Geek of the Week: la curiosità dentro e fuori la Terra di Kathleen Hoza alimenta il lavoro scientifico in First Mode

Kathleen Hoza nutriva una curiosità per la curiosità.
Durante uno stage presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA, lavorando nel team di operazioni di ingegneria per Curiosity, Hoza è sempre stata incuriosita dalla scienza svolta dal rover exploration di Marte.
Quindi, quando si è presentata l'opportunità di continuare a lavorare con Curiosity, ma è passato al team di operazioni scientifiche attraverso un programma di laurea in geologia alla Western Washington University, ha colto al volo l'occasione.
Ora, la nostra ultima Geek of the Week sta usando le sue abilità come ingegnere di sistema con First Mode a Seattle, dove sta lavorando a progetti che vanno dalle missioni planetarie di scienza alle imprese minerarie.
"Come ingegnere di sistemi con un background in geologia e scienze planetarie, sono appassionato di utilizzare le innovazioni ingegneristiche per espandere le frontiere della conoscenza umana sia dentro che fuori dal pianeta", ha affermato Hoza, che ha studiato ingegneria aerospaziale presso il MIT.
First Mode è stato lanciato dagli ingegneri veterani di Planetary Resources, la società mineraria di asteroidi con sede a Redmond, nello stato di Washington.
Hoza ha affermato che vedere la gioia per il successo dell'atterraggio di Curiosity su Marte nel 2012, durante il suo primo internato alla NASA, è stata un'esperienza formativa.
Risolvere i problemi elettrici nel trapano del rover durante la sua permanenza in JPL è stato divertente e, di recente, immergendosi nelle scoperte geologiche del rover, ha visto il rovescio della medaglia nel lavorare con la missione.
"Quel robot è stato parte della mia vita per un po 'di tempo ormai, e sarà sempre molto speciale per me", ha detto Hoza.
Ma Hoza ha "sentimenti molto contrastanti" quando si tratta di esplorazione dello spazio umano.
Riesce a vedere che l'idea di viaggiare nello spazio ha ispirato molte persone e ha motivato innumerevoli bambini a interessarsi alla scienza.
E avere gli stivali dei ricercatori umani sul terreno extraterrestre può portare a progressi di vasta portata nella scienza planetaria.
"Tuttavia, il volo spaziale umano è anche ad alta intensità di risorse e sospetto che tali risorse potrebbero avere un impatto maggiore se fossero spese in missioni robotiche in luoghi quasi impossibili da visitare per gli umani (almeno con la tecnologia attuale)", ha detto Hoza.
“Probabilmente anche pertinente è che non mi sento molto investito nel preservare la razza umana, e sono d'accordo con il rischio dello scenario in cui siamo tutti spazzati via da un enorme impatto meteorico.
Proprio come vedo ogni singola morte umana come una tragedia e una causa di gioia, sono pronta ad accettare l'eventuale morte dell'umanità come specie come parte del piano più grande.
”Ulteriori informazioni su Geek of the Week di questa settimana , Kathleen Hoza: che cosa fai e perché lo fai? Molti di noi di First Mode hanno le proprie radici nel settore spaziale.
Usiamo le competenze che abbiamo sviluppato per lo spazio per affrontare complessi problemi di ingegneria dei sistemi sia dentro che fuori la Terra.
Questi progetti spaziano dalle collaborazioni con la NASA a missioni scientifiche planetarie come Psiche ed Europa allo sviluppo di nuove tecnologie sostenibili che aiutano le compagnie minerarie sulla Terra a essere più produttive e più rispettose dell'ambiente.
Credo che la conoscenza sia fondamentalmente buona e sono motivata dal desiderio di far parte del viaggio umano verso una comprensione più profonda di tutti gli aspetti del mondo che ci circonda.
Qual è la cosa più importante che le persone dovrebbero sapere sul tuo campo? I sistemi complessi non cambiano sempre gradualmente.
