Geek of the Week: una star di Getty Images, Dan Gifford è passato dall'astronomia alla visione artificiale

Crescendo, Dan Gifford è stato incoraggiato a utilizzare sia la parte creativa che quella analitica del suo cervello in vari modi e ad essere ben arrotondato.
Gifford praticava molti sport ed era competitivo nel golf e nella corsa a lunga distanza.
A 13 anni, si unì a un club di astronomia locale e la passione lo portò dal guardare attraverso un telescopio da 6 pollici agli eventi della comunità a sedersi dietro i comandi di un telescopio da 6,5 metri durante il suo lavoro di laurea.
Gifford ha conseguito un dottorato di ricerca in astrofisica presso l'Università del Michigan nel 2015, ma oggi invece di guardare nello spazio, il nostro Geek of the Week sta cercando nella distesa di fotografie di Getty Images come uno scienziato esperto di dati specializzato in visione artificiale.
"Avere una profonda conoscenza della fotografia come arte mi ha aiutato a comunicare con i molti esperti visivi creativi che lavorano in Getty Images", ha detto Gifford.
“Tali relazioni hanno portato a progetti che hanno giovato al nostro team e al loro.
Mentre mi mancano molti aspetti dell'astronomia come professione, una cosa unica in quel campo è che il cielo notturno è aperto a chiunque! Nonostante il cambio di carriera, la mia passione per il settore non è diminuita.
Continuo a partecipare agli eventi di astronomia locale e mi tengo aggiornato con le ultime ricerche.
”Gifford e i team di Getty utilizzano algoritmi avanzati per aiutare i clienti – molti dei quali aziende con un marchio riconoscibile – a trovare le immagini perfette per la loro prossima campagna.
"Il marchio può riguardare ciò che è nell'immagine, come è composta l'immagine, lo stile di illuminazione o la tavolozza dei colori", ha detto Gifford.
"Comprendere i nostri contenuti e clienti attraverso questi, e molte altre dimensioni ci consente di raccomandare gli elementi visivi che risuonano con quei creativi e risparmiarli lo sforzo di cercare nella nostra biblioteca di oltre 200 milioni di immagini." Nel suo tempo libero, Gifford si diverte in vacanza con la famiglia e documentando fotograficamente la sua vita con la moglie e il figlio di 1 anno.
Ama ancora giocare a golf e allenarsi per lunghe tirature.
Scopri di più su Geek of the Week di questa settimana, Dan Gifford: cosa fai e perché lo fai? Durante il mio lavoro di laurea, la mia passione per l'astronomia osservativa si è trasformata in un amore per i dati visivi e gli algoritmi per dargli un senso.
Dopo aver conseguito la laurea, sono stato assunto come scienziato di dati presso Getty Images e ho iniziato a sviluppare le mie competenze in materia di intelligenza artificiale e visione artificiale.
Ora, in qualità di senior data scientist focalizzato principalmente sulla visione artificiale, collaboro con molti team diversi di Getty Images per risolvere problemi impegnativi nell'adattare le immagini alle esigenze dei nostri clienti.
Come il mio lavoro di studio delle galassie ai margini dell'universo, comprendere le nostre immagini e i nostri clienti è una sfida complessa e difficile che richiede di sfruttare algoritmi all'avanguardia.
In molti casi, i problemi su cui lavoro sono assolutamente unici e non sono mai stati risolti prima.
Questo è esattamente il lavoro che amo fare.
Qual è la cosa più importante che le persone dovrebbero sapere sul tuo campo? Mentre al momento le parole intelligenza artificiale e apprendimento automatico sono ovunque, instillano allo stesso tempo ottimismo e paura.
L'intelligenza artificiale è solo l'ultimo strumento che abbiamo sviluppato per risolvere problemi difficili, ma quali problemi noi, come società, risolviamo o creiamo dipende da noi, non dall'algoritmo.
In casi come il pregiudizio algoritmico, non è l'algoritmo che ha deciso di essere distorto; invece, l'essere umano responsabile della formazione utilizzava dati distorti o incompleti.
In molti modi, gli algoritmi che creiamo agiscono come un mirror che rivela e amplifica tratti nei nostri dati che potrebbero essere stati persi in precedenza.
Considero questa un'opportunità incredibile per scoprire e discutere questi pregiudizi esistenti in modo che i nostri sistemi possano migliorare e diventare più inclusivi di quanto farebbero senza di loro.
Dove trovi la tua ispirazione? Sono entusiasta dei prodotti che trovano un modo per sfruttare l'intelligenza artificiale e renderla naturale.
È facile per le aziende che investono molto nell'intelligenza artificiale esporre il fatto che i loro prodotti si basano su algoritmi avanzati, ma se il prodotto risolve un problema critico, pochissimi utenti si preoccuperanno di come funziona e si innamoreranno di ciò che consente loro di fare.
Qual è l'unico pezzo di tecnologia senza il quale non potresti vivere e perché? La fotocamera del mio iPhone.
È sorprendente quanto io faccia affidamento su di esso per catturare immagini e video mentre mio figlio cresce e impara cose nuove.
Com'è il tuo spazio di lavoro e perché funziona per te? Il mio spazio di lavoro include un laptop, due monitor e un desktop attorno a una scrivania sit-stand.
Gli schermi di grandi dimensioni sono perfetti per lavorare con le immagini e il desktop contiene una GPU per un efficiente addestramento della rete neurale.
Ho iniziato a usare una scrivania da sit-stand diversi anni fa e ora non so cosa farei senza di essa.
Lo spazio è ben illuminato con luce naturale perché direttamente dietro di me c'è una finestra che si affaccia su CenturyLink Field dove Seahawks e Sounders chiamano casa.
Non è un brutto posto dove andare a lavorare tutti i giorni! Il tuo miglior consiglio o trucco per gestire il lavoro e la vita di tutti i giorni.
(Aiutaci, ne abbiamo bisogno.) Due anni fa ho disattivato tutte le notifiche e-mail e le notifiche push di Slack sul mio telefono.
Se ho tempo di controllarli, allora lo faccio; altrimenti, non lascio che mi distraggano da ciò su cui mi concentro al momento.
Mac, Windows o Linux? Mac e Linux.
Kirk, Picard o Janeway? Picard.
Trasportatore, macchina del tempo o mantello dell'invisibilità? Trasportatore.
Se qualcuno mi avesse dato $ 1 milione per lanciare una startup, …
Prima assumerei persone intelligenti e appassionate per sperimentare idee.
Una volta ho aspettato in fila per …
Cinque ore per il giro Rocket Rods a Disneyland.
I tuoi modelli di ruolo: mio nonno.
Ha vissuto una vita piena sia a livello professionale che personale e spero di poter ottenere un successo simile nella mia vita.
Il gioco più bello della storia: adoro il football universitario e ho avuto abbonamenti ai giochi del Michigan durante la scuola di specializzazione.
Il gioco più folle che ho visto dal vivo è stato il gioco notturno tra Michigan e Notre Dame nel 2011.
Tre touchdown nell'ultima 1:22 per dare la vittoria al Michigan.
Il miglior gadget di sempre: essere papà mi ha dimostrato quanto sia preziosa la cerniera per il buonsenso dell'umanità.
Primo computer: un PC gateway.
Telefono corrente: iPhone 7.
App preferita: Google Foto.
Causa preferita: water.org.
La tecnologia più importante del 2019: servizi di streaming.
La tecnologia più importante del 2021: auto elettriche.
Ultime parole di consiglio per i tuoi compagni geek: lascia che la tua curiosità ottenga il meglio da te! Twitter: @danwgifford LinkedIn: Dan Gifford

Commenti

commenti