, amministratori delegati, investitori e altri per saperne di più sulle prospettive IPO per il 2020.
Più sicuri a margine? Bill Bryant, un partner di venture capital con sede a Seattle con Threshold Ventures, ha predetto con precisione che il 2019 sarebbe un anno tranquillo per le offerte pubbliche nella regione di Seattle, poiché gli investitori richiedono sempre più ricavi e metriche di crescita più elevate che poche aziende possono soddisfare.
Adaptive è stata l'unica società ad essere resa pubblica quest'anno, e sebbene le sue azioni siano raddoppiate il primo giorno di negoziazione, le azioni si sono stabilizzate al 30 percento al di sopra del prezzo di offerta iniziale.
A seguito della saga di WeWork, gli investitori saranno più inclini a "guardare dietro le tende" delle startup di alto valore, ha affermato Dana Settle, partner fondatore di Greycroft, al vertice GeekWire all'inizio di questo mese.
"Andando avanti ci sarà molto più controllo sui modelli di business e non solo sul mercato", ha affermato.
Anche le società di software aziendali possono aspettarsi una maggiore pressione da parte degli investitori per dimostrare come diventeranno redditizi, ha affermato Paul Condra, un analista di tecnologia emergente presso PitchBook.
"Se non hai bisogno di diventare pubblico, puoi semplicemente aspettare che le acque si calmino un po '", ha aggiunto.
Secondo Goldman Sachs, meno di un quarto della classe IPO di quest'anno avrebbe registrato un utile netto positivo.
Questa è una quota ancora più piccola di quanto fosse redditizia in vista del busto delle dotcom.
Il risultato è che un terzo delle startup a livello di unicorno ha valutato le proprie quote IPO al di sotto del proprio finanziamento privato più recente, secondo PitchBook.
Le elezioni presidenziali del 2020 potrebbero anche mettere un freno alle mega-IPO nei prossimi trimestri.
"I dati storici ci dicono che l'incertezza causata dalle elezioni statunitensi tende ad avere un effetto rallentamento sull'attività delle IPO e che la velocità di raccolta per il ciclo IPO post-elettorale dipende anche dallo stato dell'economia e dalla crescita", ha affermato Tim Tasker, Managing partner di Seattle presso Ernst & Young.
Ma Bryant prevede più attività nel prossimo futuro.
Si aspetta che le aziende del Pacifico nordoccidentale da 2 a 4 testino la ricettività nei mercati pubblici nei prossimi 12-18 mesi.
Ha detto che c'è un gruppo di circa sei startup che "si adattano al profilo e si trovano in mercati abbastanza grandi da resistere a società pubbliche".
"C'è troppo valore represso in aziende che sono private da 6 a 10 anni e superano i 100 milioni di dollari di entrate ", ha affermato.
"Hanno sostenuto una crescita e un'economia unitaria comprovata man mano che si espandono con forti profili di margine lordo." I CEO di Unicorn non si sono fatti attendere Da quando Amazon è stata fondata nel 1994, 32 startup nel Pacifico nord-occidentale sono diventate unicorni, secondo un'analisi di Dan Li del Madrona Venture Group .
Aziende come Convoy, Auth0 e Outreach hanno raggiunto il traguardo dopo aver raccolto round di investimento a tre cifre quest'anno, e altri su GeekWire 200 potrebbero arrivare presto.
Vi sono prove del fatto che le valutazioni private alle stelle non si traducono in successi di società pubbliche.
Le start-up che hanno raccolto oltre $ 100 milioni prima dell'IPO hanno visto le loro azioni guadagnare molto meno delle start-up con un supporto di capitale di rischio inferiore, secondo un'analisi di CB Insights.
Ma i CEO di startup molto apprezzate nel nord-ovest del Pacifico hanno affermato che i titoli che proclamano "sangue di unicorno nelle strade" non li hanno influenzati.
"Non mi interessa esattamente quale sia il nostro status, unicorno o no", ha dichiarato Dan Lewis, CEO della startup Convoy di autotrasporti, quando è stato chiesto al GeekWire Summit.
“Il modo in cui funziona l'autotrasporto oggi è inefficiente.
Spreca tempo, crea un'enorme quantità di emissioni extra inutili.
Ci sono molti costi aggiuntivi.
Le strutture sono pazze per entrare e uscire.
E la tecnologia e i dati lo renderanno migliore ".
Manny Medina, CEO della startup di automazione delle vendite Outreach, ha dichiarato:" La parola unicorno è stata appena abusata in questo momento perché chiunque abbia una valutazione elevata e gonfiata può qualificarsi ".
Ha aggiunto che l'intelligenza artificiale e le tecnologie di automazione stanno “consegnando dollari veri”.
Le società di software vantano una lunga tradizione di perdita di profitti a causa di elevati margini lordi, ha affermato Matthew Kennedy, stratega senior del mercato IPO presso Renaissance Capital.
"Il recente gruppo – WeWork, Uber, Lyft – non ha proprio quel modello collaudato", ha detto.
E nonostante i problemi di alcune aziende tecnologiche, le condizioni di mercato per le società pubbliche sono ancora molto positive.
L'S & P 500 ha raggiunto un nuovo massimo proprio questa settimana e anche le valutazioni delle società quotate in borsa sono complessivamente elevate.
"Penso che ci siano molte aziende che sarebbero felici di rendere pubbliche quelle che il mercato è disposto a pagare", ha affermato Kennedy.
"Non credo che sarebbero intelligenti per essere troppo più avidi o per aspettare che le condizioni del mercato migliorino".

Commenti

commenti