Più spesso, attraversano quello che viene chiamato equilibrio punteggiato.
Ciò significa che sperimenteranno lunghi periodi di apparente stabilità interrotti da periodi di improvviso cambiamento.
Ad esempio, la Terra ha avuto un clima relativamente stabile e mite nel corso della storia umana, con calotte glaciali rimaste al di sopra di circa 45 gradi circa anche durante le ere glaciali.
Tuttavia, i modelli climatici ci dicono che se le calotte glaciali dovessero estendersi molto più vicino all'equatore, l'ampia area di superficie bianca e riflettente rifletterebbe una percentuale così elevata di luce solare incidente nello spazio che il pianeta si raffredderebbe rapidamente ulteriormente.
Ciò porterebbe alla formazione di ghiacciai ancora più riflettenti il calore e man mano che il ciclo di feedback positivo continuasse, l'intero pianeta sarebbe stato racchiuso in uno strato di ghiaccio solido.
Per quanto sorprendente possa sembrare, la documentazione geologica ci dice che questo scenario è probabilmente accaduto almeno una volta nella storia della Terra.
CORRELATO: First Mode celebra i primi passi nell'esplorazione dello spazio – e guarda avanti verso la luna Un aspetto chiave di queste osservazioni è che con sistemi complessi, non possiamo semplicemente aspettare che inizino a fallire e supporre che saremo in grado di risolvere il problema in seguito.
Spesso quando vediamo gli effetti di un problema è troppo tardi.
Invece, dobbiamo sviluppare una comprensione fondamentale di come i pezzi si incastrano e interagiscono in modo da poter superare i problemi prima di aver già varcato una soglia e ribaltato il sistema dall'equilibrio.
Dove trovi la tua ispirazione? La mia ispirazione deriva da una convinzione profondamente radicata che il mondo naturale che ci circonda è intrinsecamente bello e intrinsecamente buono.
Credo che questa bontà della creazione rifletta un buon Creatore e credo che ogni volta che impariamo qualcosa di nuovo sull'universo, sia per quanto riguarda la formazione di granito su Venere o la concentrazione di platino nel minerale sudafricano, impariamo qualcosa di nuovo su Dio.
Per me l'universo è una cattedrale e la scienza e l'ingegneria sono una forma di preghiera.
Qual è l'unico pezzo di tecnologia senza il quale non potresti vivere e perché? Ho un dispositivo di localizzazione collegato alle mie chiavi e al mio portafoglio.
Non ho intenzione di dire che non potrei vivere senza di essa, ma probabilmente mi ha risparmiato giorni di ricerca di cose a questo punto.
Com'è il tuo spazio di lavoro e perché funziona per te? Per me, un buon spazio di lavoro ha più a che fare con ciò che accade nella mia testa che con l'ambiente esterno.
Cerco di mantenere un buon spazio di lavoro mentale intenzionalmente a decidere quali treni del pensiero continuare a esplorare, quali salvare per dopo e quali far deragliare in modo permanente.
Disclaimer: questo non è in realtà il mio cervello …
Il tuo miglior consiglio o trucco per gestire il lavoro e la vita di tutti i giorni.
(Aiutaci, ne abbiamo bisogno.) Prenditi il tempo per essere grato per le piccole cose, le cose grandi e tutto il resto.
Non importa se è una giornata fantastica o dura, c'è sempre più positivo che negativo nel mondo se ci prendiamo il tempo di vederlo.
Mac, Windows o Linux? Chi non ama i pinguini? Kirk, Picard o Janeway? Malcolm Reynolds.
Trasportatore, macchina del tempo o mantello dell'invisibilità? Transporter: pensa a tutti gli esopianeti che potremmo visitare !! Anche se sono anche abbastanza curioso del nostro sistema solare qualche miliardo di anni fa, quindi una macchina del tempo non sarebbe neanche male.
Se qualcuno mi avesse dato $ 1 milione per lanciare una startup, avrei …
Avviato un'azienda in cui avrei potuto collaborare con altre startup spaziali e la NASA per esplorare le domande relative all'evoluzione del sistema solare e all'astrobiologia, usando allo stesso tempo i processi di ingegneria dei sistemi per risolvere i problemi qui Terra …
Probabilmente vorrei chiamarlo First Mode, ma quel nome è stato preso.
Una volta ho aspettato in fila per …
Il mio turno di toccare una roccia lunare.
I tuoi modelli: ho sempre voluto emulare la capacità dei miei genitori di insegnare e guidare senza mai scoraggiare la libertà di pensiero.
Ora, ho un altro modello in mio marito Tyler, insieme ai suoi figli Jackson e Leander.
Imparare a vedere il mondo più come il modo in cui un bambino di 5 anni vede farebbe molto bene a noi, e sono grato di averli lì per guidarmi.
Il miglior gioco della storia: direi diplomazia, ma non sono sicuro che "gioco" sia davvero la parola giusta.
Il miglior gadget di sempre: la caffettiera Aeropress.
O il rover Curiosity della NASA.
È una chiamata difficile.
Primo computer: Commodore Amiga.
Telefono corrente: il mio telefono sembra essere stato mangiato da questo pazzo computer in miniatura / fotocamera / GPS / accelerometro / torcia / Non so cosa altro in tasca.
Effettua comunque chiamate.
App preferita: Guida agli uccelli di Sibley! Sento lo stesso senso di meraviglia mentre esploro le aree all'aperto del PNW mentre sento apprendere i canali fluviali di Marte o l'atmosfera di Venere, e questa app è fantastica per conoscere alcuni dei nostri amici pennuti locali! Ha anche registrazioni di canti di uccelli per la maggior parte delle specie! Causa preferita: ampliare la portata dell'esplorazione del sistema solare.
La curiosità è il mio robot preferito, ma mi piacerebbe molto vedere più attenzione ai pianeti (e alle lune) diversi da Marte.
C'è così tanto da esplorare, e non abbiamo nemmeno graffiato la superficie di molti mondi estremamente promettenti con un potenziale molto elevato per illuminare l'evoluzione planetaria e l'astrobiologia.
Fortunatamente, ci sono alcune missioni molto interessanti in cantiere, ad esempio Europa Clipper e Dragonfly, che esploreranno entrambe le lune ghiacciate nel sistema solare esterno.
La tecnologia più importante del 2019: era il 2018, ma ero molto entusiasta del fatto che CubeSats interplanetario venisse dimostrato per la prima volta con MarCo A e B che monitoravano l'ingresso, la discesa e il processo di atterraggio di InSight.
Penso che CubeSats abbia davvero aperto la porta a un coinvolgimento molto più ampio nelle scienze spaziali incentrate sulla Terra da parte di università e altri collaboratori a budget relativamente basso, e sono entusiasta di vedere come MarCo A e B possono preparare il terreno per un coinvolgimento più ampio in profondità anche missioni spaziali.
La tecnologia più importante del 2021: il prossimo rover su Marte ha a bordo un piccolo elicottero da ricognizione che sarà il primo velivolo interplanetario quando vola nel 2021.
Questo è eccitante da solo, ma può anche essere visto come un precursore di una missione di velivoli da 450 kg per La luna di Titano, programmata per il lancio di Saturno, nel 2026.
Questa missione, chiamata Dragonfly, esplorerà i complessi processi che modellano la superficie e l'atmosfera di Titano e ha il potenziale per ridefinire ciò che pensiamo sia abitabile mentre investiga il freddo estremo ma ancora ricco di liquidi ambiente della superficie lunare.
Ultime parole di consiglio per i tuoi compagni geek: non perdere mai il senso di meraviglia e timore reverenziale, e continua sempre a trovare gioia nell'universo.
Sito Web: First Mode LinkedIn: Kathleen Hoza

Commenti

commenti